La poltrona maledetta

Gaston Leroux

Curatore: S. Leo, E. Musso
Collana: La memoria
Anno edizione: 1998
In commercio dal: 25 settembre 1998
Pagine: 228 p.
  • EAN: 9788838913648
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Nella Parigi della Belle Epoque il poeta Jean Mortimar succede in seno all'Accadeia di Francia al Monsignor d'Abbeville, noto per le sue virulente polemiche contro la scienza positivista. Al momento della prolusione, Mortimar riceve un biglietto di minacce e, non appena attaccato il discorso, crolla a terra cadavere. A sostituirlo sulla medesima poltrona viene designato il capitano di vascello Maxime d'Aulnay, cui viene recapitata un'altra missiva minacciosa pochi istanti prima che prenda la parola per il discorso inaugurale. Ma, appena finito di pronunciare le ultime parole, il poveretto porta le mani al viso con un gesto disperato e stramazza al suolo...

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    stefano

    28/08/2009 16:39:26

    stile divertito e leggero per l'autore de "il fantasma dell'opera". Giallo, con omicidi compresi, senza essere serioso, senza cadere nel ridicolo... e senza investigatore!

Scrivi una recensione


scheda di Bertini, M., L'Indice 1998, n.11

Gaston Leroux, celebre da noi soprattutto per "Il fantasma dell'Opera" (Newton & Compton, 1989) e per i romanzi incentrati sul giornalista-detective Rouletabille, ci offre con questo delizioso "feuilleton* una delle prove migliori del suo talento. Lo sfondo della vicenda è il più rispettabile e solenne che si possa immaginare: l'Académie française, le cui celebri quaranta poltrone, occupate dagli ""Immortels"", sono al centro dei desideri e degli intrighi di scrittori, scienziati ed eruditi di varie discipline. Con allegra irriverenza, Leroux scatena in questo paludato scenario una vicenda grottesca: uno dopo l'altro, gli accademici chiamati ad occupare "la poltrona maledetta" che fu di monsignor d'Abbeville muoiono in circostanze misteriose, mentre il timorosissimo "segretario perpetuo" dell'illustre consesso cerca goffamente di indagare. Quasi contemporaneo dei surrealisti e di Raymond Roussel, Leroux ne condivide la passione per l'incongruo e l'imprevedibile; è proprio questa passione a conferire una sorta di piacevolissima patina d'epoca ai suoi testi, capolavori artigianali oggi ben più leggibili di tanta letteratura "alta" dello stesso periodo.