Categorie

Adam Haslett

Traduttore: G. Granato
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2003
Pagine: 222 p.
  • EAN: 9788806165062

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    cristina

    20/12/2013 12.36.07

    Scritto bene, mi ha ricordato altri autori americani che scrivono allo stesso modo e con le stesse tematiche, ad esempio, tanto per dirne una che mi viene in mente, la Homes di "La sicurezza degli oggetti". Ma alla fine tutti i racconti si somigliano un po': tutti i personaggi e le loro vicende si confondono come se si trattasse di tante apparizioni fugaci di cui intuiamo per un attimo la sofferenza del loro dolore. Più di tutto, ciò che mi ha colpito è il forte impatto che sempre reca la sofferenza psichica delle persone, soprattutto quando queste vivono in contesti di marginalità sociale.

  • User Icon

    Christian

    05/12/2005 22.22.18

    Ci sono tre racconti bellissimi, mentre gli altri sembrano grandi opportunità mal sfruttate. Comunque si lascia leggere con scorrevolezza. Però, per carità, non gridiamo al capolavoro!

  • User Icon

    Ennio

    30/08/2005 22.54.36

    Si tratta di un libro di racconti che ha come filo conduttore il dolore. Il dolore fisico e mentale. Sono storie molto diverse fra loro, tutte pregevoli, ben orchestrate e talvolta appassionanti. Haslett, che con questo libro è alla sua opera prima, dimostra di possedere un grande talento narrativo, soprattutto quando si addentra con misura ed efficacia in territori la cui esplorazione non risulta per nulla agevole.

  • User Icon

    Libetta

    07/04/2003 17.19.25

    Gran bei racconti con elemento horror raffinato, possono ricordare McEwan se vogliamo, la malattia mentale o quanto meno squilibri presenti e devastanti ma descritti con delicatezza. Dal sarcasmo di Appunti per il mio biografo, alla facile disperazione di Premonizione, al bellissimo Il volontario i personaggi tutti accomunati dal dolore, appunto. Trasmette inquietudine e lascia convinti.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione