Per una strada - Emanuele Marcuccio - copertina
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Per una strada
12,00 €
;
LIBRO
Venditore: Libreria Bortoloso
12,00 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi (Solo 2 copie)
+ 5,49 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Bortoloso
12,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
12,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Bortoloso
12,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
12,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Per una strada - Emanuele Marcuccio - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Nella poetica di Emanuele Marcuccio ci sono tre punti fermi: la spontaneità, la musicalità, la scorrevolezza del verso. Il suo ideale poetico si esprime nel cercare di essere semplice ed allo stesso tempo profondo. "Per una strada", la poesia che dà il titolo alla presente raccolta, dapprima l'ha scritta su uno scontrino della spesa, poiché, appunto, si trovava per strada.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2009
100 p., Brossura
9788863470314

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Francesco Nigri
Recensioni: 5/5

I versi di Emanuele Marcuccio sono riflessione e canto per l'anima. "Per una strada" in particolare aiuta a ripensarsi nell'esperienza umana in modo coinvolgente e liricamente emozionante. Ne consiglio vivamente la lettura meditata e gustata.

Leggi di più Leggi di meno
Tommaso Mazzoni
Recensioni: 5/5

«Per una strada» di Emanuele Marcuccio è un libro che induce a riflettere. L’ho letto. Ma dovrò rileggerlo: non si può abbracciare in una sola volta tutto il contenuto che accortamente, ma in modo erudito, vi si può tuttavia reperire. Il tutto, sotto la veste della semplicità, quale sicuramente era nelle intenzioni del suo Autore. Il gioco poetico proveniente, ritengo, da un subconscio che un poeta non può reprimere, ha reso a Marcuccio tuttavia giustizia. Ma mi spiego. In un primo approccio, infatti, si “avverte” solamente lo stormire dell’avanzare di un temporale, e non si percepisce appieno, ed immediatamente, la tempesta che, specie in talune liriche, si farà invece poi riconoscere; eccome... Dalla culla dell’italica poesia, d’altronde, dovevo supporre un qualcosa di così intenso. Talvolta, sotto la parvenza dell’essenzialità, scaturiscono tesori preziosi. Il gioco poetico cui prima alludevo - non vorrei essere frainteso - si riferisce ad un alcunché di erompente dall’inconscio, giammai da un calcolato puzzle di versi dal rinfuso rincorrersi di frasi staccate alla bene e meglio con accapo improbabili. Al contrario, nella poesia di Marcuccio ogni cosa sta al posto giusto, vorrei dire quasi naturalmente; od almeno con sapiente sebbene non studiata naturalità. Naturalità, in ogni evenienza, che nulla toglie - semmai aggiunge - al valore primigenio dettato da autentica ispirazione. Mi è gradito esprimere il mio particolare apprezzamento per lo straordinario contenuto del libro qui presentato, sicuramente destinato ad accrescersi di valutazione e, perché no, alla sua diffusione per spazio e nel tempo. Tommaso Mazzoni

Leggi di più Leggi di meno
Luciano Domenighini
Recensioni: 5/5

La metrica: (parte 2) E’ un poetare libero, polimorfo, ma senza urgenze o scrupoli di ordine metrico. In qualche modo è un poetare istintivo, d’ispirazione, di prima mano. Anche quando l’eloquio poetico si coagula in distici, terzine o persino tetrastici riconoscibili e strutturati in rime o assonanze o paromeosi, sovente il computo delle sillabe, cresce o difetta e la disposizione degli accenti è disritmica. Il tentativo di rima dantesca (“Amor”) è sostanzialmente fallito. Altre volte invece il verso è di eccellente struttura metrica (cfr. gli endecasillabi “dolce mi viene all’anima,/ cantando” oppure “dell’Universo, immenso meraviglia”). Ma ciò, quando avviene, avviene per caso, o meglio non avviene intenzionalmente quasi che il poeta seguisse unicamente una sua musicalità del momento. I contenuti: Accanto alle numerose composizioni, di impronta prevalentemente moralistica, dedicate a personaggi storici o letterari (notevoli i quattro “omaggi” a Garcia Lorca) i temi prediletti da Maruccio sono quello paesaggistico descrittivo, quello amoroso e la poesia civile. Riguardo a quest’ultima merita di essere menzionata “Urlo”, dedicata alla tragica fine del giudice Falcone. Con toni rutilanti, epici e tribunizi, il poeta si abbandona sdegnato a una denuncia-condanna senza appello, ricorrendo a un’enfasi tragica quasi omerica, eppure mantenendo, nel messaggio, una chiarezza lampante e inequivocabile. Conclusioni: Nella pressoché assoluta libertà di impiego di moduli stilistici e soluzioni lessicali, nel lasciarsi guidare dall’ispirazione e dallo spontaneo sgorgare della parola poetica; nel tendere l’orecchio insomma alla musicalità del verso come spontaneamente gli proviene dal cuore e dalla mente, e nel saperla tradurre in versi limpidi e carichi di emozione, sta la caratteristica principale di questo poeta, per conoscere il quale la raccolta “Per una strada”, opera prima, pur nella sua varietà stilistica e nella inevitabile impronta esperitiva, rappresenta una fonte preziosa ed esauriente. L.Domenighini

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore