Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 217 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La persuasione e la retorica
11,05 € 13,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+110 punti Effe
-15% 13,00 € 11,05 €
Disp. immediata Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,05 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
ibs
7,02 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
Multiservices
13,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Fernandez
13,00 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCASIONI SICURE
12,35 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
12,35 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
13,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
13,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
13,00 € + 6,30 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
13,00 € + 8,50 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
SUKKAZONE
13,00 € + 10,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
ilsalvalibro
8,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,05 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Multiservices
13,00 € + 2,50 € Spedizione
disponibile in 8 gg lavorativi disponibile in 8 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Fernandez
13,00 € + 3,90 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCASIONI SICURE
12,35 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
12,35 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
13,00 € + 5,90 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Nani
13,00 € + 5,95 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
13,00 € + 6,30 € Spedizione
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
13,00 € + 8,50 € Spedizione
disponibile in 3 gg lavorativi disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
SUKKAZONE
13,00 € + 10,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,02 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato
ilsalvalibro
8,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
La persuasione e la retorica - Carlo Michelstaedter - copertina

Descrizione


Carlo Michelstaedter traversò la vita con incauta rapidità: prese a pretesto una tesi di laurea per dare voce a una sua desolata certezza: stabilì, all’interno del suo ragionare, un filo tra Parmenide e una corrosiva critica della società che lo circondava: infine, nell’ottobre 1910, a ventitré anni, si uccise con un colpo di rivoltella. Percorso che ricorda quello di Otto Weininger, per l’intensità rovente dell’esperienza, per la tematica, per gli anni in cui si svolge. La persuasione e la rettorica doveva essere la tesi di laurea di un brillante studente goriziano a Firenze su questi due concetti in Platone e Aristotele. Divenne un testo anche formalmente inclassificabile, dove le due parole del titolo assumono significati del tutto peculiari. «Persuasione» è il tentativo, sempre vanificato dalla manchevolezza irriducibile della vita, di giungere al possesso di se stessi: «Persuaso è chi ha in sé la sua vita». «Rettorica» è l’apparato di parole, di gesti, di istituzioni, con cui viene occultata l’impossibilità di giungere alla «persuasione». Isolato nell’Italia del suo tempo, fedele all’ombra di Schopenhauer, Michelstaedter raggiunse in questo suo scritto la concentrazione vibrante che è data ai grandi precoci: «Ogni suo attimo è un secolo della vita degli altri, – finché egli faccia di sé stesso fiamma e giunga a consistere nell’ultimo presente».

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

11
1982
22 febbraio 1982
214 p., Brossura
9788845904929

Valutazioni e recensioni

4,33/5
Recensioni: 4/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Avvertimento
Recensioni: 5/5

La potenza e la particolarità di questa densissima tesi di laurea è già stata espressa nelle recensioni precedenti. Vale forse la pena rimarcare un carattere essenziale di questo libro del quale il lettore deve essere a conoscenza. È un libro, questo, che non vuole essere giudicato, tantomeno alla luce del suicidio del suo autore ventitreenne. È un libro che come pochi altri inizia e finisce mantenendo tra l'inizio e la fine la stessa intensità della prefazione e delle prime pagine. Non cede il passo al superfluo, è sempre nell'essenziale, non si lascia respirare. È un libro che ha una sua abissale profondità, e se non si è pronti ad affrontare un simile tuffo in acque scure e torbide e lasciarsi prendere dallo spavento di ciò che dall'abisso emerge è meglio rimandare la lettura. Michelstaedter è sceso "a guisa di palombaro" (Eschilo, Supplici) nell'ignoto, conscio della difficoltà, una volta riemerso, di dire ciò che ha visto - novello mito della caverna platonico. Eppure, per dire ciò che ha visto, Michelstaedter usa un linguaggio perfetto, attualissimo, equilibrato. La cifra stilistica di questa tesi è magistrale. Ciò detto, il libro ha tanto da dire, ma lettore deve essere preparato alla dinamite.

