La pietra del vecchio pescatore

Pat O'Shea

Traduttore: P. F. Paolini
Editore: TEA
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 20 aprile 2017
Pagine: 488 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788850244164
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gabriele

    18/09/2018 09:10:57

    Libro così e così. Mi aspettavo di più, ma resta valido nel suo genere.

  • User Icon

    dea

    17/06/2017 11:09:10

    Stupendo. Un avventura per tutti. Una favola degna di nome.

Scrivi una recensione
Levandosi in alto, su su, salirono in cielo e volarono. Da ovest e oltre l'ovest, controvento e col vento, sorpassarono innumerevoli soli e lune. Una rise e, brevemente, portò fra i capelli un diadema di gocce di pioggia iridate. Poi diede malignamente un calcetto a una nuvola e provocò una pioggia, che riempì d'acqua una barca. A volte, si tuffavano entro la scia della luna sulla cui superficie del mare e, aperte le bocche, ne inghiottivano l'argento. A volte, planavano sul luccicante strascico del sole nell'oceano verde-blu e, spalancate le bocche, ne trincavano l'oro. Invisibili sempre; tranne una volta, allorché calarono in picchiata su uno squalo che si crogiolava a fior d'acqua e, facendogli boccacce, lo istupidirono dallo spavento. Poi gli mostrarono la loro vera faccia e allora quello si inabissò e, nel fondo del suo mondo, stette ore a tremare a verga a verga. Silenziose sempre; tranne quando picchiavano con l'unghia su denti, ed erano lampi; o quando ridevano di gioia, e causavano tuoni. Erano state zitte tanto a lungo! Silenti, mentre le generazioni si susseguivano come piccole vampe di vita. Risero, adesso, quando sorvolarono Connemara, la provincia irlandese sull'Atlantico selvaggio, le cui avide onde danno azzurri morsi alle sue verdi coste.; e quella risata bastò a distruggere un campo di spighe dorate, rendendole grigio-cenere. Raggiunsero la città di Galway, e per burla, infransero il muro del suono tre volte, provocando tre boati, sicché tutta la gente corse in strada e, naso in aria, cercava un aeroplano che non c'era. Poi, virando sulla sinistra, volteggiarono nei pressi del lago Corrib, finché raggiunsero un certo segnale stradale, ordinario e disadorno, e, soffiandoci su, lo fecero vorticare a lungo su se stesso, quindi andarono a posarsi dietro una collinetta. Qui sostarono e presero forma, comparendo alla vista: due strane donne in arcioni a una possente motocicletta. Tutto il tempo, le seguivano i loro segni. Conversando, si chiamavano per nome e l'una era Macha, l'altra Bodbh: erano in avanscoperta, e aspettavano l'avvento di una terza donna - la Morrigan - che è la Grande Regina. Dopo un po' si diressero verso un luogo chiamato Kyledove e, strada facendo, cambiarono nome e carattere... Tutto questo, perché un ragazzo si accingeva a comprare un certo libro in una libreria di libri usati, nella piccola grigia città di Galway.