È un problema tuo - Filippo La Porta - copertina

È un problema tuo

Filippo La Porta

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Illustratore: D. Frascoli
Collana: Sassi
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 10 ottobre 2008
Pagine: 106 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788861650367
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 4,75

€ 5,00
(-5%)

Punti Premium: 5

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

È un problema tuo

Filippo La Porta

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


È un problema tuo

Filippo La Porta

€ 5,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

È un problema tuo

Filippo La Porta

€ 5,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 5,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un viaggio ironico nelle secche dell'omologazione linguistica, analizzando genesi e storia di frasi fatte e modi di dire. Nel mirino i tic della lingua quotidiana. Brevi capitoli in cui si delinea una critica divertita ma radicale delle mitologie e dei conformismi che risuonano in fraseologie standardizzate. "È un problema tuo" "Tuttaposto" "Non c'è problema". Nelle radio, in tv, nei bar, nelle strade, si sentono ripetere ossessivamente queste e altre espressioni. È come un ronzio ininterrotto, corale, una koinè semplificante dietro cui si nasconde forse un vuoto insondabile. Alle divagazioni socio-morali di Filippo La Porta si aggiungono le vignette esilaranti di Dario Frascoli.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,25
di 5
Totale 4
5
3
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Anna Anselmi

    11/05/2009 08:28:48

    Questo excursus prende avvio dal `68 con il suo proliferare di tic linguistici. Una visione del mondo che, nella disanima di La Porta, si configura per alcune caratteristiche, ciascuna associata a un luogo comune. C`è l`ansia di essere rassicurati a oltranza («Tutto bene?», «Tutto a posto?», «Non c`è problema», quando invece i problemi ci sono eccome); l`esibita indifferenza verso gli altri («E un problema tuo», come recita il titolo del libro, o «Non me ne può fregare di meno»); l`immunità concessa dall`ironia («Guarda che ero ironico»); la sete di novità eccitanti per alleviare la noia in cui siamo immersi («Come stai?» sostituito dal più incalzante «E allora?») e l`atteggiamento sperimentale e superficiale verso l`esistenza racchiuso nelle parole «tipo che».

  • User Icon

    Giorgio Sicara

    08/05/2009 08:11:19

    Questo librettino manca di profondità, non insegna, ma almeno divertisse, restano solo da sfogliare le vignette di media qualità.

  • User Icon

    Ernesto Assente

    29/04/2009 08:09:12

    La massa informe dei pigri osservatori del reale appare ancora più lontana e puntiforme se la si guarda dopo aver letto l'olimpico e siderale Filippo La Porta. Un libro che merita più di una lettura, e vi assicuro, sono proprio pochi di questi tempi.

  • User Icon

    Aldo Mauri

    24/04/2009 08:24:14

    Strepito, ironico, arrogante quanto basta. Il nostro saggista più geniale si conferma all'altezza della sua fama. Non posso che confessare che un saggio del genere, sulla scia dei grandi di tutto il mondo, prima diverte e poi educa.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
"Lo stile è l'uomo", scriveva Leclerc de Buffon condensando in una massima l'assunto settecentesco in base al quale il linguaggio è specchio della forza interna – dello spirito – di un popolo. "Lo stile è l'uomo", ripete Filippo La Porta in apertura a questo saggio in cui alcuni dei tic linguistici più inflazionati del nostro tempo ("un attimino", "non c'è problema", "non fare il moralista", "assolutamente", "quant'altro"...) diventano grimaldelli ermeneutici utili a un'indagine socio-morale sui costumi degli italiani, sempre più omologati dall'imperativo di essere à la page non solo per mode e maniere, ma anche per opinioni, gusti, espressioni.
Analisi linguistica e civile sono, secondo La Porta, come già in Pasolini, due dati inestricabili: il luogo comune sembra essere divenuto l'unico modo efficace per esprimersi in una società ideologica e massificata, per sfiorare la superficie della realtà senza mai analizzarla in profondo. Ponendosi nel solco di una tradizione morale che pure "nel nostro paese, com'è noto, non esiste", l'autore procede a un'indagine linguistica che è anche analisi antropologica e in ultima istanza requisitoria morale, dal momento che il linguaggio – in origine strumento di unione civile, di realizzazione dell'ideale di bienséance – rischia oggi di diventare mezzo di sopraffazione e falsificazione dei rapporti sociali. Se trent'anni fa Pasolini denunciava l'annullamento di ogni differenza linguistica e sociale in direzione borghesizzante, oggi La Porta deve aggiungere a quell'indagine una nota negativa: l'omologazione, infatti, non produce solo una massa amorfa e manovrabile perché non pensante, produce la confusione tra trash e intelligente, tra kitsch e bello, nel segno di una totale indistinzione di gusti e maniere. Il culto dell'apparenza, la civiltà della chiacchiera e della socievolezza convenzionale, brillantemente tratteggiate dall'autore, stanno producendo la scomparsa dei fatti a favore di costruzioni linguistiche effimere, controllabili e sempre reversibili, "quintessenza di un'italianità adattativa e trasformista" per la quale il giudizio morale sui fatti è eludibile perché non rilevante, anzi intollerabile perché tetro e censorio.
Qualche riflessione in più meritano, a questo proposito, le pagine dedicate a quel "Guarda che ero ironico" che è diventata la mossa snobistica di chi cerca di riscattare e autoassolvere una battuta poco riuscita con "una patente di ironia generosamente concessa a posteriori". Se per Hegel l'ironia era una strategia linguistica e filosofica di fondamentale importanza perché si saldava con l'etica, perché permetteva di recuperare contrastivamente un valore positivo ed edificante per l'umanità, oggi la sua funzione è di garantire l'impunità, di offrire un alibi al cattivo gusto: non si tratta più, nota La Porta, "della sublime ironia romantica, che era riconoscimento dei limiti umani (…), né di quell'atteggiamento tipicamente novecentesco (da Mann a Musil) che stende in modo inquietante la sua micidiale, corrosiva ironia sulle certezze e sui fondamenti della ragione". Persa la sua portata critica e addirittura eversiva, l'ironia si è ridotta a risata vuota, battuta di chi ritiene che "moralista" significhi "noioso", di chi ha caro sopra ogni cosa il difendersi "preventivamente da obiezioni forti, da dissensi troppo pronunciati".
La lingua manifesta così la sua falsa coscienza, l'abdicazione al suo compito primo, quello di esplorare il reale in tutte le sue pieghe, e si trasforma in formulario apotropaico e up to date, simpatico e impudente insieme, che denuncia inesorabilmente la pigrizia del pensiero del parlante.
Chiara Fenoglio
Note legali