Categorie

Elisa Davoglio

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2008
Pagine: 261 p. , Brossura
  • EAN: 9788804579687

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    andreab

    25/11/2009 15.25.58

    Bel libro; però non è un romanzo sociologico o realista sugli ultras. E' il viaggio di una donna nel mondo degli ultras e degli uomini, un viaggio per capire, un viaggio in cui bussola e lanterna non sono gli strumenti della ragione ma le emozioni e i sentimenti. Un viaggio fatto "senza pelle". Un libro non perfetto, diversi i difetti o i punti e personaggi non approfonditi, ma coinvolgente e soprattutto scritto molto bene. La Davoglio sorprende e stupisce per la prosa viva, elegante, poetica, ma anche pulsante, che non si rassegna al gergo della tribù ma che si eleva a cantore dell'anima. Spero che in futuro ci siano altre prove altrettanto riuscite (se non migliori).

  • User Icon

    Gianni

    01/07/2008 09.31.11

    L'argomento non è certo facile da trattare, ma credo che sia determinante uno sguardo esterno al mondo ultras, tra l'altro ben documentato, per scardinare alcuni pregiudizi e facili banalizzazioni. Il personaggio di Atala sembra costruito proprio per ribaltare alcuni luoghi comuni. Sono ben altri i libri nulli. In effetti c'è qualche scollamento, in particolare nel finale, ma mi sembra un libro importante e scritto bene.

  • User Icon

    milena

    30/06/2008 18.28.31

    bella sceneggiatura, ma trama che risente di una narrazione frettolosa. molti punti che l'autrice accenna avrebbero dovuti essere approfonditi meglio, alcuni personaggi sono inutili come strumento per "dire qualcosa in più". l'identikit sociale è eccessivo, e ne risente il romanzo

  • User Icon

    Roberto

    16/06/2008 13.11.01

    Assolutamente NULLO. Scritto male senza avere la minima conoscenza dell'oggetto del romanzo: comunisti che frequentano sedi di Forza Nuova ????? La fine è poi del tutto attaccata senza costrutto. Soldi spesi male

  • User Icon

    Luca

    15/05/2008 19.02.41

    Mi aspettavo di piu'... dal punto di vista del coinvolgimento della storia intendo. Per quanto riguarda il movimento ultras interessanti alcuni spunti (quello ad esempio sulle diffide e il divieto delle trasferte affidato al personaggio dell'avvocato Pagani e quello finale di Luca nel covo sulla Fossa). Retroscena sinceramente (al contrario di quanto scritto in terza di copertina) non ce ne sono... Intendo dire che per chi frequenta una curva le cose dette non hanno nulla di nuovo (a proposito dello scioglimento della Fossa soprattutto...) Senza infamia e senza lode direi. LUNGA VITA AGLI ULTRAS... QUELLI VECCHIA MANIERA. Avanti Inter - Avanti Curva Nord

  • User Icon

    amz

    15/05/2008 12.13.00

    Atala, ballerina fallita e studentessa universitaria livornese improvvisamente si trova immersa nel mondo ultras di Milano sponda rossonera. Il suo ragazzo è uno dei capi di un gruppo caduto in disgrazia che si trova coinvolto in un giro di droga, violenza e vendette. Il romanzo trae spunto da vicende di cronaca realmente accadute (scioglimento della Fossa dei Leoni e violenze assortite per il predominio della curva Sud milanista) ma è debole, sconclusionato e a un certo punto l'autrice dà l'impressione di non sapere dove andare a parare. La trama è scontata, il mondo ultras è raccontato superficialmente e anche i rapporti tra i protagonisti sono narrati in modo stonato cosicché il libro resta a metà del guado tra Liala e John King...Pessimo

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione