On a Monday Evening - CD Audio di Bill Evans

On a Monday Evening

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Bill Evans
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Concord
Data di pubblicazione: 24 marzo 2017
  • EAN: 0888072019713
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ogni inedito di Bill Evans è sempre il benvenuto: ogni riscoperta aggiunge un tassello al ritratto di uno dei più grandi pianisti del Novecento. Ma quando la musica raggiunge i livelli di questa registrazione effettuata da due giovani disc jockey al Madison Union Theater della University of Wisconsin il 15 novembre del 1976, si deve parlare di un vero evento. In compagnia di Eddie Gomez al contrabbasso e di Eliot Zigmund alla batteria, Evans è stato catturato in uno dei momenti più felici della sua carriera. In quell’occasione, i giovani di cui sopra - Larry Goldberg e James Farber – raccolsero una bella intervista con il pianista per l’emittente WORT, e approfittarono dell’attrezzatura audio per registrare anche il concerto pomeridiano. Per nostra grande fortuna: i nastri, restaurati grazie alla tecnologia Plangent Processes, vengono ora restituiti alla luce. È Eliot Zigmund a dichiarare: “Non c’è niente di paragonabile a questa registrazione: finalmente abbiamo una testimonianza ufficiale di questo trio alle prese con una performance dal vivo. Era ora.” Note e testi di Ashley Kahn.
Disco 1
1
Sugar Plum
2
Up with the Lark
3
Time Remembered
4
T.T.T. (Twelve Tone Tune)
5
Someday My Prince Will Come
6
Minha (all Mine)
7
All of You
8
Some Other Time
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Bill Evans Cover

    Pianista statunitense di jazz. Messosi in luce, con le sue improvvisazioni liriche ma ritmicamente dinamiche, nel complesso di Miles Davis (1958), costituì in seguito propri trii (noto soprattutto il primo, con Scott LaFaro e Paul Motian), affermandosi come una delle più influenti personalità del jazz contemporaneo. Approfondisci
Note legali