Categorie
Traduttore: H. Lyria
Editore: Feltrinelli
Edizione: 4
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 256 p.
  • EAN: 9788807815768

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    marcello

    11/03/2013 18.04.13

    Come diceva Fantozzi ? Una boiata pazzesca !!!! Passiamo oltre che è meglio !

  • User Icon

    ninonux

    11/10/2012 10.52.01

    Potere della scrittura: un Montalban più affilato e dissacrante che mai sbeffeggia gli ambienti della cultura, dell'economia e della politica della Spagna di fine '900, regalandoci uno degli episodi più straordinari della saga del detective Pepe Carvalho. L'analisi psicologica dei personaggi, dal magnate Lazaro Conesal, ideatore e finanziatore del premio letterario più ricco al mondo, al figlio Alvaro e a tutte le altre figure che popolano questo mondo spregiudicato fatto di loschi intrighi tra le più svariate sfere dell'alta società madrilena e spagnola, è condotta in maniera esemplare, attraverso dialoghi brevi e battute al fulmicotone. E poi, che dire della descrizione degli ambienti che fanno da scenario alla vicenda? la hall dell'albergo in cui si tiene la cerimonia di assegnazione del premio, rassomigliante ad una giungla, quasi che sia stata disegnata e progettata da "un branco di bambini malinconici smarriti in una foresta"? Ogni altro commento è superfluo. Leggetelo. Voto massimo

  • User Icon

    Christian

    10/01/2010 15.25.24

    Diciamolo, questo è un classico esempio di meta-libro: geniale l'idea dello schema Ouroboros, però...però in alcuni passaggi la lettura risulta un pò ostica, soprattutto per i troppi richiami alla storia spagnola! Insomma, Montalban ha scritto di meglio...

  • User Icon

    giovanni

    27/03/2007 12.17.25

    Tra i migliori romanzi di montalban. Strutturato in modo perfetto, pieno di ironia dissacrante e godibilissimo da leggere.

  • User Icon

    Giuseppe Vico

    13/02/2007 09.35.19

    Un libro a dir poco completo...in tutto e per tutto! L'ultimo dello scrittore che avevo letto era stato "le terme" e mi aveva lasciato un po' di amaro in bocca, con il Premio secondo me raggiunge uno dei picchi. E' un vero e proprio saggio, sulla Madrid di oggi e di ieri e l'altro ieri, sulle società dell'apparenza, sul serpente che si morde la coda. E vedrete che lo stesso romanzo e lo stesso Montalban sono un serpente che si morde la coda, per come è strutturato il libro! Splendide anche le autocitazioni riferite agli altri romanzi di Montalban e a Montalban stesso, che per chi li ha letti (come me, per fortuna) è un autentico piacere riaprire i cassetti della memoria per richiamare quelle atmosfere e quei personaggi. E' il settimo libro della serie Carvalho che leggo e non me ne pento mai! Sempre attuale.

  • User Icon

    riccardo

    18/06/2004 19.20.27

    Un libro eccezionale direi, nel suo genere, giallo detective story. Ho letto altri 2 di manolo, e come loro siamo a livelli notevoli.Tecnica narrativa geniale e anche se un po' troppo acccademico in alcuni punti per me la fine e l'incipit sono memorabili.

  • User Icon

    Marco Metelli

    13/12/2000 11.48.08

    top level

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione