Topone PDP Libri
Salvato in 5 liste dei desideri
Il passaggio dell'orso
8,05 € 14,90 €
LIBRO USATO
14,90 € 8,05 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
8,05 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
14,16 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,16 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
8,05 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Il passaggio dell'orso - Giuseppe Festa - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Kevin, studente metropolitano svogliato e tecnologico e Viola, aspirante naturalista che vive in campagna, si ritrovano al Parco Nazionale d'Abruzzo per lavorare come volontari insieme al guardaparco Sandro. La loro storia si intreccia con quella di un giovane orso rimasto orfano che, senza la guida della madre, non riesce a cavarsela da solo nella foresta. Un bracconiere, che sembra essere sempre un passo avanti ai due ragazzi, gli dà la caccia, e l'orso si ritrova a giocare con il fuoco... Perché il Parco è terreno d'affari per molti, e qualcuno sta tramando nell'ombra per sterminare gli ultimi, preziosissimi esemplari di orso marsicano. Il più antico Parco italiano diventa teatro di un legame indelebile tra un ragazzo e un cucciolo d'orso. Un grande esordio nella narrativa d'avventura per ragazzi, il racconto di un viaggio emozionante alla scoperta della natura e delle sue meraviglie. Età di lettura: da 10 anni.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2013
7 marzo 2013
222 p., Brossura
9788867152308

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
SnakeAZ
Recensioni: 5/5

Divorato con tre giorni! Una storia avvincente e scorrevole che racconta il legame segreto che c'è tra gli orsi marsicani ed i guardaparco e di come chiunque, diventando volontario, può entrare nella loro quotidiana condivisione del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise! Consiglio di visitare, se possibile, prima i luoghi ed i paesini del Parco e dopo dedicarsi alla lettura, per vivere in prima persona la storia raccontata! MAGNIFICO

Leggi di più Leggi di meno
Antonio C.
Recensioni: 5/5

Un romanzo che ti prende dalla prima fino al'ultima pagina, dove soprattutto le vicende dei volontari e dei guardiaparco si intrecciano con quella della vita degli orsi del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, descritte in maniera realistica e magistrale dall'autore e dove non mancano i colpi di scena. La lettura di questo libro ti fa sentire "dentro le atmosfere magiche della natura del Parco". Un bellissimo lavoro da far leggere sia ai ragazzi e sia agli adulti. Magari, dopo la lettura, consiglio di fare l'esperienza del volontariato!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Una scrittura lieve, diretta, che si apre a ventaglio per descrivere l'incanto di uno dei nostri "scrigni" naturali, il Parco nazionale d'Abruzzo. Un ritmo tra il giallo e l'avventura dove i temi della tutela ambientale si intrecciano a quelli dell'amicizia e della relazione tra generazioni diverse. Protagonisti un guardiaparco, il saggio Sandro, due ragazzi, Kevin e Viola, e Karhu, un orso poco timoroso degli umani. Due settimane estive di volontariato al parco per motivi diversi: per Kevin, bocciato a scuola, è una punizione, per Viola, promossa, un premio. Lui super tecnologico e pigro, lei vegana e attiva, impareranno a sopportarsi, e anche a piacersi, sulle tracce degli orsi marsicani. Al centro della vicenda l'autore pone, non senza critiche, una ricerca scientifica che vuole monitorare i plantigradi in via di estinzione in maniera troppo invasiva, catturandoli al laccio per poi munirli di un collare trasmittente. Idea che qualcuno viene poi "convinto" a sfruttare proprio per individuare gli stessi animali da abbattere: la scusa è quella della pericolosità (come quella di Karhu che per procacciarsi il cibo entra nelle roulotte), mina all'incremento turistico. La lotta al nemico diventa così la lotta alla corruzione in genere, il cui mandante non è tanto una persona quanto "un modo di pensare, di concepire la natura selvaggia come una proprietà". Si sveleranno i colpevoli e il finale sarà lieto, ma non troppo: Karhu, confinato in un recinto, morirà cercando di scappare soffocato proprio dal collare che doveva proteggerlo. Una morte simbolica, un invito alla difesa del mondo animale, quel "qualcosa che non siamo più", e al suo diritto di empatia con la natura.   Elena Baroncini  

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Giuseppe Festa

1972, Milano

Giuseppe Festa è laureato in Scienze Naturali e si occupa di educazione ambientale. Appassionato musicista, è cantante e autore del gruppo Lingalad. La sua musica, carica di suggestioni evocate dal mondo naturale, ha incontrato il consenso di critica e di pubblico, portandolo a esibirsi su importanti palchi internazionali, da Toronto a New York, da Bruxelles a Francoforte. Protagonista del premiato film documentario Oltre la Frontiera (un viaggio fra i cowboy e i Nativi nell'America di oggi), è autore di diversi reportage sulla natura trasmessi dalla Rai. Per Salani, oltre a Il passaggio dell’orso (2013, poi inserito nell'antologia scolastica di Mondadori scuola nel 2015), ha pubblicato L’ombra del gattopardo (2014). Altri suoi libri sono: Incubo...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi