Il prete giusto - Nuto Revelli - copertina

Il prete giusto

Nuto Revelli

Scrivi una recensione
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 dicembre 2008
  • EAN: 9788806196981
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 7,65

€ 9,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 9,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Il prete giusto" è la storia di un uomo libero, don Raimondo Viale (1907-1984), costretto a una sfida impari e solitaria con gli eventi più aspri del Novecento. Abbandonato dalla Chiesa e malato, ha affidato a Nuto Revelli la memoria della sua vita. Sullo sfondo della campagna povera del cuneese si snodano gli anni duri dell'infanzia, della prima guerra mondiale, le prime ribellioni in seminario, l'impegno nella parrocchia di Borgo San Dalmazzo fino allo scontro con i fascisti, le prediche coraggiose contro la guerra, l'imbarazzo della Chiesa, il confino. Poi, in un crescendo, i grandi drammi collettivi: l'8 settembre, le stragi naziste e fasciste, la persecuzione degli ebrei, fino alla sospensione "a divinis".
4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    16/02/2012 11:53:42

    Antifascista e anticomunista, in nome di quella libertà a cui ha sempre aspirato fermamente, Don Viale è indubbiamente un prete scomodo, uno che non sa tacere, né chinare la testa, e in questo contesto subirà un vero e proprio oltraggio con la "sospensione a divinis". La biografia è scritta in prima persona, insomma è Don Viale che racconta e si avverte chiara la trepidazione, o la commozione, quando ricorda l'infanzia, il seminario, la sua parrocchia, la persecuzione fascista. E' un uomo anziano che parla, sconfitto e in preda a scoramento, ma nelle sue parole non c'è mai odio, magari un po' di risentimento, ma questo è temperato dall'amore per tutti, compresi gli avversari e i nemici. Non c'è discrasia fra il Don Viale prete e il Raimondo Viale uomo, anzi sono fusi mirabilmente in un'immagine di grande pathos. E così, come assiste spiritualmente tredici partigiani condannati alla fucilazione, porta conforto anche a una spia fascista condannata a morte dopo la Liberazione. Ma quel suo non chinare mai la testa, dire sempre ciò che pensa, criticare anche la Chiesa finirà per fargli patire una condanna ben più grave del confino. Infatti, privato della sua parrocchia, chiuderà la sua esistenza in un ospizio. A Revelli va dato il merito di aver portato alla luce un personaggio di così grande spessore, che altrimenti sarebbe rimasto sconosciuto ai più, un altro Perlasca, un altro Schiendler, gente che in umiltà ha dato prova di nobilitare l'umanità, in epoche in cui era più comodo e salubre tacere. Il prete giusto è un libro intriso d'amarezza, ma è anche un grido, il grido di un uomo vecchio, malato e stanco che chiede giustizia, la prima volta per sé. Da leggere, senza dubbio.

  • User Icon

    marina

    01/06/2010 17:24:01

    Bel libro, molto interessante. La storia vera di una persona che molti non conoscono, un prete che ha aiutato e salvato molte persone durante la guerra e per questo è nella lista dei “giusti d’Israele”, come Schindler e Perlasca. Ma una persona vera che non taceva davanti a quelle che riteneva delle ingiustizie e per questo si è trovato spesso di fronte a scelte difficili ed è stato infine abbandonato dalla Chiesa. Sicuramente un’occasione di riflessione.

  • Nuto Revelli Cover

    Scrittore, ufficiale e partigiano italiano.Ufficiale degli alpini in Russia e protagonista della Resistenza nel cuneese, ha partecipato alla seconda battaglia difensiva del Don e si è battuto per anni per dare voce ai dimenticati di sempre: i soldati, i reduci, i contadini delle campagne piú povere. Tra i suoi libri, ricordiamo "La guerra dei poveri" (1962), "La strada del davai" (1966 e 2010), "Mai tardi" (1967 e 2008), "L'ultimo fronte" (1971 e 2009) , "Il mondo dei vinti" (1977), "L'anello forte" (1985), "Il disperso di Marburg" (1994 e 2008), "Il prete giusto" (1998 e 2008), "Le due guerre" (2003 e 2005), "Il popolo che manca" (2013), "Il testimone. Conversazioni e interviste. 1966-2003"(a cura di Mario Cordero). Approfondisci
Note legali