Una peccatrice - Giovanni Verga - ebook

Una peccatrice

Giovanni Verga

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bibi Book
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 216,81 KB
  • EAN: 9788899895440
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 1,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Una peccatrice è considerato il primo dei “romanzi fiorentini” anche se Verga lo scrisse nel 1864, quando era ancora a Catania. Una sera di maggio, mentre Pietro Brusio, studente di Legge e aspirante commediografo, è a passeggio con l’amico Raimondo nel viale della Villa pubblica di Catania, la vede. Gli basta incontrarla di sfuggita per innamorarsi perdutamente di lei. È sposata Narcisa Valderi contessa di Prato, ed è sempre con l’adorante marito, ma questo non le impedisce di accettare che un codazzo di cicisbei la segua. Pur essendosi accorta dello sguardo di Pietro, lo ignora. Il tormento d’amore accende in lui l’ispirazione e mette a punto Gilberto, un’opera teatrale che gli procura successo. La piece si tiene a Napoli e proprio lì Pietro incontra Narcisa. Il loro amore si consuma passionale di fronte al mare, ma l’ardore di Pietro si spegne e Narcisa decide di morire.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giovanni Verga Cover

    DAGLI ESORDI «PATRIOTTICI» AI ROMANZI PASSIONALI E MONDANI. Nato da famiglia di nobili origini e di tradizioni liberali, crebbe alla scuola di Antonino Abate, esponente di una letteratura civile di ascendenza byroniana e guerrazziana. La sua prima prova romanzesca, "Amore e patria" (1856-57, inedito; tre capitoli ne furono pubblicati nel 1929), esce da quell’arroventata officina provinciale e affianca all’approssimazione linguistica l’enfasi patriottica. L’esordio pubblico avvenne nel 1861 con I carbonari della montagna, una storia collocata nella Calabria dei primi moti carbonari, ma che riflette motivazioni etiche e politiche dello scrittore ventenne, arruolatosi durante l’impresa garibaldina nella guardia nazionale e impegnato in attività... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali