Categorie

Piero Chiara

Editore: Mondadori
Edizione: 12
Anno edizione: 2000
Formato: Tascabile
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788804480730

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paolo

    19/01/2016 09.23.16

    Gran bell'affresco dell'italia nel ventennio fascista con ritratti vizi(tanti) e virtu'(poche)degli italiani di allora.Il pretore sembra un personaggio di Sordi da apprezzare in tutta la sua caricatura umoristica.

  • User Icon

    angelo

    20/10/2013 14.32.05

    Ingredienti: un pretore in là con gli anni ma ancora irrequieto e attivo, una moglie più giovane apparentemente annoiata e solitaria, un aiutante tanto fidato quanto infido, un figlio (illegittimo) arrivato per caso a scoperchiare pentole in ebollizione. Consigliato: a chi sa che in ogni famiglia si trovano armadi pieni di segreti, a chi cerca rifugio e svago in vicoli oscuri più che in viali aperti.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    09/12/2011 18.34.40

    La scrittura di Chiara è fluente, ammaliatrice, continuamente piena di sorprese e di invenzioni, come nel caso della rappresentazione teatrale travolta, e non in senso figurato, dall'improvvisa piena di un fiume; e si ride, volentieri, anche se è sempre presente una nota malinconica sul destino degli uomini, grandi, normali o mediocri che siano: come formiche lottano sul palcoscenico della vita per arrivare tutti a quell'ultimo traguardo, un'esistenza di passioni, di delusioni, di vittorie, ma più ancora di sconfitte, di cui l'ultima è l'inevitabile conclusione di quella battaglia subito avviata non appena venuti alla luce. Il pretore di Cuvio è un romanzo indubbiamente assai bello, da leggere non solo per sorridere, ma anche per meditare.

  • User Icon

    Silvia

    27/08/2007 16.21.50

    Concordo appieno con Fabio: non si capisce perché Piero Chiara non goda del prestigio letterario che meriterebbe. Evidentemente le sue storie sono troppo rappresentataive della quotidianità provinciale. Pazienza per chi non riesce a godere di uno stile leggero e cristallino (a mio parere gli insegnanti di lettere dovrebbeo sfruttare alcune sue pagine per mostrare come si possa scrivere correttamente, efficacemente e gradevolmente nella nostra lingua) e di trame sempre avvincenti anche se saldamente ancorate ad una realtà forse un pò distante ma sempre attuale per tematiche.

  • User Icon

    Maria Grazia

    15/12/2006 12.19.21

    Veramente un libro simpatico e divertente. E' la prima volta che leggo un libro di Chiara e mi è piaciuto moltissimo come autore dato che scrive in modo semplice e lineare ma non per questo non bello e ti sa appassionare a una vicenda boccaccesca ma anche sempre attuale

  • User Icon

    Fabio A.

    17/04/2004 09.00.15

    Non capisco come possa essere tanto sottovalutato uno scrittore come Chiara. Puntuale e ineccepibile la descrizione psicologica dei personaggi e la descrizione delle vicende amorose e lavorative dei personaggi. Grande narratore della sua epoca e di sentimenti che la trascendono. Posso solo immaginare che troppi ritengono l'arte letteraria tale solo se rivolta alla descrizione del sole, del mare, della morte e del deliquio sentimentale. L'arte è espressione della vita, e la vita, checchè se ne voglia dire è in gran parte Sesso. Piero Chiara è del Sesso e in particolare delle sue ambientazioni provinciali tra gli anni 30 e 50, mirabile narratore. Non credo sia indegno un accostamento con Moravia che resta comunque irraggiungibile.

  • User Icon

    Andrea Gambino

    16/01/2004 14.49.17

    Semplicemente grandioso!

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione