Categorie

Isabella Bossi Fedrigotti

Editore: Rizzoli
Collana: Scala italiani
Anno edizione: 2008
Pagine: 188 p. , Rilegato
  • EAN: 9788817017626

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    30/09/2014 18.22.45

    Il primo figlio ci accompagna per mano con tre storie di donne, di estrazione sociale, di istruzione e di nazionalità diversa e quindi così dissimili fra loro. Eppure in esse si rispecchia una matrice comune, con quella maternità che è alla base di ogni esistenza e che nei casi specifici le vede, di volta in volta, madri a seguito di una violenza (Teresa), materne come indole naturale, dedizione suprema volta all'allevamento dei bambini (Maria), madre ancora immatura, ma dal sentimento forte e sicuro (Sofia). Sono tre personaggi delineati stupendamente, tre ombre che poco a poco schiariscono per rilucere vivamente nello splendore dei loro affetti, in una narrazione volta non certo a indulgere alla facile commozione, ma che poco a poco porta il lettore a un pathos indescrivibile, proprio quando le loro strade si incontrano, diventando una sola, in un periodo delle loro vite che sarà senz'altro il più bello, quello in cui si sentiranno più realizzate. Poi, con il tempo che passa, con gli anni che pesano, con i bimbi che diventano adulti e lasciano la casa, quel cammino insieme inevitabilmente finirà e ognuna delle tre riprenderà quel percorso che le è sempre stato proprio e che ora si avvia a quell'ultima meta. Ci si emoziona per la condizione di autentica miseria della giovane Teresa, per il dolore di Maria la cui madre, non sana di mente, verrà immolata alla perfezione della razza nazista, per quel senso di vuoto che sempre resterà nell'animo di Sofia per la perdita del primo figlio. Tre donne, tre esseri umani che si sentono vicini, che quasi appaiono, pagina dopo pagina, davanti agli occhi, e a cui si vorrebbe affidare un po' del proprio destino, braccia materne che ci stringano nella loro protezione dai venti turbinosi della vita. Il primo figlio è uno di quei libri che una volta letti non possono non lasciare un segno indelebile dentro di noi.

  • User Icon

    Gianni F.

    19/03/2011 23.34.23

    Sono tre singoli racconti di donne, che, verso la fine del libro, tutte e tre le protagoniste confluiscono in un unico romanzo. Molto sentimentale, un pochino sdolcinato. Bella e avvincente, sopratutto, la prima storia, quella di Maria. Un impianto letterario, abbastanza originale, scrittura precisa, ma, secondo me, non sempre sinceramente ispirata.

  • User Icon

    Valentina

    04/12/2010 09.07.18

    ho letto 'il primo figlio', e prima avevo letto 'di buona famiglia'. anche questo libro è bello, la scrittura è precisa, l'impianto originale. non delude assolutamente.

  • User Icon

    giannina

    02/10/2009 22.00.21

    Non è il primo libro che leggo di questa autrice, e li ho trovati tutti molti piacevoli. Dovrei dire questo in particolare. Il libro è suddiviso in quattro capitoli. Nei primi tre si parla di tre donne vissute nel '900, nell'ultimo si riunisce la loro storia. E' una storia che nella sua semplicità appassiona e ti sembra di aver realmente conosciuto queste tre donne: Teresa, Maria e Sofia. Tre storie che nella loro drammaticità sono esempio di perseveranza e amore. E' scritto talmente bene questo libro che è veramente incredibile ! Ogni parola, ogni virgola, ogni espressione sembra scelta con cura e regala alla storia un ritmo e un'intensità incredibile per una storia che raccontata potrebbe apparire banale. Bello.

  • User Icon

    Francescomare

    13/07/2009 16.58.31

    Un bellissimo libro, una scrittura asciutta e scorrevole che coinvolge il lettore. Isabella, raccontando la storia delle tre protagoniste, riesce a mettere in risalto l'ipocrisia di una società (la storia si svolge dall'inizio del secolo scorso fino alla fine della seconda guerra mondiale) dove le donne erano sovente vittime di soprusi.

  • User Icon

    anna pia fantoni

    24/04/2009 09.41.35

    Isabella non delude mai. Uno splendido libro, scritto con cuore e razionalità. L'incontro di tre donne che hanno vissuto esperienze diverse, ma accomunate dalla mancanza di amore e tenerezza.

  • User Icon

    Federica

    16/12/2008 13.51.27

    Un bel libro. Scritto bene, in modo scorrevole e avvolgente. La storia bella che trova il suo momento di massima espressione nel capitolo finale, dove tutto ciò che era rimasto incompreso o incompiuto nelle pagine precedenti , trova una collocazione. Era il primo libro che leggevo della Bossi Fedrigotti ed è sempre un piacere scoprire scrittori così.

  • User Icon

    DAMIANO M.4

    15/06/2008 19.47.04

    TRE RACCONTI DI TRE DONNE DIVERSE MA COMUNQUE UGUALI NEL LORO DESTINO.UN ROMANZO CHE FA RIFLETTERE MOLTO.UNA STORIA DI FEMMINILE QUOTIDIANITA'.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione