Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

L' ossessione identitaria - Francesco Remotti - copertina

L' ossessione identitaria

Francesco Remotti

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Laterza
Collana: Anticorpi
Edizione: 2
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 1 aprile 2010
Pagine: XXVII-152 p., Brossura
  • EAN: 9788842092629
Salvato in 16 liste dei desideri

€ 15,20

€ 16,00
(-5%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

L' ossessione identitaria

Francesco Remotti

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' ossessione identitaria

Francesco Remotti

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' ossessione identitaria

Francesco Remotti

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Non c'è potere politico e finanche religioso che oggi non parli di identità e della opportunità o della necessità di difenderla, affermarla, valorizzarla. L'identità si è diffusa in modo contagioso, sembra che non si possa fare a meno di usare questa parola, sembra che se non si utilizza "identità" non si faccia parte del mondo attuale. Per farne parte, occorre tirare fuori questo termine, e ciò a prescindere da qualsiasi schieramento ideologico. Identità è un luogo comune, una nozione verso la quale non si adotta alcun atteggiamento critico, un vero e proprio mito moderno. Dire identità significa affermare che "noi" siamo costituiti da un nucleo sostanziale, che ci caratterizza in modo permanente: con la rivendicazione di identità chiediamo che questo nucleo venga riconosciuto a monte, preliminarmente. Ne facciamo una questione di principio. L'identità è quindi una potente arma di difesa, che funziona nel senso della chiusura del "noi": chiusura nel confronto degli "altri" che ci assediano e ci accerchiano. E fomenta una strategia di offesa, fa violenza sulla realtà, ne riduce la complessità e gli intrecci, la impoverisce, perché è povertà culturale prima ancora che economica. Ciò che ne ha maggiormente sofferto è la cultura della convivenza, cioè l'attenzione e la cura per lo sviluppo di interrelazioni che non siano dettate solo dall'interesse di "noi" inevitabilmente contrapposti. "L'ossessione per l'identità è ciò che rimane una volta che sia stata smantellata la cultura della convivenza".
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Umberto Mottola

    03/09/2010 19:12:26

    Questo saggio sull'Identità di Francesco Remotti, professore di antropologia culturale, è interessante e ci offre ottimi spunti di riflessione, però solleva anche delle problematiche molto complesse. E' stimolante lo schema che parte dall'Identità e, con una vasta gamma di gradazioni, arriva fino all'Alterità. In alcune pagine si addentra in argomentazioni filosofiche un po' troppo per addetti ai lavori. In conclusione egli propende per il "Riconoscimento" dei "noi" e degli "io" e non per l'"Identità", che è inafferrabile, rifiuta il rapporto con "gli altri" e quindi può essere molto pericolosa: non a caso la definisce una parola avvelenata.

Arnold Toynbee, parlando del nazionalismo, ebbe modo di citare Lucrezio con una integrazione: "'Tantum potuit religio suadere malorum'. Sostituite a religio la parola nazionalismo e avrete nominato il Moloch della nostra epoca". Potremmo a nostra volta sostituire alla parola nazionalismo quella di identità per individuale l'oggetto polemico dell'ultimo libro di Francesco Remotti, non a caso intitolato L'ossessione identitaria. L'identità, questo Moloch del linguaggio (e non solo) politico-mediatico della nostra epoca è infatti aggredita da Remotti (che torna sull'argomento dopo quattordici anni, cfr. Contro l'identità, Laterza, 1996) con l'intento di operare un lavoro di smontaggio, o meglio di eliminazione definitiva, del termine dal repertorio delle scienze umane e in particolare dell'antropologia. Le ragioni di quest'intento demolitivo sono pienamente esplicitate nell'ultimo capitolo del volume che, introduzione a parte, è forse quello da cui bisognerebbe cominciare a leggere questa raccolta di saggi scritti nell'arco di tre lustri.
Tali ragioni, in sintesi, sono le seguenti. Il mondo di oggi è dominato dalla logica del capitalismo, che ha creato una situazione di squilibrio precedentemente sconosciuta nelle sue proporzioni. Enormi ricchezze da una parte, enormi povertà dall'altra. Individui sradicati dalle loro comunità, gruppi minacciati nella loro esistenza, logica del profitto portata a livelli di esasperazione. Minaccia ambientale, sociale, "impoverimento culturale". Cosa resta se non rifugiarsi nel "mito" dell'identità, ovvero nell'"errore" di difendersi dagli "altri" proclamando l'esistenza di un noialtri diverso da un voialtri o da un quegli altri? Cosa resta se non trincerarsi dentro l'illusione di poter esistere indipendentemente dalla dimensione dell'alterità (che fa parte invece dell'esistenza di tutti), e nell'illusione della propria "identità a noi stessi"? È proprio questa riflessione, contenuta nell'ultimo capitolo del libro, che rende ragione in profondità dell'"ossessione identitaria", argomentazione forse un po' velata e coperta dall'articolata trattazione filosofica che l'autore dedica al Moloch della nostra epoca. Infatti, il libro di Remotti, di cui condividiamo il novantanove per cento delle tesi (del restante uno per cento parleremo dopo), assume quasi subito la forma del saggio filosofico, nel quale l'autore esplora la nozione di identità in maniera fortemente astratta, filosofica appunto. Remotti passa attraverso quattrocento anni di pensiero filosofico moderno per mostrare tutte le aporie che filosofi come Pascal, Locke, Hume e Hegel hanno scovato nel concetto di identità.
Laddove la discussione si fa più interessante (per un antropologo) è quando Remotti ci ricorda cosa pensava Hegel dell'identità e del riconoscimento. Il riconoscimento è una relazione, l'identità è fissità, illusione, freddo mortale. Nulla è fermo (identico), tutto è relazione per il filosofo tedesco: altrimenti non si spiegherebbero il movimento, la trasformazione, la storia. Il riconoscimento (se io sono io e tu sei tu è perché ci riconosciamo reciprocamente e ciascuno non "sta" nella propria identità) è il motore vero della dinamica sociale, storica, politica; non la chiusura in una gabbia identitaria che genera solo illusioni e che non apre alla relazione. Attraverso Hegel, Remotti trasferisce in effetti la prescrittività della filosofia (che tratta l'identità come una nozione qualunque, suscettibile cioè di infilarci in sensi e controsensi) sul terreno sociale, dove, e questo è un punto importante, l'identità comincia a funzionare diversamente che nella testa dei filosofi. Nel suo attacco all'uso della nozione di identità, Remotti vuole distinguere quest'ultima da una serie di altri fattori, elementi, istanze, li si chiami come ci pare. Riconoscimento, come abbiamo visto, e poi cultura, la nozione di "noi" e, forse, avrebbe potuto aggiungere anche religione e etnicità. È qui che troviamo una prima difficoltà. La nozione di identità serve infatti spesso a sintetizzare, al pari di altre, una volontà di distinguersi, di essere diversi, di essere riconosciuti per quel che si è (la "nostra", la "loro" cultura). Beninteso, non piace nemmeno a noi questo andazzo identitario, ma è perché non ci piace neppure l'andazzo culturalista, la "ricerca delle radici" costi quel che costi, l'integralismo religioso, e così via. Non sono tutte queste altrettante forme di "identitarismo"?
Gli esseri umani in società, come aveva ben capito Durkheim, non ragionano sulla base della logica di Aristotele (A=A e quindi A≠B), ma sulla base di emozioni collettive che li portano a compiere riti per rendere omaggio a un totem, un dio, riti che null'altro sono se non la proiezione del proprio gruppo il quale, così facendo, esce rafforzato nella sua… possiamo dire identità? Quell'uno per cento su cui non siamo d'accordo con Remotti è appunto il suo radicale rifiuto di una parola, quasi che, eliminando le parole scomparissero i fenomeni che quelle parole indicano. La nozione di identità può, deve essere senz'altro criticata per l'abuso che se ne fa, segnalata per la sua vaghezza, condannata senza appello per la sua spesso bieca strumentalizzazione. Ma è anche una nozione che, tutto sommato, serve, come tante altre parole del lessico delle scienze umane (e anche di tutti giorni), a "sintetizzare" dei processi che non sono "identitari e basta", ma sono culturali, politici, religiosi.
L'identità come parola non va buttata via, come non vanno buttate via parole come totemismo, sacrificio, gruppo, religione, e specialmente cultura, parole che hanno creato, quando le si è aggredite per l'uso spesso improprio che se ne è fatto, più problemi di quanto ne creassero quando venivano lasciate nel cassetto. In fondo, come tutte quelle altre parole, anche identità "copre" una serie di significati vastissimi. Ci serve per parlare di Hegel (anche lui ne parlava) come dei conflitti "etnici" (etnia, altra parola critica), delle crisi esistenziali come del modo di proporsi sulla scena mediatica, politica, religiosa, del business turistico e quant'altro. È strano che a Remotti non sia venuto in mente Wittgenstein, che pure costituisce un punto di riferimento in quasi tutti i suoi lavori. Perché non potremmo, noi scienziati sociali e specialmente noi antropologi, tenerci questa paroletta per individuare una serie di fenomeni che, come diceva il filosofo di Vienna, mostrano delle "somiglianze di famiglia": fenomeni che sono diversi, ma che ci sembrano avere tutti qualcosa in comune? Ugo Fabietti
  • Francesco Remotti Cover

    Antropologo, già direttore del Dipartimento di Scienze Antropologiche, Archeologiche e Storico-Territoriali dell'Università di Torino e presidente del Centro di Studi Africani (CSA), ha guidato una missione etnologica italiana in Africa Equatoriale.Coordinatore nazionale di progetti di ricerca in campo antropologico ed etnografico, è stato professore ordinario di antropologia culturale, ha insegnato anche etnologia dell'Africa ed è stato presidente del corso di laurea in Comunicazione interculturale presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell'Università di Torino.  Approfondisci
Note legali
Chiudi