-15%
Il potere del cane - Thomas Savage - copertina

Il potere del cane

Thomas Savage

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Luisa Corbetta
Editore: Neri Pozza
Collana: Bloom
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 23 febbraio 2017
Pagine: 303 p., Brossura
  • EAN: 9788854514379
Salvato in 38 liste dei desideri

€ 14,45

€ 17,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Il potere del cane

Thomas Savage

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il potere del cane

Thomas Savage

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il potere del cane

Thomas Savage

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 17,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Pubblicato per la prima volta nel 1967, Il potere del cane è un’opera che depone i fronzoli della retorica e, con una prosa essenziale ma efficace, tratteggia con tinte livide una torbida vicenda familiare, capace di confermare la posizione centrale di Thomas Savage nella grande letteratura americana.

«Forse l'unico western in cui non si spari nemmeno un colpo di pistola.» - Livia Manera, La Lettura

«Tornato oggi sulla bocca di critici e pubblico a seguito di un fenomenale passaparola, ecco il caso editoriale della stagione.» - Guardian

«La storia drammatica di due fratelli nel Montana degli anni Venti… una storia migliore persino di Stoner.» - Nicholas Shakespeare

Montana, 1924. Tra le pianure selvagge del vecchio West, a cui fa da sfondo una collina rocciosa che ha la forma di un cane in corsa, sorge il ranch piú grande dell’intera valle, il ranch dei fratelli Burbank. Phil e George Burbank, pur condividendo tutto da piú di quaranta anni, non potrebbero essere piú diversi. Alto e spigoloso, Phil ha la mente acuta, le mani svelte e la spietata sfrontatezza di chi può permettersi di essere sé stesso. George, al contrario, è massiccio e taciturno, del tutto privo di senso dell’umorismo. Insieme si occupano di mandare avanti la tenuta, consumano i pasti nella grande sala padronale e continuano a dormire nella stanza che avevano da ragazzi, negli stessi letti di ottone, che adesso cigolano nella grande casa di tronchi. Chi conosce bene Phil ritiene uno spreco che un uomo tanto brillante, uno che avrebbe potuto fare il medico, l’insegnante o l’artista, si accontenti di mandare avanti un ranch. Nonostante i soldi e il prestigio della famiglia, Phil veste come un qualsiasi bracciante, in salopette e camicia di cotone azzurra, usa la stessa sella da vent’anni e vive nel mito di Bronco Henry, il migliore di tutti, colui che, anni addietro, gli ha insegnato l’arte di intrecciare corde di cuoio grezzo. George, riservato e insicuro, si accontenta di esistere all’ombra di Phil senza mai contraddirlo, senza mai mettere in dubbio la sua autorità. Ogni autunno i due fratelli conducono un migliaio di manzi per venticinque miglia, fino ai recinti del piccolo insediamento di Beech, dove si fermano a pranzare al Mulino Rosso, una modesta locanda gestita dalla vedova di un medico morto suicida anni prima. Rose Gordon, si vocifera a Beech, ha avuto coraggio a mandare avanti l’attività dopo la tragica morte del marito. Ad aiutarla c’è il figlio adolescente Peter, un ragazzo delicato e sensibile che, con il suo atteggiamento effeminato, suscita un’immediata repulsione in Phil. George, invece, resta incantato da Rose, al punto da lasciare tutti stupefatti chiedendole di sposarlo e portandola a vivere al ranch, inconsapevole di aver appena creato i presupposti per un dramma che li coinvolgerà tutti. Perché Phil vive il matrimonio del fratello come un tradimento e, proprio come il «cane sulla collina» lanciato all’inseguimento della preda, non darà tregua a Rose, a Peter e anche al suo amato George, animato dall’odio nella sua forma piú pura: l’odio di chi invidia.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 6
5
1
4
4
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    angelo

    04/10/2019 11:59:26

    Ingredienti: due fratelli diversi ma molto uniti, la piatta e rude vita da cow-boy del Montana nel 1924/25, una vedova con un figlio a turbare un equilibrio consolidato, uno scontro insanabile tra legami di sangue e cuore, presente e passato, desideri e vendette. Consigliato: a chi vuol conoscere le ultime pagine dell’epopea del far-west, a chi vuole scoprire uno dei primi romanzi sull'omofobia.

  • User Icon

    Stefania S.

    22/09/2019 05:48:43

    Nell’ingranaggio perfetto costruito da Savage, c’è l’intreccio e la cura del dettaglio di un giallo e la profondità e la finezza di un romanzo psicologico: un groviglio di anime nude eppure inafferrabili, di passioni primitive annegate in una complessità, capace di disorientare e sorprendere il lettore fino all’ultima riga dell’ultima pagina. C’è il dolore e la solitudine dei “diversi”, di coloro (il medico, Rose, Peter, George, gli indiani) che, non rinunciando a “sensibilità” e “gentilezza”, sono vittime del dileggio e delle angherie d’una società fondata sul mito della virilità e della rudezza. Ma c’è anche il dolore e la solitudine di chi si finge “normale”, perché “sa cosa significa essere un paria, e aveva odiato il mondo prima che il mondo odiasse lui”. L’omosessualità aleggia intorno a Phil, per tutto il romanzo, ancorata al nome di quel Bronco Henry, l’unico capace di vedere, come lui, un cane nelle rocce delle colline davanti al ranch, l’unico a conoscere, insieme al fratello, il luogo segreto dei suoi bagni. Ma ogni dubbio del lettore è come tacitato, ribaltato dalla crudeltà di Phil, dalla sua apparente, assoluta incapacità di compassione e comprensione, e tanto più d’amore. Phil e Peter, sono, in fondo, le due facce di una stessa medaglia. Uguali e complementari a un tempo. Nello scontro tra i due, sarà la fedeltà a se stessi a decidere il più “forte”. “Libera l’anima mia dalla spada e il mio amore dal potere del cane”, recita il Salmo 21. E proprio la suggestione e il potere del “cane” saranno cruciali per i destini di questa umanità schiva e “castrata” per cui gentilezza e sensibilità sono segni d’effeminata debolezza anziché di civiltà e rispetto: un’umanità di cui Savage sfiora i “sentimenti proibiti” (sono gli anni Sessanta), con l’intensità e la poesia che Ang Lee avrebbe poi donato allo scarno racconto della Proulx, nello splendido "Brokeback Mountain”. Bellissima lettura.

  • User Icon

    EC

    11/09/2019 08:32:28

    Libro potente e molto ben scritto, che ci cala nelle atmosfere western di una prateria livida. L'autore tratteggia con destrezza i personaggi e i loro caratteri apparentemente statici, riuscendo a creare un clima di sottile angoscia e ansia. Siamo infatti portati a credere che qualcosa di tragico e definitivo accadrà, soprattutto ai "buoni" della situazione, ma il ribaltamento finale, ad opera di un insospettabile, rivelerà un segreto forse intuibile a un certo punto della lettura.

  • User Icon

    Sofia

    06/09/2019 14:14:51

    Racconto dal finale inaspettato. I personaggi sono ben delineati, si avverte da subito la malvagità e superbia di Phil che contrasta con la generosità del medico, marito di Rose e la fragilità del ragazzo che, con astuzia, riuscirà a cambiare le sorti dell'intera famiglia. Lettura facile e scorrevole.

  • User Icon

    valter57

    03/07/2017 09:38:15

    Grazie a NERIPOZZA per aver fatto conoscere anche in Italia questo scrittore americano. Titolo omonimo dello splendido libro di Don Winslow. Uscito nel 1967, è la storia di due fratelli, Phil e George Burbank, che conducono un ranch in Montana, anno 1924 . Totalmente diversi uno dall'altro, si integrano perfettamente nella gestione dell'allevamento bovino e vivono nella stessa stanza sin da bambini. Poi, qualcosa cambia con l'arrivo di Rose, vedova con figlio che sposa George, causando non pochi problemi alla convivenza nel ranch. Fin qui, la storia senza spoiler, perché le sorprese sono molte e sarebbe controproducente rivelare altro. Ma il carattere omofobico di Phil porterà a conseguenze estreme. Nella bella postfazione di Annie Proulx (scrittrice canadese premio Pulitzer per The shipping news, da cui il film, e autrice del racconto da cui è stato tratto Brockback Mountain) definisce questo romanzo come un landscape novel, significando la grande importanza ed influenza che riveste l'ambiente circostante, in questo caso la vita ed il lavoro nel Montana di inizio secolo.

  • User Icon

    cesare

    05/04/2017 13:38:16

    Il potere del cane di Thomas Savage 3 /5 Uno strano romanzo colmo di di una brutta aspettativa durante la storia di due fratelli che conducono un ranch e dormono insieme. Poi quando quello meno intelligente si sposa sorgono tuttti gli indizi di una futura tragedia . Le pagine finali sono le migliori. Inizio faticoso e lento. pagg. 302 aprile 2017 Edizioni Neri Pozza

Vedi tutte le 6 recensioni cliente

La prosa è vivida, mai banale, e racconta un west anomalo, senza sparatorie ma con al centro un ranch e la vita che lo circonda. Sulle fredde valli del Montana degli anni ’20, la storia di due fratelli che non potrebbero essere più diversi l’uno dall’altro, ma inseparabili. È la gelosia a scatenare sentimenti antichi, proibiti, e a rompere la monotonia delle giornate e della vita dei due protagonisti. Con un linguaggio asciutto, talvolta crudele, Savage affresca una vicenda torbida che affonda senza retorica nelle emozioni umane, nella loro complessità, nell’odio e nel machismo.

Uscito per la prima volta nel ’67, Il potere del cane è un romanzo forse precoce per i suoi tempi e per gli argomenti trattati. Riscoperto e asceso alla ribalta letteraria solo negli ultimi anni grazie alla sensibilità delle sue pagine, ricorda come sviluppo il caso Stoner. Come ha affermato recentemente Viet Thanh Nguyen, autore da Pulitzer per Il simpatizzante, “la scrittura è una scommessa ad alto rischio, ed è facile che un testo venga ignorato dal pubblico e che cada nell’oblio”. Se è un buon testo, però, un testo che merita, prima o poi tornerà in superficie, e lo farà quando i tempi saranno maturi per apprezzarne le caratteristiche. Come Stoner, appunto, Il potere del cane ha aspettato cinquant’anni per farsi conoscere. A cambiare non sono state le sue pagine, ma il pubblico, un pubblico che ha smesso di credere nei luoghi comuni del far west, e che nella storia dei fratelli Burbank ora non vede solo gelosia e rabbia, ma sentimenti repressi, complessi e moderni, dove emerge un machismo frustrato molto simile a quello narrato dal film Moonlight, non a caso vincitore agli Oscar più recenti.

Può una voce raccontare qualcosa senza nominarla mai apertamente? Può un piccolo gesto, come un braccio passato intorno al collo di un ragazzo, esprimere più di qualsiasi frase? Sì, può, e Savage lo dimostra, con un linguaggio apparentemente piatto e che invece si rivela essere sottilissimo, trasparente e torbido allo stesso tempo, delicato e violento.

Un libro raro che entra di diritto nella grande letteratura americana.

“Una vera opera d’arte”, Annie Proulx.

Recensione di Talevi

Le prime pagine del romanzo

Era sempre Phil a occuparsi della castrazione; prima tagliava via la sacca dello scroto e la buttava da parte; poi strizzava fuori uno dopo l'altro i testicoli, incideva la guaina che li racchiudeva, li strappava e li gettava nel fuoco, dove erano pronti i ferri incandescenti per la marchiatura. Sorprendentemente, il sangue sparso era poco. Dopo qualche istante i testicoli scoppiavano come enormi popcorn. Certi uomini, si diceva, se li mangiavano conditi con sale e pepe. «Ostriche di montagna» li chiamava Phil con un sorriso d'intesa, poi consigliava ai giovani braccianti del ranch di mangiarne un po' anche loro, prima di fare gli stupidi con le ragazze.
George, il fratello di Phil, che aveva il compito di prendere al lazo le bestie, arrossiva a sentire quei discorsi, specie se rivolti ai dipendenti. George era un uomo massiccio, riservato e privo di senso dell'umorismo, e Phil si divertiva a farlo uscire dai gangheri. Dio, che gusto ci provava Phil a esasperare la gente!
Nessuno usava i guanti per un lavoro delicato come la castrazione, ma erano necessari in quasi tutti gli altri lavori per non spellarsi le mani con le corde e per proteggersi da tagli, schegge e vesciche. Si usavano i guanti per prendere le bestie al alzo, per lavorare alle staccionate, per marchiare, per gettare col forcone il fieno al bestiame o semplicemente per cavalcare, muovere i cavalli o condurre la mandria. Tutti li usavano, tranne Phil. Lui non si curava di vesciche, tagli o schegge e disprezzava quelli che usavano i guanti per proteggersi. Le sue mani erano ruvide, forti, ossute.
I braccianti e i cowboy utilizzavano guanti di cuoio di cavallo che ordinavano dai cataloghi di Sears, Roebuck e Montgomery Ward. Dopo il lavoro o la domenica, quando l'edificio del dormitorio era invaso dai vapori del bucato e dell'acqua calda per radersi, e la fragranza delle lozioni all'alloro si sprigionava dagli uomini pronti per andare in città, tutti si davano da fare a compilare gli ordini, si incurvavano sopra il foglio come enormi bambini, rosicchiavano la matita, aggrottavano la fronte sulla grafia incerta, esitavano sull'indicazione del peso e del recapito postale. Il più delle volte si davano per vinti e con un sospiro cedevano l'incombenza a qualcuno che aveva più familiarità con lettere e numeri, qualcuno che aveva fatto qualche anno di scuola in più e che di solito scriveva per loro anche le lettere ai padri e alle madri o a qualche sorella rimasta nel cuore.

  • Thomas Savage Cover

    è stato un autore americano che, tra il 1944 e il 1988, ha pubblicato ben tredici romanzi. Il potere del cane, pubblicato per la prima volta nel 1967, in America è oggi diventato un vero caso editoriale. Approfondisci
Note legali