Paese d'ottobre - Ray Bradbury - copertina

Paese d'ottobre

Ray Bradbury

Scrivi una recensione
Traduttore: R. Prinzhofer
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
In commercio dal: 2 ottobre 2001
  • EAN: 9788804495512

24° nella classifica Bestseller di IBS LibriNarrativa straniera - Horror e narrativa gotica - Narrativa horror

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Mentre creava le "Cronache marziane", Bradbury scrisse anche una serie di novelle ambientate nei luoghi della sua infanzia, le piccole cittadine dell'immutabile Middle West agricolo. E a queste 'cronache terrestri' diede il titolo di "Paese d'ottobre", perché in ottobre la luce del sole declina facendo sfumare gli oggetti quotidiani tra le ombre ed è allora che, dietro le apparenze più comuni, ci è dato di vedere il fatto straordinario che spalanca la possibilità di realtà misteriose e di mondi diversi, nascosti dietro la facciata sonnacchiosa della provincia americana.
4,93
di 5
Totale 14
5
13
4
1
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Alessio

    02/03/2019 21:22:25

    I racconti riuniti in questo libro sono innervati da una lieve venatura d'ombra, di malinconia e di morte, la quale certamente ben riflette lo spirito di quel "paese" ottobrino annunciato in apertura. Descrizioni permeate di lirismo si fondono - senza mai risolversi in una mera giustapposizione - con toni stranianti, a tratti grotteschi, creando una sensazione di realismo costantemente lumeggiata da tocchi bizzarri, macabri ma mai crudi, eccessivi; i protagonisti vivono l'irreale soggettivamente, in modo isolato, irreale (o, forse, anormale?) che irrompe nelle loro vite "deliziosamente medie" e le muta irreversibilmente, non compresi da chi li circonda. Nonostante tutti i racconti siano gradevoli e ampiamente scorrevoli, alcuni mi sono parsi meno riusciti di altri; fra i miei preferiti, invece, mi limito a segnalare "L'oculato gettone di H.Matisse", "Saltamartino", "Scheletro", "La falce" e "La bella morte di Dudley Stone". Traduzione: in determinati punti soffre il peso degli anni (l'utilizzo dell'aggettivo dimostrativo "codesto" in contesti informali stona con la sensibilità odierna, ad esempio), tuttavia ha il merito di conservare e magnificare il tono mistico, sfumato (e ciononostante sempre preciso) della narrazione.

  • User Icon

    maldimaldive

    20/02/2019 09:56:17

    19 racconti inquietanti, fantastici o dell'orrore o fantascientifici scritti con mano sapiente dal grande Ray e leggendoli comprendi perché sia stato ispiratore di King e di tantissimi altri scrittori. Nani, scheletri, barattoli contenenti entità misteriose, cani prodigio, fantasmi, uomini alati, piccoli assassini, una folla di curiosi o di morti, bambini chiusi in casa da sempre, un vento capriccioso, condotti sotterranei (IT??), la morte, la follia... sono tutti ingredienti ben dosati per storie brevi e intense che lasciano il segno. Quando leggi Ray non puoi che pensare di scrivere ancora, perché è come aver mangiato bene in un ristorante stellato che ti viene la voglia di cucinare anche tu... sperando sempre di poterti almeno avvicinare ad un solo dei piatti dello chef. Consigliato e da rileggere.

  • User Icon

    Sandro Gramm. '74

    25/01/2019 07:13:53

    Una delle migliori opere di Bradbury, una raccolta di racconti neri e gotici eccellenti, innovativi, a tratti umoristici. Consigliato anche a chi non ama il genere, proprio per la particolarità delle tematiche, affrontate in maniera insolita ed intrigante.

  • User Icon

    Spiritoporpora

    19/09/2018 17:31:37

    I racconti sono uno più bello dell'altro soprattutto Il lago e La falce. Stile meraviglioso. L'ho divorato in un paio di giorni. Lo consiglio vivamente!!

  • User Icon

    L Rea

    02/04/2018 11:49:41

    il miglior Bradbury di sempre, assieme a L'estate incantata e Il popolo dell'autunno. Stephen King ha preso a piene mani da questi racconti.

  • User Icon

    Freedom

    22/09/2017 17:22:55

    Bellissimi racconti. Insieme a "il popolo dell'autunno" è una serie di racconti fenomenali ineguagliabili!

  • User Icon

    Freedom

    31/08/2017 21:48:16

    Un Ottobre senza fine a tutti Voi che amate questi magici racconti. Meraviglioso! Bellissimo!

  • User Icon

    Giuly

    01/01/2017 21:08:17

    Non so davvero quanti e quali autori siano in grado, alla pari di Ray Bradbury, di evocare sensazioni, emozioni, suggestioni. Questa è una raccolta di 19 perle di rara bellezza, 19 racconti ammantati d'autunno: crepuscolari, dolenti, poetici, meravigliosi. Capolavoro.

  • User Icon

    spy

    21/04/2015 10:03:56

    19 perle,racconti brevi del fantastico nati da una fantasia preziosa.Mai troppo compianto.

  • User Icon

    AEG

    17/12/2012 18:56:19

    Bello, geniale, in certi racconti malinconico e in altri ironico ma anche ironicamente macabro; sono pienamente d'accordo con la recensione di Alessandro.

  • User Icon

    alessandro

    13/10/2008 11:22:03

    Capolavoro della narrativa breve. consigliatissimo.

  • User Icon

    Stefano O

    02/06/2008 19:41:16

    Uno dei libri che,quando lo lessi più di venti anni fa,mi hanno di più emozionato. Bradbury ha distillato dalla tristezza,solitudine,dalle ombre dell'autunno un sorprendente,macabro e meraviglioso mondo tanto reale quanto irreale,nascosto appena dietro la porta della cantina e della vita.Straordinario,a computer spento.

  • User Icon

    AAAGG

    29/10/2007 09:23:26

    Finalmente l'ho trovato. Sicuramente Bradbury al massimo della forma. Racconti speciali, che solo lui può scrivere. Racconti col sapore d'autunno, di foglie morte, di vento gelido, di brividi. Alcuni sono dei gioielli della letteratura. Come al solito, poco o nulla di fantascienza, anche se si continua riduttivamente a considerarlo un autore di fantascienza. Alcune idee di questo libro degli anni '50 si ritrovano al cinema anche di oggi. Strano che, a parte le "cronache marziane", il meglio della produzione di Bradbury sia praticamente introvabile in libreria: "L'estate incantata", Paese d'Ottobre", "Il popolo dell'autunno", "Morte a Venice", ecc. ecc. Bah.

  • User Icon

    AAAGG

    13/07/2007 13:20:27

    PER FAVORE!!!!! qualcuno lo ristampi! sono anni che lo cerco! il voto è sulla fiducia...

Vedi tutte le 14 recensioni cliente
  • Ray Bradbury Cover

    Ray Douglas Bradbury è stato narratore e sceneggiatore televisivo e cinematografico.Nato nel 1920 in Illinois, si è diplomato a Los Angeles. Ha fatto il venditore di giornali agli angoli delle strade di Los Angeles dal 1938 al 1942, trascorrendo le notti alla biblioteca pubblica e le giornate alla macchina da scrivere.È diventato uno scrittore a tempo pieno nel 1943. Molti suoi racconti sono apparsi in periodici prima di essere raccolti in Dark Carnival nel 1947.La sua fama nasce con la pubblicazione di The Martian Chronicles nel 1950 (pubblicato in Italia da Mondadori con il titolo Cronache marziane nel 1954 tradotto da Giorgio Monicelli, omonimo del regista e lontano parente di Arnoldo Mondadori).Dal romanzo Fahrenheit 451, del 1953 (in Italia tradotto sempre da Giorgio... Approfondisci
Note legali