Leggi di più Leggi di meno
Luca Aquadro
Recensioni: 5/5

Scegliere come esergo della propria tesi di laurea le parole che Sofocle fa rivolgere da Elettra alla madre Clitennestra "so che / faccio cose inopportune e a me non convenienti"; riconoscere nella Prefazione che "quanto io dico è stato detto tante volte e con tale forza che pare impossibile che il mondo abbia ancor continuato ogni volta dopo che erano suonate"; concluderla con la consapevolezza che all'umanità non verrà mai "il capriccio di uscir della tranquilla e serena minore età"; porre fine alla propria esistenza il giorno dopo la conclusione della stesura della tesi con un colpo di rivoltella a 23 anni. Leggere "La persuasione e la rettorica" non è facile. Non tanto per le difficoltà tecniche del testo in sé, pur così denso, nelle proprie 150 paginette, di citazioni greche, latine, tedesche, di allusioni profonde ai presocratici, a Socrate, Platone e Aristotele, alla filosofia moderna, e di riferimenti alla matematica per il concetto di limite; quanto piuttosto per la continua impressione di trovarsi di fronte a un uomo che, a inizio Novecento, ha incarnato perfettamente il senso greco del "tragico" e ne è stato, a seconda di come si preferirà credere, testimone fedele sino in fondo o vittima. La dicotomia presente sin dal titolo tra "persuasione" e "retorica" è la dicotomia di ogni epoca tra i pochi che "vivono" cercando il senso tragico dell'esistenza e affacciandosi sul baratro della verità e i molti che per ignoranza, per paura o per spirito più o meno egoistico "sopravvivono" accettando sempre più passivamente le regole della società nella quale sono immersi (coloro che in "Ossi di seppia" Montale definirà "gli uomini che non si voltano"). Carlo Michelstaedter è, non meno di Nietzsche, "inattuale", dunque, a distanza di un secolo, attuale e necessario, e la sua lettura una medicina lucrezianamente amara ma salutare. Magistrali le considerazioni sull'insegnamento come violenza se esercitato solo "secondo il programma imposto" (p. 188).

Leggi di più Leggi di meno
Anna Lenisa
Recensioni: 3/5

Per la seconda volta, il nostro gruppo ha affrontato la lettura de “La persuasione e la retorica” di Carlo Michelstedter, testo su cui ci eravamo smarriti alcuni anni fa. Confortati dalla conoscenza del bellissimo romanzo di Claudio Magris ‘’Un altro mare’’ (che rievoca le vicende svoltesi attorno a Michelstedter) e dalla attenta analisi psicologica di questo sfortunato giovane autore condotta da Perrella nel suo ‘’La clinica delle dipendenze”, speravamo di essere meglio attrezzati per la comprensione di questa brillante tesi di laurea. Come è noto, la tesi non fu mai discussa perché Carlo si suicidò il giorno prima della data fissata. Il saggio fu pubblicato postumo e giudicato uno dei migliori scritti di filosofia prodotti nei primi anni del novecento. Mentre alla prima lettura ci eravamo convinti che il suicidio del giovane autore fosse da considerare la conseguenza logica del suo pessimismo filosofico, adesso ci chiediamo invece se il suo nichilismo non derivi invece da un pensiero malato, che funziona per assoluti: o la persuasione o la retorica, come se la vita vera invece, non consistesse in una dialettica continua tra parti opposte, che possono coesistere alternandosi o sovrapponendosi, in una perenne oscillazione che però è sinonimo di umanità. E forse è proprio da questa assenza di umanità che trapela l’angoscia che permea tutto il libro e che ha spaventato alcuni di noi: è come se l’autore giudicasse il mondo dall’alto della sua posizione intellettualmente elitaria in cui l’altro, gli altri, sono completamente assenti. Il protagonista de ‘’L’altro mare’’, Enrico, l’amico di Carlo che ha cercato di metterne in pratica l’ideologia, trascorre tutta la sua esistenza in una solitudine tinteggiata di paranoia, nel disprezzo degli altri, ripiegato su sé stesso, come se alla fine pretendere di penetrare l’attimo presente in assoluta ‘’persuasione’’ impedisse poi di vivere, semplicemente. Il povero Carlo non ha avuto il tempo di articolare meglio il suo pensiero, esposto nel suo saggio con una serie di afo

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,33/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

(Gorizia 1887-1910) scrittore italiano. Nipote di G.I. Ascoli, studiò prima a Vienna poi a Firenze. Ultimata una tesi di laurea su Platone e Aristotele, si tolse la vita. Un contrasto interiore, un dualismo esasperato tra vita e morte - dove proprio quest’ultima assume un valore positivo, rappresentando la possibilità di una scelta, per l’uomo, di autoaffermazione, di autonomia, di vittoria su illusioni e impulsi - costituiscono il nucleo della sua opera maggiore: La persuasione e la rettorica (postuma, 1912). A questo scritto di carattere filosofico si ricollegano, in buona parte, anche le Poesie (postume, 1948), lontane dai modi crepuscolari, ma anche, per l’espressività, dai poeti-moralisti vociani a cui, nei temi, pur si richiamano. Sono presenti, nei testi di M., alcune delle problematiche...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore