Categorie

Marco Travaglio

Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 528 p., Brossura
  • EAN: 9788811694526
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stefano

    15/02/2009 09.52.15

    Straordinario Travaglio! Una delle pochissime voci libere in questo paese che, grazie anche ad un'informazione prona e asservita alla classe politica, ormai totalmente avulsa dal contesto del Paese reale, sta scivolando verso pericolose derive costituzionali. Per chi vuole aprire gli occhi c'è Marco, che con i fatti ci sbatte in faccia la realtà, spesso anche con sferzante ironia (strepitoso l'articolo "Le solite palle", dedicato a Ferrara). Concordo con Pamela quando afferma che è ormai il più grande giornalista italiano e il vero e degno erede dell'immenso Indro Montanelli.

  • User Icon

    Stefano Facci

    08/01/2009 15.36.21

    Travaglio ci traghetta da una sponda all'altra dell'Acheronte, con una vergata al giorno sulla schiena di noi che assistiamo interdetti all'inarrestabile scomparsa della nostra democrazia. L'ovvio tramonto della sinistra volontariamente impotente e il nuovo rigurgito sulla scena politica di purulenti omuncoli senza dignità, nè scrupoli, nè vergogna a rappresentarci. Il tutto raccontanto con la consueta tragica ironia. Un pittoresco quadretto dell'Italietta della seconda (evanescente) repubblica da tramandare ai posteri. Perchè non s'illudano esista limite al peggio.

  • User Icon

    Pamela

    20/12/2008 23.32.24

    Marco Travaglio si è trasformato da agguerrito cronista giudiziario a primo giornalista d'Italia.Questi editoriali al fulmicotone ne costituiscono l'ulteriore prova. Sono la bussola morale per guardare con distacco e disgusto al degrado, non solo economico, in cui i politici attuali hanno sprofondato l'Italia con intrighi di Palazzo e bavagli all'informazione nei mass-media. Travaglio è diventato l'interlocutore scomodo più detestato dalle mafie che infestano questo Paese. Adorato dai lettori,egli rappresenta il migliore erede di Indro Montanelli e della sua "VOCE" liberale.

Scrivi una recensione