Categorie

Günther Anders

Curatore: S. Fabian
Collana: Incipit
Anno edizione: 2006
Pagine: 85 p. , Brossura
  • EAN: 9788833916835

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    23/05/2014 06.19.21

    L'odio è antiquato, non ha più alcun senso e utilità nel mondo contemporaneo dominato dalla tecnocrazia e "dalle leggi asettiche e fredde della coppia produzione-consumo". E' antiquato come l'amore e ogni sentimento semplicemente umano, divenuto superfluo per la sua non sfruttabilità. In questo acuto, intransigente e disperato libro, commentato intelligentemente da Sergio Fabian, Guenther Anders (1902-1992), filosofo ebreo radicale e pensatore fuori dagli schemi, analizza questa antica disposizione dell'anima a partire dalla sua definizione: "L'odio è ... l'autoaffermazione e l'autocostituzione attraverso la negazione e l'eliminazione dell'altro". Nel momento in cui però l'altro non viene più conosciuto, è insieme troppo prossimo e vicino, e assolutamente distante e indistinguibile, ecco che l'odio perde ogni giustificazione. La guerra non viene più combattuta corpo a corpo, in un faccia a faccia crudele e sanguinario col nemico, bensì manovrando strumenti asettici, schiacciando innocentemente bottoni da una qualsiasi sala operativa, come fa l'operaio alla catena di montaggio, che rimane ignaro e inconsapevole del prodotto finale a cui lavora: così i soldati di oggi possono sterminare milioni di vite senza provare alcun odio, senza conoscere le loro vittime e il motivo reale per cui uccidono. Il nemico diventa succedaneo, interscambiabile, indotto da un potere per motivi per lo più inconfessabili, "con la demonizzazione di un qualche tipo, di un gruppo, preferibilmente di una minoranza inerme": può essere l'ebreo, come il vietnamita o l'iracheno. L'odio si concretizza come ubbidienza a un canone interpretativo della realtà, nei confronti del "diverso esistenziale", ma non ha più un oggetto concreto contro cui indirizzarsi, è smisurato e indifferenziato, astratto e reificato. Il Filosofo nel dibattito con il Presidente l'ha ben compreso: "Perché l'onestà percepisce la bassezza. Ma non il contrario".

  • User Icon

    Luca

    27/12/2006 15.13.23

    Con questo pamphlet Anders sostiene che le emozioni non sono immutabili nell’uomo ma dipendono dalla realtà storica. Così in un mondo dominato dalla tecnica le emozioni hanno perso progressivamente la loro funzione, le macchine create dall’uomo hanno preso il sopravvento, e le macchine non hanno bisogno di emozioni, i sentimenti sono divenuti perdite di tempo. Anche l’odio è divenuto un surplus, i soldati non si affrontano più corpo a corpo, non si vedono nemmeno più, non combattono più, lavorano. Così l’odio è divenuto un sentimento artificiale, un sovrappiù per assicurarsi l’adesione critica e l’accettazione dell’inaudito. L’odio crea il nemico, irriducibile al proprio paradigma e, dunque, da uccidere. Né aggressori né aggrediti possono più odiarsi a vicenda, e allora erano bei tempi quelli in cui si provava odio nel combattersi perché era pur sempre possibile smettere di odiare e magari iniziare ad amarsi. Ma senza l’odio le guerre non possono arrivare ad un compromesso, la pace dovrà essere incondizionata, il nemico annientato.

Scrivi una recensione