Opere per Violoncello e Pianoforte (Integrale) - CD Audio di Giuseppe Martucci

Opere per Violoncello e Pianoforte (Integrale)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giuseppe Martucci
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 1 ottobre 2014
  • EAN: 5028421948164
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sonata in Fa diesis minore per violoncello e pianoforte op.52; Tre Pezzi op.69 (Moderato; Andante; Allegro); Due Romanze op.72 (Andantino con moto; Moderato); Romanza
Questo disco presenta l’integrale delle opere per violoncello e pianoforte di Giuseppe Martucci, uno dei compositori più in vista del panorama strumentale italiano della seconda metà del XIX secolo. Sotto il profilo stilistico, la produzione di Martucci venne influenzata in maniera evidente dal Romanticismo di Schumann e di Brahms, anche se tutte le sue opere sono pervase da una luminosità e da un calore espressivo inconfondibilmente italiani. Queste opere ci vengono proposte nell’interpretazione autorevole e ricca di passione del violoncellista Roberto Trainini e del pianista Massimiliano Ferrati. L’opera più rappresentativa è senza dubbio la Sonata in Fa diesis minore, un lavoro stilisticamente del tutto maturo e pervaso da una vena intensamente elegiaca scritto da un Martucci ancora ventiquattrenne, che meriterebbe di essere eseguito molto più spesso nelle sale da concerto. Tra le altre opere in programma vanno segnalati anche i Tre Pezzi op.69, che in seguito Martucci trascrisse per orchestra.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giuseppe Martucci Cover

    Compositore, pianista e direttore d'orchestra. Studiò a Napoli, dove dal 1880 insegnò al conservatorio. Nel 1886 assunse la direzione del liceo musicale di Bologna (fu anche maestro di cappella in S. Petronio), per tornare (1902) al conservatorio di Napoli come direttore. Pianista apprezzato, fra gli altri, da Liszt e da Rubinstein, direttore d'orchestra e organizzatore musicale, si adoperò per diffondere in Italia la conoscenza dei sinfonisti tedeschi e di Wagner; nel 1888 al Teatro Comunale di Bologna diresse, per la prima volta in Italia, il Tristano e Isotta. E l'influsso dei romantici tedeschi, in particolare di Schumann, Brahms e Wagner, è evidente anche nella sua opera creativa, che fa di lui uno dei pochi esponenti del sinfonismo italiano del periodo tardoromantico. Nella sua produzione... Approfondisci
Note legali