La pista Caravaggio

Iain Pears

Traduttore: D. Cerutti Pini
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 2 luglio 2009
Pagine: 263 p., Rilegato
  • EAN: 9788830418561
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione

C'è un monastero, a Roma, una piccola gemma nascosta in mezzo a un ammasso di vecchi edifici: passa inosservato, finché non te lo trovi davanti, quando meno te lo aspetti, appena girato l'angolo. Capita spesso, nella capitale. Neppure chi vi abita da tempo e sostiene di conoscerla palmo a palmo può sfuggire a sorprese di questo tipo. Quando al Nucleo investigativo per la tutela del patrimonio artistico arriva una soffiata sull'imminente furto di un presunto Caravaggio nella chiesa del monastero, Flavia Di Stefano non sa da che parte cominciare a indagare. Non conosce l'edificio, e nemmeno il dipinto in questione. Del resto c'è ben poco da vedere, la tela versa in pessime condizioni ed è in fase di restauro. Se poi a scomparire è invece una piccola icona della Vergine, collocata nella minuscola cappella a metà della navata, il mistero si infittisce: nessun indizio tra le mani, nessuna pista da seguire, solo una vecchia conoscenza riapparsa all'improvviso e coinvolta in un caso mai risolto. E mentre il generale Taddeo Bottardi, un tempo a capo della squadra, è alle prese con una spinosa decisione sul suo futuro, i nervi di Flavia sono messi a dura prova dall'enigma in piena regola che le è caduto addosso: a lei non resta che affidarsi al fedele Jonathan Argyll, ex mercante d'arte nonché suo compagno di vita, per riuscire a svelare un segreto che dura da secoli...

€ 14,11

€ 16,60

Risparmi € 2,49 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

€ 8,96

€ 16,60

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    roywilloby

    17/09/2009 22:10:29

    Una gradevolissima lettura,una trama semplice ma ben orchestrata,un viaggio nel mondo dell'arte contornato dalla presenza di personaggi divenuti ormai famigliari, che ancora oggi a distanza di tante avventure sanno impreziosire la storia con la loro professionalità ed ironia.

  • User Icon

    l'indiscreto

    28/08/2009 09:10:28

    insomma il filone del gialletto scritto . sembra adatto per un film, come libro lascia poco a chi lo legge. se non trovate altro comperatelo

Scrivi una recensione

La città di Roma è piena di capolavori artistici, universalmente noti o poco conosciuti, ma comunque inestimabili. Una vera miniera per abilissimi ladri e mercanti senza scrupoli. Ne sanno qualcosa Flavia Di Stefano e Jonathan Argyll, protagonisti dei romanzi della serie poliziesca creata dall'inglese Iain Pears e ambientata nel mondo dell'arte, di cui fanno parte i bestseller Il caso Raffaello, Il comitato Tiziano e Il tocco di Giotto.
In questa nuova avventura, come sempre ambientata nella città eterna, la giovane agente del Nucleo per la tutela del patrimonio artistico e il suo fidanzato, storico dell'arte e investigatore per passione, hanno a che fare con la sparizione di un'icona della Madonna conservato nel monastero di San Giovanni, sull'Aventino. La Vergine, ritratta con il Bambino tra le braccia, è da secoli oggetto di devozione popolare ma non costituisce un oggetto di particolare valore artistico. Almeno fino a quando Jonathan e Flavia, incaricata di indagare sul caso, non scoprono che potrebbe trattarsi di un'opera antichissima, forse la prima del suo genere, l'Hodigitria, più venerata in tutto l'Oriente, sfuggita all'avanzata dei Turchi grazie all'intervento dell'imperatore stesso. Chi potrebbe averla trafugata, ferendo brutalmente il priore del convento? Forse la sua sparizione non nasconde un movente economico: potrebbe avere a che fare con i segreti celati dai monaci di San Giovanni, oppure con l'arrivo a Roma di una nobildonna inglese, Mary Verney, che dietro un aspetto dolce e mite nasconde un passato per nulla limpido e un presente pericoloso. Tra un'indagine e l'altra Flavia Di Stefano dovrà risolvere anche un'incognita che incombe sul suo futuro e fare una scelta che potrebbe cambiare radicalmente la sua vita: privilegiare carriera o passione?
L'intricata matassa si dipana tra colpi di scena, doppi giochi e rivelazioni sorprendenti, riservando la suspense fino all'ultima pagina. A questa si affiancano lo stile raffinato, i personaggi ben caratterizzati, la trama ben costruita e la grande cura per i dettagli storici e artistici, che danno vita a una storia coinvolgente e piacevole non solo per gli amanti del genere.