La pazzia di Aldo Moro

Marco Clementi

Collana: Storia
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 20 febbraio 2008
Pagine: 361 p., Brossura
  • EAN: 9788817020701
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Dal 9 maggio 1978, il giorno nel quale in via Caetani, a Roma, venne ritrovato il corpo senza vita di Aldo Moro, sono passati trent'anni. Trent'anni di omissioni e reticenze, di ricostruzioni da fantapolitica e di declinazioni di responsabilità. Marco Clementi ha ricostruito quello che è stato il punto di non ritorno della vita politica e sociale dell'Italia contemporanea, il suo trauma irrisolto, e l'ha fatto scegliendo dì dare la parola ai documenti. Alle lettere di Moro, quindi, ma anche al suo memoriale, ai comunicati delle Br, ai giornali, alle memorie dei politici e dei brigatisti, agli esiti delle commissioni di inchiesta parlamentari e dei processi. Un frammento dopo l'altro, l'autore ricompone il quadro al contempo tragico e contrastato degli anni più bui del nostro paese.

€ 8,67

€ 10,20

Risparmi € 1,53 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    dal corso roberto

    20/11/2002 15:38:07

    Il libro rappresenta un notevole passo in avanti sulla strada della comprensione degli anni di piombo, della strategia delle Br e di una parte della storia nazionale del secondo dopoguerra. Con profonditá l´autore si sofferma sulla vicenda del sequestro e dell´uccisione di Aldo Moro ricostruendo attraverso l´analisi delle lettere del prigioniero, le reazioni del mondo politico italiano e i comunicati delle Br l´evoluzione della vicenda. Moro appare "pazzo" a quanti non vollero riconoscere la freddezza del politico che dietro quelle missive cercó invano di trovare la strada del compromesso tra lo stato e brigatisti. Cresce, pagina dopo pagina, una profonda inquietudine per il destino di Moro che si intreccia con una domanda che é etica e politica: puó uno stato sacrificare una vita umana, ponendo un´entitá astratta al di sopra del singolo? Se lo chiedeva Moro, ce lo chiediamo ancora oggi. Forse é giunto il momento di rivedere e ridiscutere la concezione stessa di stato e il rapporto tra questo e il cittadino.

Scrivi una recensione