I padroni del Veneto

Renzo Mazzaro

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Laterza
Edizione: 10
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 31 maggio 2012
Pagine: 287 p., Brossura
  • EAN: 9788842099574
Salvato in 9 liste dei desideri

€ 8,64

€ 16,00
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Forza economica ma nano politico: è la desolante definizione data del Veneto da Sergio Romano, editorialista del "Corriere della Sera". È drammaticamente vero, spiega Renzo Mazzaro. Lo spiega ricostruendo in queste pagine gli ultimi vent'anni di politica veneta in mano a una classe politica locale suddita di interessi altrui. Prima con Giancarlo Galan, vissuto appeso al consenso di Silvio Berlusconi e franato con lui, poi con Luca Zaia, giovane e rampante, che non riesce però a smarcarsi dai diktat di Bossi e della Lega lombarda. La stessa classe imprenditoriale, tanto decantata per i suoi nomi famosi in tutto il mondo (Benetton e Marzotto, tanto per citarne due), non è stata capace di darsi una rappresentanza nazionale adeguata, non è andata oltre il successo sui magazine e in alcuni casi, come quello delle fusioni bancarie, il risparmio dei cittadini veneti e la gestione della finanza sono stati portati altrove. Tranne quando sono state costruite grandi fortune da zero, grazie a politiche corrotte e al fiume di denaro pubblico pompato dalle grandi opere nei quindici anni di Galan. Al desolante quadro della maggioranza si aggiunge quello dei partiti di opposizione, con Rosy Bindi e Massimo Cacciari che non sono riusciti a costruire una alternativa credibile e a governare con successo. Quasi che fossero contenti di continuare a perdere e "gestire il lato B del potere nel Veneto". Il risultato è un territorio distrutto da uno sviluppo caotico, crisi sociale, crollo economico.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Andrea

    13/11/2014 09:10:54

    Interessantissimo da tutti i punti di vista! Soprattutto perchè smonta i luoghi comuni tipo "la mafia è nel meridione" e "il nordest è la locomotiva d'Italia"...locomotiva che porta a schiantarsi. Da leggere assolutamente per chi vuol capirne di più!

  • User Icon

    silvia

    14/05/2013 15:42:19

    Giudizio molto positivo sia per la lettura scorrevole sia dal punto di vista formativo/informativo sulla storia politica della nostra Regione. E magari far tesoro degli errori compiuti....

  • User Icon

    pizzolato antonio

    01/03/2013 19:59:58

    fa molto piacere trovare in veneto persone serie e credibili come mazzaro che nn hanno venduto il cervello allammasso forzaleghismo dell ingnoraza. vai renzo

  • Renzo Mazzaro Cover

    Renzo Mazzaro, giornalista del gruppo «Repubblica-Espresso», lavora per i quotidiani veneti «Il Mattino» di Padova, «la Nuova Venezia» e «la Tribuna di Treviso» per i quali si occupa di politica e della Regione Veneto, di cui scrive dal 1986. Per Laterza ha pubblicato: Veneto anno zero (2015) e I padroni del Veneto (2012). Per Aliberti: Viviamo tutti sulla cresta dell'onda (2011). Approfondisci
Note legali