-50%
Il poeta è tornato - Michael Connelly - copertina

Il poeta è tornato

Michael Connelly

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: A. Rusconi
Editore: Piemme
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 19 settembre 2006
Pagine: 393 p., Rilegato
  • EAN: 9788838473739
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 9,95

€ 19,90
(-50%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA

Il poeta è tornato

Michael Connelly

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il poeta è tornato

Michael Connelly

€ 19,90

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il poeta è tornato

Michael Connelly

€ 19,90

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Rachel Walling, l'agente dell'FBI che si era occupata del caso del Poeta, non aveva mai smesso di sognarselo. Ma il giorno in cui dall'FBI la chiamano perché il killer ha ripreso a colpire, capisce che quell'incubo è tornato realtà. Anche Harry Bosch è alle prese con un'indagine: quella sulla morte del suo amico Terry McCaleb, il cui cuore trapiantato ha ceduto per sempre. La moglie di McCaleb non è convinta che si tratti di un decesso naturale, dall'autopsia risulta che i medicinali indispensabili alla sopravvivenza del marito sono stati alterati e resi del tutto inefficaci. Perquisendo la barca dell'amico, Bosch trova le prove che anche dietro quest'omicidio si nasconde l'ombra del Poeta. E quando Rachel e Bosch si incontrano nel deserto del Nevada, dove il killer ha sepolto le sue vittime, capiscono che solo unendo le forze riusciranno a incastrarlo. In un crescendo di suspense, la scia di morte lasciata dal criminale più spietato e ingegnoso della storia di Los Angeles li porta dalle sabbie del Nevada, alle luci scintillanti di Las Vegas, fino agli angoli bui di Los Angeles, dove Harry Bosch giocherà la partita più drammatica e pericolosa della sua vita.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,68
di 5
Totale 31
5
8
4
13
3
4
2
4
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giacomo k

    31/01/2011 16:45:57

    Voto 4, buon libro esattamente quello che ti aspetti da connelly.

  • User Icon

    karim

    08/09/2009 09:07:25

    Bel libro, MIchael Connelly è riuscito a stupirmi. Purtroppo questo è solo il secondo libro (dopo il Poeta) che leggo dell'autore...quindi non ho riconosciuto i personaggi di Harry Bosch e McCaleb come "vecchi amici", come invece è successo solo con Rachel. Penso che questo avrebbe fatto salire un pò più punti al romanzo dato che si sa, ci si affeziona ai personaggi, sentendosi più "rapiti" da ciò che si sta leggendo, e probabilmente Connelly puntava su questo. In ogni caso il libro mi è piaciuto molto, ma in realtà molto meno del primo. Soprattutto le scene di tensione, mi sembravano troppo da "film serie b".

  • User Icon

    Christopher

    06/09/2009 20:06:58

    Ciao a tutti, diciamo che ho letto in tutto quattro libri di Connelly ew ora sto incominciando a leggere Musica Dura. Questo romanzo non era il meglio di Connelly, devo premettere che è stato il primo che ho letto, e soprattutto che non ho letto " Il Poeta." In ogni caso, credo che con il personaggio di rachel Walling, Connelly abbia fatto centro, preferisco addirittura lei a Bosch, davvero è entrata in me più di tutti gli altri, e poi un nemico come Backus....... voto effettivo 3.5, ma quando si tratta di Connelly va sempre arotondato tutto per eccesso.

  • User Icon

    LadyAileen

    25/08/2009 06:47:52

    Chi non conosce Harry Bosh, il protagonista della serie che ha reso famoso in tutto il mondo lo scrittore Michael Connelly. Questo é il terzo che leggo e sono contenta perché l'ho trovato ricco di suspance, tensione e colpi di scena. Ha saputo creare dei personaggi credibili e ai quali non puoi non affezionarti. Si legge tutto d'un fiato e credetemi é raro trovare una serie che libro dopo libro riesce a tenere desta l'attenzione del lettore. Naturalmente ci sono elementi che richiamano una struttura ormai ben collaudata ma che nonostante tutto non stanca mai. L'autore sposta spesso punto di vista infatti il lettore ha la possibilità di seguire i movimenti di Rachel (scritta in terza persona), Bosh (scritta in prima persona) e Il poeta (scritta in terza persona). La trama é ben intricata e lo stile narrativo é scorrevole e semplice per cui una volta cominciato non riuscirete più a staccarvi. L'ambientazione é contemporanea e non manca il risvolto romantico ma é decisamente molto marginale. Un thriller davvero ben scritto e che consiglio vivamente di leggere perché ne vale la pena.

