Traduttore: S. Reggiani
Editore: Giunti Editore
Collana: Y
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 31/05/2011
Pagine: 416 p., Rilegato
  • EAN: 9788809763159

Età di lettura: Young Adult

Disponibile anche in altri formati:

€ 8,42

€ 9,90

Risparmi € 1,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 5,34

€ 9,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Sara Booklover

    31/08/2012 16:45:34

    Ho trovato l'essenza della storia e il mondo ricreato dall'autrice davvero molto interessante ed originale, per alcuni particolari si può scorgere una lieve somiglianza (ma davvero lieve!) con l'ambientazione dei romanzi di Kelley Armstrong e questo devo dire che mi ha fatto apprezzare il libro ancora di più. La protagonista è frizzante con dei gusti molto eccentrici e, in abbinamento ad uno stile di scrittura in parte ironico, ne risulta una simpatica e rilassante storia d'evasione per tutti coloro che amano il genere urban fantasy. La parte che mi è piaciuta di più di tutto il libro è sicuramente la prima metà, quella che funge essenzialmente da introduzione e in cui il lettore impara a conoscere il mondo in cui è ambientato il romanzo, assieme a tutte le peculiarità dei personaggi e le dinamiche alla base della storia. Quando invece la trama entra definitivamente nel vivo manca un po' di mordente, l'efficace ironia della narrazione è come smorzata per fare posto ad eventi più seri, aumentando l'azione, ma perdendo parte della piacevolezza e della spensieratezza riscontrata. Una storia comunque scorrevolissima e con un ritmo narrativo incalzante, da metabolizzare in una giornata o poco più, che intrattiene e non annoia. Un inizio di una trilogia che non mi ha delusa e della quale leggerò i seguiti.

  • User Icon

    Mina

    22/02/2012 16:05:17

    Appena letto e ho due sole parole: strepitoso e coinvolgente. Fuori degli schemi, l'ho letto su consiglio di un'amica e ha reso piacevole un genere che normalmente non mi attira un granché. Consigliatissimo.

  • User Icon

    Miao

    22/02/2012 16:00:40

    Paranormalmente è una parodia; questo libro (anzi, questa serie) non vuole essere l'ennesima in un mercato incredibilmente saturo di personaggi fighi ma dannati, ragazzette sfigate che rompono i maroni perché s'innamorano dell'immortale di turno e se la menano ogni 3x2 e via discorrendo. La protagonista è fortemente autoironica e non si aggira nella sua figura esile a sterminare vampiri... semplicemente essi non hanno verve su di lei perché li vede per quello che sono sotto l'aspetto di belli e dannati: dei cadaveri in via di putrefazione rinsecchiti sotto il peso dei secoli... e per nulla pericolosi perché in quanto cadaveri sono fragili e deboli. Qulacuno lamente questo genere di parodie in contrasto con la solita letteratura settoriale: magari non conoscete Terry Pratchett che sulla parodia del genere fantasy ha costruito una fortuna di best-sellers.

  • User Icon

    Roberto

    21/02/2012 15:36:44

    Molto bello, dissacrante, scorrevole e fuori degli schemi. Non capisco chi si lamento del fatto che sia scritto in prima persona: che lo hai letto a fare se odi questo tipo di narrazione? In ogni caso lo consiglio a tutti, anche agli adulti (io ho 32 anni). Se siete stufi di vampiri fighi a tutti i costi o lupi mannari sexy da momire, qusto fa per voi.

  • User Icon

    Nimue76

    25/08/2011 20:42:37

    Qualche spunto carino ,qualche tratto divertente ,ma decisamente molto molto YA e probabilmente non ho piu' l'eta' per certe letture.... Comunque la scrittura non e' scorrevolissima e forse per giudicare cio' l'eta' serve a qualcosa. Carino ma non eccezionale .

  • User Icon

    P-chan

    23/06/2011 19:09:32

    Paranormalmente è un libro fedele al suo titolo: il mondo paranormale che vi viene descritto risulta incredibilmente ordinario. Vampiri, lupi mannari, megere, ninfe dell'acqua - e chi più ne ha più ne metta - circolano in mezzo agli umani cercando di integrarsi con loro, limitatamente alla loro natura. Non sempre però questo processo di integrazione è facile. Un romanzo simpatico e spiritoso, che si legge in un soffio e lascia piacevolmente divertiti. Certo, non aspira ad essere un romanzo di un certo livello, però è comunque apprezzabile se si cerca qualcosa di leggero e spensierato.

  • User Icon

    chesy

    17/06/2011 14:05:16

    Il romanzo si presta come qualcosa di originale, intrigato dalla copertina stupenda; la ragazza nel bosco che afferra coi suoi occhi il vuoto, e i capelli che si disperdono, le dita strette tra le foglie richiamano un'assoluzione momentanea, una continua fuga. Una vita distratta, diversa. È così, Evelyn non è normale. Lo stile è fresco, scattante, non ci si annoia mai, è come un'estate infinita tra i lampi di fuggevoli emozioni. La storia è interamente narrata in prima persona, nei panni della protagonista, ma forse troppo veloce. Ma il carattere della protagonista decisamente sopra le righe non rende monotonia, tra le situazioni l'umorismo dell'autrice che cerca di prendere in giro e stravolgere gli YA s'incastra bene con le varie situazioni. Soprattutto se si ha una bionda che veste di rosa zebrato sintetico, e che cammina inseparabilmente con il suo Taser - un fucile rigorosamente rosa&zebrato -, e che vede le creature paranormali nelle sue vere sembianze. Tra l'altro questo riuscirà a farla rimanere vittima di una fata, Reth, suo ex compagno che cercherà più volte di rubarle il cuore, e che lei chiama nel momento del bisogno facendo accadere vari disastri. In definitiva, Paranormalmente non salta mai le scene, ma continua a scorrere come le puntate di un'ottima serie televisiva. È un romanzo da ombrellone, un'ancora di sorrisi nell'afa d'estate che riesce a tenere compagnia assieme alla sua dissacrante ironia. E le vittime, qualcuno che uccide i paranormali, e le ombre che si addensano. Ed Evie, che si lancerà in una nuova avventura, per scoprire se stessa. È bel libro, per chi non pretende troppo e vuole tenersi in buona compagnia con qualcosa di leggero e frizzante.

  • User Icon

    Pepys

    15/06/2011 10:26:55

    Paranormalmente, primo di una trilogia, ha il merito di aver come protagonista una ragazza forte, simpatica, brillante. Non è la solita 'Bella' di Twilight, che piange per ogni motivo. Evie affronta ogni giorno creature paranormali, perfino le vecchie e puzzolenti megere (finalmente ho capito perchè certe anziane vengono definite così) senza mai perdere la lucidità e la calma. Solo una fata, il suo ex ragazzo Reth, la manda fuori di testa manipolandole la mente. Tutto cambia con l'arrivo dell'enigmatico Preston, di cui Evie si innamorerà, e con la strana uccisione di decine di esseri paranormali, ritenute specie protette. Perfino Evie scoprirà di non essere quello che pensava. Ragazza speciale, sì, che riesce a vedere oltre le sembianze mostrate dalle creature, ma per il resto, una comunissima adolescente. E invece... Tutto sommato è un romanzo coinvolgente...ma sicuramente non il migliore che abbia letto del genere paranormale. Ultimamente spopolano sul mercato librario questi vampiri, lupi mannari, fate, angeli, diavoli e chi più ne ha più ne metta. Paranormalmente si discosta dagli altri per la verve acuta della sua protagonista e le sue esilaranti avventure. Letto nel giro di pochi giorni, mi sono completamente immersa nella storia. Aspetto il seguito con ansia!

  • User Icon

    Valentina

    02/06/2011 19:57:24

    Frizzante, simpatico, divertente. Così ho trovato questo libro dalla scorrevolissima lettura e con tanto brio giovanile. Dire che sfata i miti fantasy più conosciuti, non è del tutto vero, perché ci sono ben altri libri che pensano già a questo (resto generica, non vorrei scatenare un putiferio =P), li cambia un po', rendendoli più divertenti e meno spaventosi. Dà loro una visione più umana della loro natura. Evie poi è di un eccentrico pazzesco, un po' scoordinata, ma un personaggio vitale che districa il suo essere tra tanti altri, distinguendosi. Per fortuna le parti mielose sono ben contenute e per una volta, in un libro per giovani adulti, fanno sognare, e non fanno venire il diabete (io son particolare, lo so U_U). Simpatico il personaggio di Preston, nonché suo padre, ho riso un sacco immaginandomi la scena con la mazza da golf. Curiosi? Non vi resta che leggerlo ;)

  • User Icon

    Reina

    01/06/2011 19:43:27

    Prima di tutto io purtroppo ho un grosso difetto... Odio profondamente quando il narratore si rivolge direttamente al lettore. Non posso farci niente ma, tranne in rari casi di libri per bambini, quando leggo un intervento diretto al lettore mi viene l'orticaria -.- Io amo leggere e la cosa che amo di più è quando riesco ad immergermi talmente tanto nella storia che mi dimentico chi sono e dove sono e intorno a me c'è solo ciò che sto leggendo che prende forma e colore e vivo le avventure raccontate insieme ai personaggi. Tutto questo viene spezzato e distrutto dagli interventi che mi scaraventano brutalmente fuori dal romanzo dicendomi "Ehi stai leggendo un libro! Non sei realmente qui con noi, sveglia!" e così la magia si interrompe e svanisce... A parte questo le base per tirare fuori qualcosa di carino c'erano... ma non ha funzionato. La storia è adatta a ragazzine di 11-12 anni senza troppe pretese, anche se a mio parere sarebbe stato meglio realizzare questa trama per bambini di 7-9 anni. Ad esempio la vedevo bene come base per un lavoro del tipo "Scuola di vampiri di Jackie Niebisch" da cui hanno tratto il cartone tv. In quel caso per me avrebbe avuto senso e sarebbe potuto essere carino. Ma per come è stato fatto per me è un fiasco totale. Sembrano tutti parecchio stupidi al punto da innervosirti e da prenderli a schiaffi. Penso che la prima pagina sia riuscita a offendere i vampiri molto di più di quanto lo abbia fatto la Meyer. Come ho detto avrei potuto leggerlo volentieri e riderci su se fosse stato veramente una parodia degli urban fantasy per bambini, ma fatta in questo modo con un tentativo di creare un libro serio e ironico l'ho trovato solo stupido... La lettura non è male, scorre abbastanza bene e c'è molta ironia anche se a me non ha preso. Insomma se lo leggete non aspettatevi molto.

  • User Icon

    Charlie.

    01/06/2011 12:51:55

    Partiamo dalla prima cosa che si nota prendendo in mano il libro, la copertina. Personalmente la trovo davvero stupenda: il titolo è in rilievo e scritto con un carattere con qualche riccio che sembra quasi le che le parole inizino a dissolversi; se muovi il libro si possono notare dei riflessi dal colore dell'arcobaleno e, per ultima cosa (ma non ultima per importanza) la ragazza in copertina che assomiglia molto alla descrizione di Evie. Personalmente ho adorato, anzi no, amato questo libro, l'ho trovato divertente, ironico e decisamente sorprendente. Avevo molte aspettative su questo romanzo e sono stata più che accontentata e, devo ammettere, che la storia ha avuto un risvolto inaspettato, almeno per me.Ho trovato anche molto interessante e intelligente da parte dell'autrice di aver cambiato ogni stereotipo su vampiri, licantropi, eccetera. I vampiri in questo libro non sono certo quelli carini di Twilight (niente da togliere alla saga della Meyer!); inoltre troverete tanti altri esseri soprannaturali che almeno io non avevo ancora visto in nessun libro. Consiglio il libro a chiunque voglia leggere uno young-adult che lo faccia ridere ma anche piangere. Questo però è solo il primo romanzo di una trilogia, nel 2012 dovrebbe uscire il secondo libro Supernaturally in lingua originale. Voto? 10, assolutamente.

  • User Icon

    Keira87

    01/06/2011 11:30:15

    Paranormalmente altro non è che un tentativo più o meno riuscito di raccontare con ironia e un pizzico di spirito dissacratorio quelli che sono i romanzi che in questo momento vanno per la maggiore: young adult con vampiri, licantropi e compagnia. Fin qui, converrete con me, le premesse risultano essere più che allettanti ma, c'è sempre un ma a questo punto, devo dire che nel complesso, nonostante qualche trovata brillante, il romanzo non mi ha entusiasmata in pieno. Sarà che cover e trama mi avevano completamente sviata ma tutto pensavo tranne di ritrovarmi a leggere un libro che per stile e personaggi ricordano molto da vicino i manga giapponesi. Cosa che potrebbe anche andare benissimo se non fosse che molte situazioni e discorsi li ho trovati, a lunga andare, un pò forzati e un poco superficiali. Carina l'idea di proporre uno YA paranormale che prendesse in giro gli YA paranormali: qui i licantropi sono gentili e malinconici, i vampiri sono soltanto carne morta che cammina, le fate sono cattive e un poco acide e le sirene simpatiche migliori amiche. Direi, però, che forse l'elemento più originale è la protagonista, Evie,na sedicenne eccentrica, a tratti una simil Barbie bionda vestita in rosa o con microabito zebrato e stivali alti fucxia.Niente a che vedere con le svenevoli protagoniste a cui siamo abituati ma che, d'altra parte, potrebbe non risultare simpatica a tutti dato il suo essere sempre e costantemente sopra le righe. La storia di per sé è carina ma la White, a mio avviso, non riesce ad andare fino in fondo con il suo tentativo di uscire dai clichè più classici finendo così a emulare quei libri che tanto vorrebbe prendere in giro. Paranormalmente è uno young adult perfetto per passare qualche ora di svago ma che non lascia poi molto in termini di coinvolgimento emotivo. In definitiva si tratta di una lettura veloce e a tratti divertente, un ottimo libro "estivo", adatto da leggere sotto l'ombrellone.

  • User Icon

    Marta

    29/05/2011 19:21:48

    Per quanto mi riguarda questo genere di libri non è la mia passione... il paranormale non mi ha mai attirato ma... credetemi... mi son ritrovata reticente all'inizio... per poi mangiarmi pagina per pagina, curiosa di vedere come proseguisse la storia! Un libro, questo, divertente, spassoso, leggero... sicuramente adatto a molti adolescenti ma anche... alle loro mamme! Io, personalmente, lo acquisterò per mio nipote, che quest'anno finisce le scuole medie... sarà una bella lettura estiva, credetemi! E' scritto anche molto bene, in modo scorrevole.. e spesso porta a riflessioni che eludono dal semplice diverimento... come quando parla della paura... "La paura può farti fare ogni genere di cose - ti fa vedere, sentire, percepire cose che in realtà non esistono - ma se ne sei consapevole è molto più facile affrontarle.

  • User Icon

    girasonia76

    26/05/2011 18:20:43

    Parto col dire che ho avuto difficoltà nel trovare le parole giuste per poter esprimere la mia opinione riguardo a questo romanzo. Se dovessi riassumerlo a qualcuno, sono sicura che chi ascolterebbe sarebbe attratto dalla storia e dai personaggi. Se dovessi descrivere questi ultimi, sono ancor più sicura che colpirebbero per la loro ironia e sarcasmo e per il loro caratterino; se dovessi soffermarmi sui legami tra Evie (la protagonista) e i vari esseri (para)normali che le ruotano intorno, di sicuro creerei un clima di forte curiosità. Stesso clima creato dall'ambientazione, un centro in cui vengono rinchiusi e "curati" i paranormali, e le dinamiche quotidiane... Sembra di trovarsi di fronte a un gioiellino, un risultato a prima vista amabile e piacevole. E allora perché tanta difficoltà nel giudicarlo? Perché pur riconoscendo l'abilità della scrittrice di aver saputo dar vita a una protagonista eccentrica e sarcastica al punto giusto, a un cattivo che non spaventa ma si dimostra buono, a una fata diversa dal solito, forse cattiva o forse solo dal carattere un po' prepotente, e di aver creato un prodotto originale e divertente, mi ritrovo poco convinta. In alcuni casi l'ironia l'ho vista trasformata in forzatura; in altri momenti mi è sembrato di assistere a delle dinamiche già viste:la protagonista che non sa di essere ciò che è, non sa di chi fidarsi ecc. ecc; il cattivo che diventa buono; i sentimenti conflittuali di Evie per due ragazzi contemporaneamente... Tutto ciò mina, nel contenuto, l'originalità della forma di Paranormalmente. Eppure, superate le prime 50 pagine, non ci si annoia più e si segue la storia con piacere e con curiosità. E allora dov'è o qual è il vero problema? Forse sta tutto nell'essere, questo, il primo volume di una serie. In Paranormalmente accade ancora troppo poco per poter apprezzare a pieno il contenuto al di là delle imperfezioni, ma non posso che riconoscere che ha le sue potenzialità.

  • User Icon

    LadyAileen

    20/05/2011 22:36:37

    Paranormalmente è il primo volume di una trilogia urban fantasy che vede protagonista Evie, un'adolescente con la capacità di riconoscere le creature paranormali. Per questa sua abilità lavora come agente per l'AICP un organo preposto per la cattura e il controllo di tali creature. Tutto sembra andare bene fino a quando Evie non cattura Preston... Esteticamente il volume attrae molto: compatto, maneggevole e con una cover niente male. Per gli adulti forse sembrerà una lettura un pò troppo frivola nonostante affronti temi importanti ma l'autrice tende a non approfondire troppo. E' sicuramente ironico, scorrevole, difficile non concludere la lettura, ed è proprio Evie, la protagonista, a raccontare la sua strana storia. Però a giudicare dai suoi comportamenti, le avrei dato tra gli undici e i tredici anni non sedici. Risulta un personaggio un tantino sciocco e infantile (Diciamo che non l'ho trovata sempre simpatica, a cominciare dai continui "Bip"). Per quel che riguarda la trama, è decisamente originale e non manca la giusta dose d'azione e colpi di scena. Naturalmente, non dobbiamo dimenticare il risvolto romantico che vede coinvolta proprio Evie. Come potete immaginare, troverete creature di tutti i tipi: vampiri, sirene, fate, lupi mannari e così via (giusto per non farci mancare nulla). Adatto a chi cerca una lettura non troppo impegnativa e speriamo che con il secondo la caratterizzazione dei personaggi migliori.

  • User Icon

    "Paranormalmente" è un romanzo indubbiamente piacevole e spassoso, si legge in un lampo ma...non è abbastanza profonda l'impronta che lascia dietro di sé. Mi è sembrato che l'autrice affrontasse con superficialità temi profondi quali la diversità, la solitudine e addirittura la morte. La protagonista, Evie, che narra in prima persona (per nostra sfortuna) la vicenda, è antipatica e persino un po' sciocca, con quei suoi vestitini che fanno tanto Barbie magia della moda, la sua cameretta tutta rosa, le sue moine e i suoi immancabili Oh bip!, che la rendono molto più simile ad un cartone animato che ad un personaggio vero e proprio. Concludendo, ritengo che questo libro non sia esattamente la miglior pubblicazione della competente Giunti Y; tuttavia, non me la sento di sconsigliare questo libro a lettori molto molto giovani (dagli 11 ai 15 anni circa): loro potranno sicuramente apprezzare più di me la simpatia semplice di Kiersten White e la sua storia paranormalmente insolita.

  • User Icon

    Yuko86

    20/05/2011 08:37:31

    Paranormalmente è una storia ricca di spunti interessanti e originali: il centro di controllo AICP, il potere di Evie, le moltissime creature presenti. Questo è sicuramente un punto a favore del romanzo, così come anche la sua scorrevolezza e l'ambiguità del popolo fatato: niente fatine Disney, ma finalmente abbiamo le fate della tradizione, bellissime ma letali. Ma soprattutto incredibilmente ambigue: bisogna porre molta attenzione quando si dà un ordine ad una fata, altrimenti si rischia di finire in guai molto grossi, come imparerà Evie a sue spese. I personaggi sono abbastanza ben delineati, anche se devo ammettere che la protagonista, fin dall'inizio, mi è stata molto poco simpatica: trovo alcuni suoi atteggiamenti veramente assurdi. Meglio altri, tra cui Reth, l'ex fidanzato fatato che evidentemente non ha preso molto bene la fine della loro storia: ecco, la sua ambiguità, i suoi atteggiamenti, la sua cattiveria mi hanno davvero colpito. Un altro punto che dovrebbe essere a favore del libro è la grande ironia, l'humour che traspare dalla scrittura dell'autrice: ecco, in certe circostanze ho trovato questa caratteristica eccessivamente marcata. Prendiamo per esempio gli "oh, bip". La prima volta ho riso, la seconda ho sorriso, alla cinquantesima ho sbuffato; inoltre, quando gli eventi diventano "tragici", ho trovato questo elemento talvolta fuori luogo. Diciamo che la trama in sè, la storia, mi è piaciuta moltissimo, ma il modo in cui è stata resa non mi ha completamente soddisfatto. Sono curiosa di leggere il volume successivo, sperando anche in una crescita dell'autrice dal punto di vista stilistico. Una piccola nota di demerito per il titolo, suona davvero male, mentre la copertina è molto bella e curata. In conclusione, Paranormalmente è un buon libro per chi cerca un urban fantasy per ragazzi con una trama originale e una spruzzata di comicità, senza troppe pretese.

