Categorie

Ermete Trismegisto

Curatore: P. Scarpi
Editore: Marsilio
Edizione: 4
Anno edizione: 1997
Pagine: 112 p.
  • EAN: 9788831767637

(scheda pubblicata per l'edizione del 1987)
scheda di Filoramo, G., L'Indice 1987, n. 8

In un'agile e precisa traduzione, corredata da un essenziale apparato di note e con testo greco a fronte, esce, nella bella collana "Il convivio", il "Poimandres" o "pastore d'uomini", il primo, forse il più importante, certo il più noto dei trattati del "Corpus hermeticum". Testo altamente suggestivo, databile tra II e III sec. d.C., esso costituisce un importante documento del cosiddetto ermetismo filosofico. Poimandres altri non è che l'intelletto supremo, la divinità stessa che, nel corso di una visione estatica, si rivela ad Ermete. Sotto la sua guida, Ermete, modello dello gnostico, apprende che il suo intelletto è parte e frammento dell'Intelletto divino. Il nucleo del trattato è dedicato all'esposizione del mito ermetico nei suoi aspetti cosmogonici, antropogonici ed escatologici. Quello di Poimandres è un messaggio di salvezza tipico dell'epoca: il mondo in cui viviamo è un mondo irrazionale e malvagio, che imprigiona nel corpo materiale la parte divina dell'uomo. La vicenda di Ermete costituisce l'esempio che ogni uomo deve seguire, se vuole sfuggire al mondo di tenebre. Nella narrazione di questa tipica vicenda gnostica consiste il fascino "romantico" di questo trattato che, tradotto da Marsilio Ficino, è di fondamentale importanza anche per lo studio della cultura rinascimentale.