  • User Icon

    ALEX

    30/10/2007 02:01:26

    MAH!!...sinceramente dopo il Poeta mi aspettavo qualcosina di più....Dopo un inizio avvincente tutto si affloscia, si banalizza, gli intrecci si rivelano per lo più mero ripieno...il finale così così...

  • User Icon

    Mazza

    21/05/2007 21:05:56

    Leggere libri di questo autore, vuol dire sempre leggere thriller di "serie A",ormai Connelly ci ha abituato a ritmi incalzanti e colpi di scena raggelanti che firmano continuamente capolavori nel suo genere. Anche in questo sequel Connelly ci regala un libro di altissimo livello, con una storia degna del suo predecessore e colpi di scena nel finale che lasciano spazio a mille idee da cui trarre ulteriori romanzi. Sarò fazioso perchè lui è sicuramente il mio scrittore preferito, d'accordo non è il miglior libro che ha scritto, ma se avete letto gli altri comunque non potete perderlo, se invece non avete mai letto nulla di Connelly non vedo cosa state aspettando...CONSIGLIATISSIMO!!!!

  • User Icon

    Tony

    03/05/2007 22:52:25

    Come al solito Michael Connelly riesce ad incantare e a far venir voglia di leggere i suoi splendidi libri..Sicuramente non è all'altezza del "il poeta",che ci ha catturato capitolo dopo capitolo,ma senza dubbio è un buon romanzo che entusiasma e che conferma che Michael Connelly è il re dei Gialli.Forse pecca nei primi 4-5 capitoli di troppa "noiosità" ma quando il mitico harry bosch torna in azione il romanzo decolla.Affascinante il finale.

  • User Icon

    Giacomo

    23/03/2007 14:53:17

    Ho letto prima "Il Poeta" poi... "Il Poeta è tornato" come ogni "sequel" non mi è piaciuto quanto il primo... comunque il finale a sorpesa mi ha spiazzato!

  • User Icon

    Costantino

    14/03/2007 23:38:55

    è un fatto positivo che sia ritornato bosh ma nn è un thiller in piena regola l'assassino si sa' dall'inizio cmq il colpo di scena finale rimedia un po'!

  • User Icon

    Luigi Azz

    13/03/2007 08:41:43

    L'autore ci ha ormai abituato a fantastici romanzi dove la tensione ve sempre crescendo. Un libro avvincente e verosimile. Un altro tassello nella tormentata vita di Harry Bosch.

  • User Icon

    Writer_980

    09/02/2007 22:24:42

    "Il poeta" è stato un romanzo geniale, questo seguito una delusione. Le premesse erano ottime ma forse il voler far coesistere praticamente tutti i personaggi di tutti i libri precedenti si è rivelato un limite. Dopo un buon inizio la storia si affloscia nella banalità ed il finale, avvincente come descrizione, è però scontato nei contenuti. Peccato il Connelly degli ultimi anni sta perdendo colpi.

  • User Icon

    Cristian

    21/01/2007 01:12:53

    Sarà che è il primo libro che leggo di questo autore ma mi è piaciuto.

  • User Icon

    Romano De Marco

    14/12/2006 12:36:07

    Questo libro va valutato per quello che è: un thriller inserito in una saga che va avanti da oltre dieci "capitoli" e che è riuscita ad appassionare milioni di lettori in tutto il mondo. Non ci si può aspettare di trovarsi di fronte a qualcosa di troppo diverso, troppo alternativo.. I canoni della serialità e del genere devono essere GIUSTAMENTE rispettati e il lettore deve avere ciò per cui ha acquistato il volume. Suspance, tensione, rimandi a capitoli precedenti, qualche colpo di scena ben piazzato, il lento dipanarsi della cronologia nelle vite dei personaggi. Connelly è riuscito la dove Patricia Cornwell ha rovinosamente franato: creare un universo di personaggi solido, credibile, che esercita una salda presa sul lettore rendendolo partecipe ed affezionato. Ovvio che le emozioni vadano un po' scemando nel tempo. Connelly ce la mette tutta e quì, rispetto all'interlocutorio e più scialbo LAME DI LUCE (che pure aveva rivelato un particolare nuovo nella vita di Bosch) introduce parecchi "richiami" appetitosi. Dal colpo basso della morte di Terry McCaleb (un po' anche per vendetta nei confronti di Eastwood che aveva snaturato il personaggio nel suo film DEBITO DI SANGUE) al ritorno del supercattivo IL POETA e della agente FBI Rachel Welling, fino ad una nuova svolta annunciata nella vita di Bosch. Parecchia carne al fuoco, parecchi motivi di interesse degni di nota. Un po' meno interessante la trama in se'. Qualche grossolano espediente narrativo di troppo per poter risolvere il tutto in quattro e quattr'otto.. Ma diversamente il libro sarebbe stato troppo lungo, cosa non prevista nelle rigide leggi dei prodotti seriali. Comunque appaludo alla maestria di Connelly nell'inserire personaggi, particolari e situazioni (all'apparenza insignificanti) nella sua saga (anche nei romanzi "one shot") per poi ritirarli fuori inaspettatamente in nuove storie e farli diventare il perno della narrazione. Un autore degno del massimo rispetto, bravissimo nel tenere sempre un livello medio alto nei suoi romanzi.