  • User Icon

    Mockingjay

    18/05/2011 19:51:03

    Ho adorato Paranormalmente dalla prima all'ultima pagina. Un libro sul paranormale che prende in giro il paranormale. E chi se lo aspettava?? Evie abita all'AICP (Agenzia Internazionale per il Controllo del Paranormale), e la sua vita è un continuo scontro con vampiri, licantropi e creature di tutti i tipi. Nonostante questo, tutto ciò che Evie desidera è una vita normale. Vorrebbe andare a scuola, avere un ragazzo, fare tutte le cose che fanno le ragazze della sua età. E l'occasione si presenta quando all'AICP arriva Preston, una creatura mai vista prima. Tra Evie e Preston nasce presto una profonda amicizia, destinata a trasformarsi in qualcosa di più. Paranormalmente è un bellissimo libro. Non si può non provare simpativa per Evie, una protagonista assolutamente adorabile, e per Preston, davvero dolce. Ho divorato questo libro, finendolo in una sola giornata. Non vedo l'ora che esca il seguito!

  • User Icon

    Tintaglia

    18/05/2011 14:25:47

    So cosa voglio per Natale: un taser rosa e il seguito (meglio se più d'uno) di Paranormalmente. Perché l'ho terminato ieri notte, ma già mi manca il mondo paranormale e realistico insieme in cui si muove Evie, adolescente anomala ma con tutti i vizi, le manie, i pensieri, le passionid egli adolescenti, e i suoi amici nemici: sirene, licantropi, vampiri, megere, fate come se piovessero. E unicorni, che spero ardentemente compaiano nei prossimi volumi. Oh, bip! [cit.] E' una recensione nettamente più sconclusionata del solito, ma sono rimasta incantata e stupita da questo romanzo, che rompe gli schemi con una storia e dei personaggi originalissimi nella loro commistione di normalità/anormalità, con un amore naturale e sincero, da veri adolescenti impacciati e sognatori, con un mondo credibile e ben costruito, con una resa di dubbi e sentimenti sincera e realistica - tutti i sentimenti: amore, amicizia, tenerezza, simpatia, semplice affetto. Solitudine. Terrore. E una protagonista che zompetta sulla scena in arditi stivali fucsia, alla disperata ricerca delle emozioni che può dare una giornata a scuola, o una pizzata con amici. O un bacio con il ragazzo che ti fa - letteralmente - risplendere il cuore. Probabilmente il miglior YA letto da diversi mesi a questa parte, rinfrescante nell'ironia ma ricco di una sinceriotà che fa pensare.

  • User Icon

    Rowan

    18/05/2011 09:56:36

    Parto dicendo che la scrittura non è stata di mio gradimento, ma sono d'accordo che questa sia una cosa puramente personale. La trama poteva non essere così male, in effetti. Un Centro che si occupa di catturare e rendere innoqui i paranormali che girano a piede libero, una ragazza con un potere incredibile: vedere al di là del vero aspetto dei paranormali. Morti misteriose, anime rubate e amore. E poi la tragedia che mi ha portato ad odiare il libro: La protagonista. 16 anni, naso piccino (definito così da lei), bocca piccola, capelli lisci lunghi fino al sedere biondo platino. Lei è la temibile Evelyn, cacciatrice di paranormali che di notte si aggira nei cimiteri. Dimenticavo di dirvi che dice "Oh, bip!" ogni 2 minuti. E che si veste con completini di pelo rosa e vestitini zebrati completi di stivali viola a tacco a spillo. E che si rifiuta di imparare ad usare un coltello, perché tanto lei ha Tesey! Un teser rosa, giusto per capirci. Per convincerla a portarsi in giro un coltello hanno dovuto fargliene fare uno con il manico laccato di rosa. Altra cosa che non ho apprezzato. L'autrice tenta di mischiare una situazione relativamente seria (la caccia ai paranormali, gli omicidi, il Centro..) ad uno stile divertente ed ironico. Non so se le due cose siano incompatibili o se semplicemente non sia stata lei in grado di farle combaciare, fatto sta che ne è venuta fuori una poltiglia snervante, irritante e penosa. In America Paranormalmente ha riscosso un enorme successo. Tenetevi pure la vostra Evelyn-non-mi-rovinare-il-trucco, io vado a farmi un giro con Buffy l'ammazza vampiri.

Vedi tutte le 25 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione