-15%
Il palazzo degli specchi - Amitav Ghosh - copertina

Il palazzo degli specchi

Amitav Ghosh

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Anna Nadotti
Editore: Neri Pozza
Collana: Biblioteca
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 1 gennaio 2007
Pagine: 637 p., Brossura
  • EAN: 9788854501799
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 11,90

€ 14,00
(-15%)

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il palazzo degli specchi

Amitav Ghosh

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il palazzo degli specchi

Amitav Ghosh

€ 14,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il palazzo degli specchi

Amitav Ghosh

€ 14,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nel novembre del 1885, quando giunge a Mandalay, Rajkumar ha undici anni e lavora come aiutante e garzone su un "sampan". Dopo aver risalito l'Irrawaddy dal golfo del Bengala, la sua barca si è dovuta fermare per riparazioni e il ragazzino indiano si è spinto per un paio di miglia nell'entroterra ed è arrivato nella capitale del regno di Birmania. Vi è arrivato nei giorni della fine del regno. La casa reale ha chiamato i sudditi a combattere contro gli eretici e i barbari kulan inglesi, per difendere l'onore nazionale e "avviarsi sul cammino che conduce alle regioni celesti e al Nirvana". Ma gli inglesi hanno la più grande flotta che abbia mai navigato un fiume, cannoni che possono abbattere le mura di pietra di un forte, fucili a retrocarica, mitragliatrici a ripetizione, e tre battaglioni di sepoy temprati da mille battaglie. L'esercito birmano si è disintegrato, i soldati sono fuggiti sulle montagne con le armi, due ministri hanno fatto a gara nel tenere sotto sorveglianza la famiglia reale, e il popolo di Mandalay si è riversato nel palazzo reale saccheggiando e mettendo a soqquadro ogni cosa. Rajkumar si aggira ora nel vastro atrio al centro della cittadella, in quello che tutti chiamano il Palazzo degli specchi, con le sue pareti di cristallo lucente e i soffitti rivestiti di specchi. L'esito finale del regno e della famiglia reale birmana, sarà l'inizio della fortuna di Rajkumar.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,07
di 5
Totale 11
5
5
4
3
3
1
2
2
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Rigus68

    15/04/2018 07:04:12

    E’ un romanzo, scritto molto bene, che intreccia vite individuali, matrimoni, nascite, morti, a guerre, invasioni di colonizzatori britannici, fino alla fine della seconda guerra mondiale (WWII) per finire con ricerche storiche che ci portano fino alla Birmania oppressa dal regime dittatoriale e alla ribelle Aung San Suu Kyi confinata nella sua villa per dieci anni ma amata ed ammirata dai suoi compatrioti. Ci sono almeno due importanti lezioni da apprendere, ben approfondite dallo scrittore. La prima è l’avidità spaventosa con cui il colonialismo britannico ha cercato di sottomettere quasi metà del mondo, chiamando pomposamente il suo impero “Commonwealth”. In realtà il “benessere” non era comune, ma solo appannaggio del conquistatore britannico, abilissimo nell’usurpare il potere locale e a depredare ogni nazione delle sue ricchezze. Paradigmatica è la descrizione inziale della detronizzazione del povero re Thebaw e della regina Supayalat: non aveva nulla a che vedere con la liberazione del popolo birmano da un regime oppressivo, bensì era spinta dallo spirito di rapina degli inglesi, che volevano impadronirsi delle ricchissime foreste di alberi di tek, di cui iniziarono un massicci e dissennato sfruttamento. La seconda lezione è il fatto di averci svelato come mai, nei secoli le perdite nei loro eserciti siano state così esigue. Questo vale anche per WWII, in cui appena 300 mila soldati inglesi persero la vita. Mandavano in prima linea le truppe dei regni conquistati, in primo luogo le truppe indiane, che portavano alla vittoria con altissimi contributi di sangue. Il conquistatore britannico stava nelle retrovie a dirigere le operazioni. C’è pure un terzo aspetto: il fatto che proprio durante gli scontri con i giapponesi nel Sud-Est asiatico proprio le truppe indiane abbiano iniziato a prendere coscienza del loro stato di “carne da macello” delle truppe britanniche e abbiano iniziato a prendere coscienza del loro stato di servitù e a ribellarsi.

  • User Icon

    silvia

    30/11/2014 14:34:31

    "Il palazzo degli specchi" inizia come un romanzo rosa, si arena a metà trasformandosi in un confuso elenco, e termina con un telegrafico compendio di storia della Birmania. Le descrizioni dei personaggi scivolano via senza appigliarsi a nulla, restano figure anonime, stentano a prendere forma. Ho faticato non poco a finirlo, era dai tempi di scuola che non mi capitava di controllare di continuo quante pagine mancassero alla fine del libro. Resta l'impressione di avere letto un romanzo dispersivo, molto meno incisivo rispetto a quello di cui si parla nel riassunto della trama in copertina. Peccato, sicuramente non si tratta di un romanzo senz'anima, si avverte una passione spontanea che affiora comunque nonostante il risultatato.

  • User Icon

    simona

    13/06/2011 11:20:34

    Sono una sostenitrice di questo grandissimo scrittore ed " Il palazzo degli specchi" è il romanzo che ho preferito. Molti ritengono Ghosh troppo descrittivo, ma grazie a questa sua caratteristica, nonostante abbia letto questo libro diversi anni fa, ho ancora vivide le immagini di Mandalay, del palazzo reale e dell'atmosfera che lui ha saputo creare. Consiglio questo libro a tutti quelli che vogliono immergersi nell'incanto di mondi lontani.

  • User Icon

    Daniela

    31/03/2011 03:00:11

    Un bel romanzo che ripercorre la storia della Birmania e dell'India dalla fine del 19° secolo fino ai giorni nostri attraverso le vicende di Rajkumar e dei suoi cari. Una saga familiare appassionante e coinvolgente!

  • User Icon

    nihil

    19/05/2010 18:23:19

    Il libro ha il pregio di illustrare ampiamente un periodo storico, con puntualizzazioni circa gli aspetti sociali e psicologici dei paesi in causa, veramente notevoli. Certe motivazioni politiche, ad un osservatore estraneo all'epoca, sono spesso apparse incomprensibili;Gosh le rende decisamente esaustive nei discorsi dei militari che si avvicendano nel romanzo. Riusciti meno bene i vari personaggi poichè manca lo spessore psicologico che si rileva per esempio nel romanzo Suite francese della Nemirowsky, che affronta lo stesso tema delle generazioni che attraversano la guerra. Molte pagine sono superflue e appesantiscono la lettura. Rimane comunque un libro da leggere, poichè il passato genera il presente.

  • User Icon

    massimo

    24/08/2009 17:19:54

    Il libro, nonostante la mole, mi è sembrato spesso troppo sbrigativo nel liquidare lunghi periodi temporali ricchi di vicende per concentrarsi a volte su episodi poco significativi. Anche per quanto riguarda i personaggi, sono spesso quelli secondari a risultare più riusciti. é comunque una lettura scorrevole che illumina un secolo di storia di un paese poco noto al mondo occidentale.

  • User Icon

    Attilio Alessandro

    31/10/2008 12:48:24

    Libro bellissimo. Ringrazio di cuore Mauro che me lo ha consigliato. Uno dei più bei libri sul sudest asiatico: una saga famigliare che mi ha preso moltissimo. L E G G E T E L O

  • User Icon

    manuele

    03/02/2008 19:39:01

    Gran bel libro per me...tantissime pagine,un po' troppo descrittivo,ma molto bello ed interessante.Consigliato a chi vuole sapere la storia della Birmania e del sud est asiatico dalla fine dell'800 ai giorni nostri attraverso alle 2 guerre mondiali fino all'attuale dittatura Birmana.Tutto raccontato in maniera magistrale attraverso a personaggi molto bene caratterizzati.Consigliato.

  • User Icon

    philo

    27/08/2007 11:08:45

    Massimo rispetto per l'autore che ha impiegato più di cinque anni della sua vita per scrivere il libro, ma purtroppo, a mio modesto parere il romanzo è pesantello. E' più adatto ad un adattamento cinematografico che alla lettura. Mi dispiace.

  • User Icon

    N

    19/12/2006 05:24:26

    Splendido. Decisamente da leggere e divorare.

  • User Icon

    claudia

    08/03/2003 11:43:25

    bello, avvicente, soprattutto dopo un viaggio in Birmania è interessante conoscere la storia che ci sta dietro. Lo consiglio...

Vedi tutte le 11 recensioni cliente
  • Amitav Ghosh Cover

    Scrittore, giornalista e antropologo indiano. Ha studiato a Oxford e vive tra la sua città natale e New York. Considerato «uno dei più grandi scrittori indiani» (la Repubblica), è autore di numerosi libri di cui si citano: Il cerchio della ragione (Garzanti, 1986), Le linee d’ombra (Einaudi, 1990), I fantasmi della signora Gandhi (Einaudi, 1996). Per Neri Pozza ha pubblicato: Il paese delle maree (2005, 2015), Circostanze incendiarie (2006), Il palazzo degli specchi (2007), Il cromosoma Calcutta (2008), Mare di papaveri (2008, 2015), Il cromosoma Calcutta (2008), Lo schiavo del manoscritto (2009), Il fiume dell'oppio (2011), Diluvio di fuoco (2015), La grande cecità (2017), L'isola dei fucili (2019). Approfondisci
Note legali