-15%
Padre padrone - Gavino Ledda - copertina

Padre padrone

Gavino Ledda

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Maestrale
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
In commercio dal: 1 gennaio 2003
Pagine: 320 p., Brossura
  • EAN: 9788886109710
LIBRO € 8,50
Salvato in 13 liste dei desideri

€ 8,50

€ 10,00
(-15%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Padre padrone

Gavino Ledda

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Padre padrone

Gavino Ledda

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Padre padrone

Gavino Ledda

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,9
di 5
Totale 10
5
9
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Salvatore Palma

    26/08/2013 11:04:24

    Romanzo autobiografico di grande successo, è la storia di un ragazzo che già all'età di sei anni viene costretto dal padre, dispotico e violento, a intraprendere la durissima vita di pastore, dopo averlo obbligato ad abbandonare la scuola. Il contesto geografico, sociale e culturale è la campagna desolata e isolata di un piccolo paese della Sardegna nord-orientale, Siligo, nel periodo che va tra la metà degli anni Quaranta e l'inizio degli anni Sessanta. Gavino progressivamente inizia a comprendere pienamente il suo stato di sfruttamento e di schiavitù ma non si arrende, si ribella e cerca in tutti i modi di sfuggire al suo amaro destino, iniziando a studiare instancabilmente fino a raggiungere risultati e traguardi insperati. Libro bellissimo e crudo che da una parte documenta a quale livello di soggezione psicologica e fisica possa giungere un figlio quando ha un genitore accecato dall'istinto di sopraffazione e dall'altra quanto conti l'incrollabile volontà di riscattarsi.

  • User Icon

    maria

    02/06/2010 17:27:50

    scritto in un italiano meraviglioso!! evocativo, stupendo. Usa le parole come nella natura si usano i colori: per creare la bellezza. Come nella natura viene illustrata la complessità della semplicita'. Leggetelo , vi arricchira' e soprattutto non lo dimenticherete

  • User Icon

    Luca

    02/07/2009 17:56:23

    Padre padrone. Chi non ne ha sentito parlare? Tutti sanno che è, letteralmente, una storia vera, autobiografica. Ma chi conosce il significato della qualifica “storia vera” in ambito librario, non si faccia ingannare: questa è -grande- letteratura; esattamente come, tanto per intendersi, si può dire per Il sergente nella neve, Un anno sull’altipiano o anche Se questo è un uomo/La tregua, solo per fare qualche esempio. E allora, se, come in quei casi, c’è persino di più, se, esattamente come in quei capolavori, lo storico, l’antropologo, lo psicologo, il sociologo, ma anche semplicemente qualsiasi lettore curioso, che non riduca la lettura a semplice evasione (nel senso più riduttivo del termine), trova una miniera di informazioni e possibili citazioni, ciò che ce lo fa amare ancor di più è quella che dovremmo definire la sua qualità letteraria: il modo, splendido, meraviglioso, mirabile con cui Gavino Ledda ha saputo raccontarci questa, la sua, storia. Quel modo che qualsiasi lettore ha provato almeno qualche volta: quando il libro ti appassiona, avvince, entusiasma, commuove e fa vibrare tutte le corde e smuovere tutti i "muscoli" del corpo e dell'intelletto; ti fa pensare che tutti dovrebbero (avere la fortuna di) leggerlo almeno una volta nella vita. Ti fa venire voglia di ringraziare mille volte l’autore di avercela regalata, quella fortuna, e ti fa provare per lui grande ammirazione; in questo caso intrecciata con quella, smisurata, che si prova per il protagonista della storia… Onore allora a Gavino Ledda, grande uomo, e autore, per la nostra gioia, di un grande, imperdibile, capolavoro!

  • User Icon

    Mauro

    21/01/2009 13:27:52

    Splendido esempio di come la cultura sarda trova il suo più alto spessore quando nasce dalle umili radici arcaiche e vere. La rievocazione dell'infanzia dolorosa e tragica di Gavino, trova l'epilogo nello scontro fra le due culture, quella dello scrittore e quella del padre-patriarca; lo scontro fra due modi di intendere e di vivere la vita dove il silenzio dell'incontaminata natura sarda offre la giusta cornice. Stupendo ritratto di un ragazzo impersonificato in un popolo soggiogato ma pur sempre ribelle.

  • User Icon

    cristina calcagno

    01/10/2008 17:02:31

    ho letto questo libro già una volta a 18 anni mi aveva colpito molto la storia di gavino che da umile pastore e diventato un professore nonostante l'opposizione del padre e il pregiudizio del paese per questo lo consiglio

  • User Icon

    Claudio Gatti

    26/07/2006 18:49:46

    La testimonianza palpitante di un pastore che si affranca da un vita di semi schiavitu', il testimone di un mondo al suo ostinato crepuscolo. Stupisce per la coerenza del personaggio, il fascino brutale della natura, la forza dei sentimenti patiti, il desiderio di libertà, la lingua perfetta. Per certi versi un libro irripetibile.

  • User Icon

    Jacopo

    16/06/2006 22:21:52

    Un romanzo fantastico, avvalorato dal fatto che riporta esperienze di vita vissuta. Una vita che si svolge non lontano da noi, eppure culturalmente così antica e lontana. La Sardegna, isola di demoniaca tristezza, sa essere una terra veramente crudele con i suoi figli. Ma che meraviglia leggere quelle pagine in cui il piccolo Gavino, con infinito sentimento, racconta sempliemente il quotidiano paesaggio che gli sta intorno, il lavoro duro, e gli attori che calcano quella tremenda scena! L'Italia conosce poco la Sardegna, la sua lingua, la sua storia, tanto diversa da quella del resto del Paese. Chi non ha letto questo libro, o gli altri romanzi degli autori Sardi, troppo poco di moda per essere presi in considerazione dai "grandi editori", è in grande debito!

  • User Icon

    Maurizio

    01/06/2005 21:28:29

    Perchè certi testi non li legge, o meglio non li conosce nessuno? Un romanzo completo che narra un angolo di storia e della cultura se non della miseria vissuta nel nostro paese. Oltre ad un romanzo l'autore ha realizzato un sogno a lui sicuramente impensato: quello di pubblicare.

  • User Icon

    Davide C.

    01/09/2004 00:47:32

    Sospettavo fosse un libro noioso ed invece l'ho divorato in un attimo. Il racconto del piccolo Gavino che viene strappato ad una vita normale e svezzato a sei anni nell'ovile di famiglia dove viene presto abituato a lavorare come un mulo è incredibile. Lo sfondo è quello bellissimo della natura sarda in cui Gavino vive in solitudine e della quale impara il linguaggio in una dimensione quasi fiabesca ma connotata dalla presenza micidiale del padre padrone. La seconda parte del racconto e' ancora piu' incredibile: Gavino diviene uomo e si ribella al padre. Ma per arrivarci la strada e' lunga ed il racconto molto interessante.

  • User Icon

    Luca G.

    28/06/2004 16:12:15

    Si tratta di un libro che racconta una storia alquanto incredibile (almeno per i pastori sardi...); quella di un pastore sardo che partendo dalle spelonche e da un'unica lingua, il sardo, è riuscito a laurearsi, superando ogni ostacolo ed ogni avversità, soprattutto suo padre. Come il film "Billy Elliot", insegna che se uno vuole fortemente una cosa, non deve mai arrendersi, ma solo fare di tutto per ottenerla. Lo consiglio a chiunque voglia farsi un'idea di quanto sia stato difficile studiare per i nostri padri, ma anche per i nostri nonni.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente

Questo è il racconto di una libertà. Gavino, cinque anni nel 1943, strappato alla scuola, alla socialità paesana di Sìligo dal padre Abramo, sbrigativamente avviato per necessità alla «scuola pastorale», assiste presto alla mutazione del genitore: «dal paterno al patriarcale». Istruito nella custodia del gregge e lasciato solo nell'ovile per giornate intere, il bambino conosce in rapida alternanza luci e ombre della vita a Baddhevrùstana (Valle-frondosa); in tragica progressione lo investe la «violenza educativa» del padre-padrone, ostacolo anche ai liberi insegnamenti di Natura, alla cui scuola Gavino in solitudine – i sensi tesi – va apprendendo suoni, odori, colori, linguaggi. La ribellione cova, poi monta nel ragazzo che cresce alla ricerca di spazi altri, con urgenza conoscitiva ed estetica, smi-surata rispetto al «decalogo pastorale» di Abramo. Due tensioni si contrappongono: è la lotta. Lo scontro finale è solo rinviato. La fuga della leva militare che fa assaporare il senso dell'affrancamento dal patriarca, è l'occasione per la conquista di quell'istruzione scolastica stroncata sul nascere. Tornare indietro non è più possibile, la via è una sola: «contravvenire alle leggi del padre».

  • Gavino Ledda Cover

    (Siligo, Sassari, 1938) scrittore italiano. In un fortunato romanzo (Padre padrone, 1975) ha raccontato la sua drammatica esperienza di pastore sardo che, analfabeta fino a vent’anni, si è ribellato alla tirannica volontà del padre per riuscire a conquistarsi, da autodidatta, una lingua e una cultura (attualmente L. insegna glottologia nell’università di Sassari). La «primordialità» sarda, componente essenziale della narrazione, torna a essere indagata in Lingua di falce (1977), il suo secondo romanzo, così come nei successivi Le canne amiche del vento (1978) e I cimenti dell’agnello (1995). Nel 1984 ha scritto e diretto il film, Ybris (premiato alla Mostra di Venezia). Approfondisci
Note legali