Traduttore: S. Pezzani, F. Siracusa
Editore: Rizzoli
Collana: Vintage
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 358 p., Brossura
  • EAN: 9788817080699
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 7,02

€ 13,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    achi53

    29/05/2015 19:18:17

    Non è' certo il miglior romanzo di Deaver, ho fatto parecchio fatica a seguire l'intreccio all'inizio, poi verso pag. 100 e' diventato più' scorrevole e piacevole. Poi il solito finale a sorpresa , questa volta ottimo. Do 4 di voto (uno in più' di quanto meriti) perché' scrivere un romanzo partendo dalla fine non deve essere per niente semplice. Bravo. Deaver.

  • User Icon

    Antonella

    28/04/2015 11:50:35

    Credo di aver letto, e trovato piacevoli, tutti i libri di Deaver ma questo non mi è piaciuto affatto. L'idea di andare a ritroso è interessante per un certo verso ma in questo libro in particolare non si capisce niente, ogni volta che lo prendo in mano devo rileggere il minicapitolo precedente.

  • User Icon

    Roberto

    30/12/2014 19:03:31

    Ho letto centinaia di libri nella mia vita fra cui tutti quelli di Jeffrey Deaver. Questo è senza dubbio il più brutto che abbia mai letto.

  • User Icon

    pinuccia

    05/11/2014 16:52:02

    Un libro veramente bello, e la novità dei capitoli all'inverso è veramente geniale. Sino alla fine è tutta una sorpresa. E' una dei libri per me migliori

  • User Icon

    ginsengman

    03/11/2014 14:12:16

    In passato ho perfino scritto direttamente a Deaver per dirgli che le sue trame erano assolutamente inverosimili.ù Stavolta però l'ho apprezzato: è difficile scrivere un libro al contrario, spingendo il lettore in avanti (o all'indietro?)per scoprire che nulla è quello che sembra. In fondo questa ultima particolarità è ciò che rende grande un thriller, come ben ci ha insegnato la grande Agatha Christie.

  • User Icon

    Paolo56

    30/10/2014 21:29:49

    Ho letto tutto di Deaver. I migliori romanzi sono lontani anni luce e davvero non sembra più lui. Questo libro è a dir poco imbarazzante. Non ci capisci praticamente nulla fino almeno a metà. Poi qualcosa cominci ad intuire ma devi arrivare in fondo, se ci riesci, per trovare il bandolo della matassa. Forse converrebbe leggerlo al contrario, ma non era certamente l'intento dell'autore. Comunque i personaggi sono assolutamente anonimi e rimangono tali fino alla fine (o all'inizio) nel senso che non si prova per nessuno di essi un minimo di simpatia. Ho faticato non poco a leggerlo, continuando a tornare indietro per seguire la strana cronologia all'incontrario degli eventi. Gran brutto lavoro, caro Deaver. Non ti dò il voto minimo, ma solo perchè sei tu e perchè mi hai dato ben altre emozioni in passato.

  • User Icon

    massimo

    17/10/2014 17:37:32

    Deaver scritto da destra a sinistra è leggibilissimo come Deaver che scrive da sinistra a destra...Sicuramente la sua opera più originale...

  • User Icon

    stefano

    29/09/2014 18:19:38

    illeggibile...improponibile...inverosimile...pensavo che con gli ultimi lavori(?) deaver avesse toccato il fondo...ma mi devo ricredere...si è superato scavando il suddetto fondo..un libro che non è un libro...una delusione indescrivibile...leggerlo significa perdere tempo

  • User Icon

    francesca

    22/09/2014 09:10:27

    Ho sempre adorato i lavori di Deaver, e acquistati a scatola chiusa. Ma questo è impossibile da leggere così come è stato concepito dall'autore.. Ci ho provato ma capivo sempre meno mano a mano che andavo.. indietro. Quindi l'ho letto dalla fine, ovvero quello che è definito l'imprevedibile inizio.. Questa volta boccio totalmente l'idea ed il libro.

