Categorie

Marco Revelli

Editore: Einaudi
Collana: Vele
Anno edizione: 2003
Pagine: 137 p. , Brossura
  • EAN: 9788806167042

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio Marchioni

    13/10/2008 13.34.31

    una lettura non facile, certo, ma estremamente interessante, anche per chi come me non ha particolare dismestichezza con i saggi politologici. Belle le citazioni che non mancano certo di chiarezza, anche se la profondità della trattazione non risulta certo immediata. L'idea di ridutrre la volontà di potenza della politica è la strada lungo cui, faticosamente, dovrebbe incamminarsi l' ormai inesistente sinistra politica.

  • User Icon

    Daniele Stella

    22/03/2004 16.54.23

    L'ho letto tutto d'un fiato. L'esposizione è un po' appesantita dalla volontà di concentrare troppi "ismi" in poco spazio, ma il filo logico è lineare, il pensiero spesso originale. L'originalità è nella lucidità della critica alla politica moderna. I riferimenti all'oggi appropriati e illuminanti. Per l'uomo colto che riflette, questo libro può essere importante e può costituire una luce aggiuntiva sui meccanismi che incidono nella vita di tutti i giorni. Per l'uomo ignorante (come me) che riflette, questo libro spinge all'approfondimento. Grazie, Revelli.

  • User Icon

    stefano

    07/11/2003 12.57.19

    Revelli è una garanzia di originalità. Nel pensiero e nell'esposizione. Molto più utile e riuscita la proposta del primo piuttosto che la seconda. Una forma assai faticosa e involuta, infatti, ospita riflessioni e intuizioni di notevole portata intellettuale. Dal libro di Giobbe al Leviatano di Hobbes fino al recente Empire di Hardt-Negri: lungo questo percorso Revelli individua alcuni temi focali che permettono di accostare un intero filone del pensiero politico occidentale, senza dimenticarne le radici classiche. Che lo Stato moderno abbia ricevuto in eredità il monopolio dell'uso della forza lo sapevamo già. Che questo fenomeno si sia sotanziato nella sublimazione del Male, invece, è un'interpretazione illuminante. Grazie, Revelli: buon sangue non mente.

Scrivi una recensione