Categorie

José Bianco

Traduttore: M. T. Marzilla
Collana: La memoria
Anno edizione: 1992
Pagine: 180 p.
  • EAN: 9788838908125

«José Bianco è uno dei nostri primi scrittori e uno dei meno famosi - scrive Borges a presentazione di questi due racconti, I topi e Ombre suole vestir -. La spiegazione è facile: Bianco non curò mai la sua fama, questa cosa rumorosa che Shakespeare paragonò a una bolla e che adesso hanno in comune le marche di sigarette e i politici. Ha preferito la lettura, la scrittura di buoni libri, la riflessione, l'esercizio integro della vita e la generosa amicizia. La sua opera originale è parca, dato che l'ha ripensata e limata. I manoscritti che hanno preceduto il testo che l'autore ha dato alle stampe non si lasciano sentire; tutto ci sembra spontaneo, sebbene indubbiamente non lo sia. Gli dobbiamo le seguenti narrazioni: La pequeña Garos, I topi, La pérdida del reino e i saggi di Ficción y realidad. Più tempo ha consacrato al disinteressato e sottile compito di tradurre. Ha volto in spagnolo circa quaranta testi; ricordo ora la sua mirabile versione del più famoso dei racconti di Henry James. Il titolo è, letteralmente, Il giro di vite; Bianco, fedele alla complessità del suo artefice, ci dà Un altro giro di vite. Ombre suole vestir, parole che provengono da Góngora, è un racconto nel quale il quotidiano e il fantastico si intrecciano, così come succede nella realtà. La gravitazione della Bibbia, tante volte ricordata e citata dai protagonisti, rafforza il fantastico. Bianco è nato a Buenos Aires, alla fine del 1908, anno in cui la speranza era facile».