  • User Icon

    claudio

    01/09/2014 11:55:40

    Non ho perplessità ad esprimere un basso giudizio su quest'ultima "fatica" (fatica anche da parte mia leggerlo). Belli ed avvincenti i primi romanzi, poi... Ho fatto fatica ad arrivare a pagina 102 decidendo ad ogni pagina di evitare perdita di tempo, ma ho comunque proseguito la lettura per "compassione" nei confronti dell'autore. Con Deaver ho chiuso!

  • User Icon

    marcello

    29/07/2014 17:10:08

    Neanche questa trovata di andare a ritroso consente a questo thriller di alzare la temperatura della lettura. Banalissimo tanto da sembrare finto fi dall'inizio, con una trama a volte irritante al punto di piantare tutto e leggerlo veramente al contrario. Ma se provate non ci si riesce. E allora non rimane che dimenticarlo rapidamente. 1,5

  • User Icon

    Francesca

    29/07/2014 10:06:29

    Ho comprato questo libro direttamente al Firmacopie dell'autore, emozionatissima perché amo Deaver. E con quest'ultimo lavoro si è buttato ad occhi chiusi e mani legate in qualcosa che non gli apparteneva. Probabilmente non doveva abbandonare momentaneamente la sua strada per intraprendere quella ignota, ma lui è fatto così. Il libro scorre bene nonostante la sua particolarità, ma è solamente dopo la metà che comincia a prendere veramente e che ti trascina verso un finale/inizio sconvolgente come suo solito. ma anche io, finito l'ultimo/primo capitolo sono dovuta ritornare un attimo indietro alle prime pagine. In complesso lo consiglio ma solo per affezionati di Deaver e gente che quando legge tiene la testa e la mente fissi sul tomo.

  • User Icon

    siu

    24/07/2014 18:19:06

    Non mi sento di dare il voto più basso solo perchè amo follemente Deaver. Detto questo posso dire che non vedevo l'ora finisse tanto ho faticato a leggerlo. Solo nelle ultime pagine è più godibile, ma siamo lontani da altri suoi libri.

  • User Icon

    valeria

    23/07/2014 16:25:03

    praticamente illeggibile e artificioso

  • User Icon

    Ioio

    02/07/2014 14:26:24

    Originale nella costruzione, ma si tratta un'impresa davvero ardua e, forse per questo, non da 5/5. Sembra che Deaver, nella stesura del libro, abbia perso qualcosa per strada, cercando di fare ciò che non si può in alcun modo fare. Si resta in attesa di qualcosa che debba chiarire un finale (che poi è l'inizio) che non viene mai chiarito, neppure nelle ultime pagine gettate di fretta e, per certi versi, troppo sbrigative. Eppure Deaver resta Deaver, quindi un voto medio derivante dall'aver ricavato il massimo da ciò che non poteva dare di più. Spero sia un esperimento che si conclude qui: l'impresa è troppo ardua. In sintesi, geniale e ben scritto, originale, ma solo sufficiente perchè, in un libro che parte dal finale, Devaer ha dimenticato proprio... il finale.

  • User Icon

    dario

    21/06/2014 20:55:09

    Davvero geniale nella costruzione e poi, come sempre, scritto davvero molto bene. Lo consiglio.

  • User Icon

    Mary Brega

    20/06/2014 12:17:57

    Deaver, al pari di altri scrittori famosi e prolifici ultimamente è un pò sottotono, siamo lontani da "Il collezionista di ossa" e i suoi primi bellissimi romanzi. Questo non mi è piaciuto, ho faticato tantissimo a seguirne la lettura e ho finito il libro solo perchè volevo sapere come si sarebbe sviluppava la trama che, all'inizio (che poi è la fine) è lenta e noiosa. Una volta arrivata in fondo ho dovuto rileggere l'inizio per capirci qualcosa, non lo consiglio.

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione