Interpreti: Gideon Lewensohn
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Ecm
Data di pubblicazione: 10 ottobre 2002
  • EAN: 0028946186121

€ 22,50

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Quintetto con pianoforte, Quartetto per archi "Odradek", 2 Postludi per pianoforte
Primo CD ECM New Series del compositore di origine israeliana Gideon Lewensohn, una delle voci più fresche e rappresentative della musica di oggi. Affezionato in particolare a Mahler e a Bartok, la sua scrittura incrocia le influenze e i nomi più importanti della musica del '900, da Shostakovich a Lutoslawski, a Kurtàg, a Kancheli. "Odradek", la denominazione del suo quartetto per archi, che dà il titolo all'intero album, è tratto dalla letteratura kafkiana, dal nome di quel personaggio misterioso, inafferrabile e estremamente mobile, presenza ironica e preoccupante, apparentemente immortale, che abita nella casa del narratore. Il brano consta di 17 movimenti frammentari, che rimandano indubbiamente a Webern; ma mentre quest'ultimo è focalizzato, unitario, cristallino, Lewensohn è temporaneo, costruttivamente indeterminato, fluttuante: se emergono le varie soggettività del quartetto (lamenti, gesti marziali, swing, fierezza retorica,...), la voce del compositore rimane nascosta, o forse, le voci contrastanti coesistono non in armonia e non in confiltto, cioè "accadono" eventi. Lewensohn, per ognuno dei 17 movimenti (in taluni casi decisamente aforistici, il quattordicesimo dura 20 secondi), dialoga con altri compositori; per citare un esempio il prologo porta il titolo: "Kancheli and Lutoslawski, a casual meeting .....". Il Quintetto con pianoforte si presenta come un brano più "soggettivizzato". Ciascuno dei suoi movimenti è un tributo ad altri musicisti: Kurtag, Michah Lewensohn (direttore d'orchestra, fratello del composiore), l'Hilliard Ensemble, Rochberg, Shostakovich. Infine il Postludio per pianoforte viene presentato in due diverse esecuzioni, una di Alexander Lonquinch (protagonista anche nel Quintetto) e l'altra di Ora Rotem Nelken (che l'ha registrato a Gerusalemme nel 1997).

Disco 1
  • 1 Lonquich, Alexander - Piano Quintet
  • 2 Homage To Gyorgy Kurtag
  • 3 Homage To Micah Lewensohn
  • 4 Homage To The Hilliards
  • 5 Homage To George Rochberg
  • 6 Scherzofinale Or A Message From Dimitry
  • 7 Lonquich, Alexander - Postlude For Piano
  • 8 Arndt, Andreas - Odradek Quartet
  • 9 1. Prologue - Kancheli & Lutowslaski, A Casual M
  • 10 2. On The Verge Of Paranoia
  • 11 3. Joseph Tal - A Spark Of Childhood Memory & A
  • 12 4. Tal Was Born Around The Time Mahler Died
  • 13 5. Alla Marcia - Kurt Is 100
  • 14 6. Echo Di Walzer - With An Alcoholic Step
  • 15 7. Retalango
  • 16 8. ...Und Noch Zurueckhaltend
  • 17 9. Monelle Says It Is Somewhat Bartokian Indeed
  • 18 10. Sarabandoned
  • 19 10a. Retal
  • 20 10b. Resarabandoned
  • 21 11. Mahler & Kafka In Terezin - A Preview
  • 22 12. Scotalissimo
  • 23 13. Time To Tune
  • 24 14. Ich Grolle Doch!!!
  • 25 15. Epilogue
  • 26 Nelkem, Ora Rotem - Postlude For Piano