  • User Icon

    Dino

    27/11/2006 22:41:23

    La trama è un po' scontata però il finale lascia senza fiato. Connelly è sempre un maestro anche se in questo libro non dimostra tutta la sua abilità, comunque da leggere.

  • User Icon

    Andrea72

    15/11/2006 23:09:51

    Chi si è dato la possibilità di leggere IL POETA stava aspettando da anni il romanzo con cui Connelly avrebbe chiuso il cerchio su quello che è, probabilmente, il suo killer più famoso ed efferato.Quello è stato forse l’unico vero thriller che l’autore abbia mai scritto, un libro dal finale contraddittorio ma permeato da un’atmosfera nerissima in ogni capitolo e da una tensione crescente che non molla mai la presa. Su questo sequel io nutrivo molte speranze, non tanto per una curiosità legata alla trama ( quando uno scrittore gioca a carte scoperte è facile immaginare cosa succederà ) piuttosto perché desideravo recuperare un po’ di quel mondo cupo e adrenalinico che avevo salutato con quel primo romanzo. Alcuni tratti caratteristici di Connelly sono rimasti invariati, il libro scorre bene e si legge velocemente, la trama imbastita ha contorni ampi e viene ricamata con la solita precisione, ma alla fine si prova una sensazione di disagio e di occasione mancata, ci si rende conto che è una storia senza mordente, che non graffia come IL POETA, non c’è adrenalina, tensione o atmosfere nere. E’ tutto ragionato e calcolato con precisione, ma appare come un quadro senza anima, la prima persona narrante non riesce ad esaltare la figura di Bosch, si lascia solo un po’ andare in alcuni momenti legati a fatti avvenuti nel romanzo precedente, LAME DI LUCE, ma l’uomo combattuto e cinico di cui si avvertivano a livello empatico le emozioni nelle prime puntate della saga ha lasciato il posto ad un ragioniere al servizio dei propri valori e ad uso e consumo della trama stessa.La lettura del romanzo è consigliata a coloro che seguono e amano la saga di Bosch, chi non conosce l'autore è meglio che cominci dal primo, LA MEMORIA DEL TOPO. Non c’è niente che stoni, ma è tutto troppo omogeneo, una lettura più che discreta ma che appare un compitino creato con uno sforzo minimo indispensabile e con il massimo mestiere. Lettura che fila via liscia come l’olio ma che concede pochissime emozioni.

  • User Icon

    Pasquale Esposito

    02/11/2006 20:52:45

    Ho letto in circa un mese tutti i libri di Connely e questo purtroppo mi sembra il piu brutto.Mi auguro sia solo un passo falso ma non mi ha coivolto per nulla.Se diventasse un film sarebbe un film d'azione di serie C.

  • User Icon

    nighthawk

    31/10/2006 20:23:08

    Il primo Connelly letto è stato Debito di sangue.... Meraviglioso. Poi li ho letti tutti. Il poeta è tornato mi ha deluso un pò perchè sta diventando stucchevole il riandare a storie già lette; capisco che questo è un sequel ma negli ultimi romanzi pubblicati in Italia i rimandi sono sempre più numerosi. Mi accingo a rileggerli tutti secondo l'ordine di pubblicazione originale, ma so che il giudizio non cambierà. Qui manca il pathos, è un susseguirsi di avvenimenti che già si sa come si evolverranno; vedi quando Bosch viene "fermato" nel deserto dall'FBI. Quante volte abbiamo visto Bosch alle prese con il Bureau, sembrano scene standard (stesse risposte, stesse furbizie, ecc.). Penso che a questo punto Connelly per sconvolgermi debba tirare fuori dal cappello una storia senza Bosch con un ritmo incalzante e con una trama ben congegnata e soprattutto con un finale inaspettato. Speriamo bene.

  • User Icon

    johnny

    31/10/2006 16:50:45

    La "mano" è sempre buona, ma in questo romanzo Connelly pare avere perso lo smalto rispetto ai suoi lavori precedenti. La trama è piuttosto esile e, in fin dei conti, pur scorrendo via liscio, secondo il consueto meccanismo ben oliato, questo libro non è un thriller. Di azione non ce n'è proprio, eccezion fatta per poche pagine alla fine. Spero che questo sia solo un passo falso e non segni, invece, il declino di uno dei maestri del thriller contemporaneo. Il voto? Un sei più risicato, ma solo per onorare la firma.

  • User Icon

    paolo64

    26/10/2006 14:57:51

    E' come essere invitati ad una festa dove trovi vecchi amici che credevi di non incontrare mai più (ormai mi ero rassegnato a non avere più notizie su Harry Bosch) e nel bel mezzo della festa scopri che uno dei tuoi migliori amici (Mc Caleb) è morto.Scoprire come diventa un fatto personale. Complimenti Connely, sei riuscito di nuovo a stregarmi.

  • User Icon

    Renzo

    26/10/2006 12:01:05

    Con la mia voracità nel leggere i libri di Connelly dovrebbero uscirne due alla settimana per saziarmi. Bravo Connelly, se Harry Bosh esistesse davvero andrei negli Usa per conoscerlo ....

Vedi tutte le 31 recensioni cliente

In questo nuovo thriller (sequel del Poeta, il libro che per molti lettori ha rappresentato la scoperta di uno scrittore straordinario come Michael Connelly) si segnala il ritorno inatteso dell'investigatore privato Harry Bosch, una vera sorpresa per i lettori di Connelly che aveva dichiarato chiuso il ciclo di Bosch, mentre qui lo ritrovano alle prese con una partita drammatica, forse la più pericolosa della sua vita di detective.
La storia vede l'agente dell'FBI Rachel Walling (che già si era occupata del caso del Poeta) indagare sulla morte di un poliziotto con cui in passato aveva collaborato e scoprire che in realtà l'uomo è stato assassinato. Probabilmente il colpevole è quel killer detto appunto il Poeta, con cui aveva già avuto a che fare anni prima. Quell'incubo torna a materializzarsi nella sua vita, a colpirla come un pugno allo stomaco e a farle tornare alla mente brutte immagini e pessimi ricordi.
In parallelo, Harry Bosch sta indagando sulla morte del suo amico Terry McCaleb, deceduto in circostanze misteriose e tutte da decifrare, ma anch'egli, si scoprirà, per mano dello stesso killer. Così, nel deserto del Nevada, i due detective finiscono per incontrarsi e decidono di unire le loro forze.
Le indagini si spostano a Los Angeles, tra i moli di Long Beach dove è stato ritrovato il cadavere di McCaleb e poi in un crescendo di suspense lungo le strade della California, dove seguiamo Bosch che si lascia guidare dal suo fiuto di detective sulle tracce lasciate dal Poeta. Riemergono allora le vecchie indagini olandesi, i fascicoli sul killer che aveva già colpito ad Amsterdam quattro anni prima e, tra fogli di appunti e dossier che vengono ritrovati, si esce infine dalle acque torbide di una vicenda di omicidi e prostituzione lungo i canali, per ritrovarsi alla luce di una verità sconcertante e più drammatica che mai.

  • Michael Connelly Cover

    Scrittore statunitense di thriller. Laureatosi in ingegneria nel 1980 comincia a lavorare presso la redazione di alcuni giornali. Nel 1986 produce un reportage insieme ad altri due giornalisti intervistando i sopravissuti di un disastro aereo. Il loro lavoro viene candidato per il Premio Pulitzer. In seguito a questa esperienza Connelly trova impiego come giornalista criminologo al «Los Angeles Times». Aveva deciso di diventare scrittore di thriller già ai tempi dell'università dopo avere scoperto i romanzi di Raymond Chandler e ha sfruttato gli anni passati da giornalista per studiare da vicino il lavoro della polizia e lo svilupparsi delle indagini che seguivano i delitti di cui si occupava. Vincitore del Premio Bancarella nel 2000 con Il ragno, la maggior... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali