Potere discreto. Cinquant'anni con la Democrazia Cristiana

Arnaldo Forlani

Curatore: S. Fontana, N. Guiso
Editore: Marsilio
Anno edizione: 2008
Pagine: 254 p., Brossura
  • EAN: 9788831796835
Usato su Libraccio.it - € 8,10

€ 8,10

€ 15,00

8 punti Premium

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paolo

    19/11/2009 09:12:41

    Soldi buttati. Libro "trasparente" e marginale. Nulla di nuovo.

Scrivi una recensione

Il metodo che i curatori hanno usato per registrare giudizi e rievocazioni di Arnaldo Forlani sui suoi cinquant'anni di militanza politica nella Dc, e sulle responsabilità di governo che in vari momenti ha avuto, è l'amichevole conversazione a ruota libera, cioè "senza schemi preordinati", né di carattere cronologico né di puntualità tematica. La scelta è in sintonia con la proverbiale pigrizia del personaggio e fornisce quanto può di valutazioni utili come indizi o suggerimenti per successive ricerche. Di conseguenza, il libro vale come interpretazione soggettiva di fasi e iniziative che hanno avuto in Forlani un protagonista. I due curatori non contrastano mai l'arrotondata sintassi delle riflessioni: sicché ci si trova di fronte a pagine dettate in prima persona. Del personaggio è messa in luce la dipendenza, tipica del fanfanismo, dalla dottrina della chiesa. La sua posizione "mediana" risaltò in uno dei parti più celebri della sua tiepida fantasia: il "preambolo" del 1980, elaborazione invero modesta, tesa a motivare l'alleanza privilegiata con il Psi con la mancanza di praticabili condizioni per un governo d'intesa con il Pci. Sulle vicende di "tangentopoli", Forlani non manca di esprimere amare considerazioni: "Il giusto e ripetuto rispetto – dice – per l'autonomia della magistratura è stato spesso una maschera che esonerava da ogni altro dovere di analisi e di controllo, dal dovere di cercare almeno di capire quel che stava accadendo". Netto fu il suo scetticismo verso la svolta del "compromesso storico" lanciato da Berlinguer. A proposito del quale formula osservazioni non prive di una loro pertinenza: "Le analisi e le proposte erano […] sempre all'interno di un quadro ideologico tradizionale scarsamente autocritico. Credo che con noi fosse più sincero dei suoi predecessori, ma di certo non era meno comunista di loro".
Roberto Barzanti