Categorie

Pietro Finelli, G. Luca Fruci, Valeria Galimi

Anno edizione: 2012
Pagine: XIV-194 p.
  • EAN: 9788800206143
In questa collettanea, nata da un seminario pisano del dicembre 2004, i soli discorsi esaminati sul piano testuale sono quello "della main tendue", pronunciato dal segretario comunista francese Maurice Thorez (1936), quello tenuto a Udine il 20 settembre 1922 da Mussolini e l'orazione di Casimir Périer risalente al 18 marzo 1831 (insediamento del regime parlamentare in Francia). Al centro si collocano le tecniche di decodificazione, fermo restando che i discorsi per il parlamento si differenziano da quelli rivolti all'insieme dei cittadini: pensiamo alle illuminanti notazioni di Schumpeter in Capitalismo, socialismo e democrazia circa le analogie fra la concorrenza nell'agone elettorale e quella nell'economia, qui non discusse. Viene però ugualmente condotta con estremo rigore l'analisi del "circuito di senso" (Lucien Jaume) fra chi parla, la comunità di riferimento, il contesto e la cultura politica espressa, a partire da un livello di lettura "contestuale" (Alain Laquièze) che illustri i "profili emotivi della ricezione" (Enzo Fimiani), decisivi in presenza di miti mobilitanti, come quello delle "200 famiglie" evocate da Thorez; il contributo di Ignazio Veca sulla ricezione dell'editto di amnistia negli stati del papa (1846) dimostra che la disamina si può valere anche di un apparato iconografico. Non sono tradotte le citazioni dallo spagnolo di Marcella Aglietti nel saggio sul rapporto fra liberali e pueblo nella Spagna di fine Ottocento, ricco di rimandi a significativi slittamenti semantici, ma il volume non è divulgativo.   Daniele Rocca