Opere cameristiche

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Francesco Cilea
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 1 febbraio 2014
  • EAN: 5028421944432

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sonata in Re maggiore per violoncello e pianoforte; Trio in Re maggiore per archi e pianoforte; Canto n.2 in Re minore per violino e pianoforte; Tema e Variazioni per violino
Sebbene sia passato alla storia della musica quasi esclusivamente per aver scritto l’Adriana Lecouvreur, Francesco Cilea è autore di una serie di splendide opere cameristiche e strumentali, un patrimonio di grande interesse di cui in questo disco vengono presentati un trio per archi e pianoforte, una sonata per violoncello e pianoforte e una serie di brevi lavori caratteristici. Si tratta di brani dai toni intensamente evocativi, pervasi da atmosfere gradevoli ed eleganti che ricordano a tratti il giovane Debussy e pongono una grande attenzione sulle sonorità e sulla timbrica strumentale. In particolare, la Sonata per violoncello e pianoforte costituisce un’addizione ai cataloghi discografici della massima importanza. Questi incantevoli lavori ci vengono proposti nell’interpretazione di tre giovani musicisti italiani, che sfoggiano una meravigliosa trasparenza sonora e una notevole profondità espressiva. Questo splendido disco è corredato da un booklet contenente le note di copertina e le biografie degli interpreti.

  • Francesco Cilea Cover

    Compositore. Compì gli studi musicali al conservatorio di Napoli, dove studiò pianoforte con B. Cesi e composizione con P. Serrao. Dopo i primi lavori, Gina (1889) e Tilda (1892), l'uno legato ancora agli schemi scolastici, l'altro direttamente influenzato dalla Cavalleria rusticana di Mascagni, C. rivelò pienamente la sua personalità con L'Arlesiana (1897) e Adriana Lecouvreur (1902), le sue due opere più famose, alle quali seguì, nel 1907, Gloria. Svolse attività didattica presso i conservatori di Firenze (1896-1904), Palermo (1903-16) e Napoli, che diresse dal 1916 al '35. Pur appartenendo storicamente alla scuola verista, C. si distingue per una più raccolta liricità e per le sfumature elegiache che, assieme a un'accurata elaborazione musicale e strumentale, lo avvicinano in qualche modo... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali