Traduttore: M. Ortelio
Editore: Neri Pozza
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 29 giugno 2017
Pagine: 286 p., Brossura
  • EAN: 9788854514805
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,18

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luciano

    10/02/2018 18:32:57

    1869. Villaggio di Culdie, nelle Highlands-Scozia. Cinquantacinque sono le anime che abitano il villaggio. "Quasi tutte le case, ammesso che si potessero chiamare così, erano talmente rozze che le avresti scambiate per stalle o porcilaie". La mattina del dieci agosto il diciassettenne Roderik Macrae massacra a colpi di vanga il conestabile Lachlan Mackenzie di quarantuno anni, la figlia Flora di quindici e il figlio Donald di tre anni. Arrestato viene portato nel carcere di Inverness, dove è visitato dall'alienista James Bruce Thomson che deve valutarne lo stato mentale. In fase processuale, al termine della requisitoria, Roderick rilasciò questa dichiarazione scritta: "Dichiaro di essere responsabile della morte delle persone suddette ... Ho ucciso Lachlan Mackenzie per vendicare le sofferenze che aveva causato a mio padre e a tutta la mia famiglia."

  • User Icon

    Paola

    24/07/2017 14:27:00

    thriller psicologico mascherato da atto criminoso realmente accaduto che spalanca un abisso. Una raccolta di documenti "ritrovati" che giocano con le tradizioni della letteratura scozzese, ritratto geniale di una comunità rurale a del XIX secolo che già mette in evidenza teorie contemporanee sulla questione di classe e sulla criminologia; ma il libro è anche un'inchiesta sulla pazzia e sulle motivazioni dei nostri gesti. Con un sottotitolo in equilibrio tra realtà e fiction, il libro raccoglie le memorie del reo confesso diciassettenne, figlio di un fittavolo in miseria, scritte nell'attesa del processo nel 1869 per tre brutali omicidi commessi in una piccola comunità scozzese, scoperte dall'autore nel corso delle ricerche sulle proprie radici nelle Highland. Il resoconto, apparentemente onesto, di come avrebbe ucciso il suo vicino odiatissimo è arricchito da testimonianze, relazioni mediche, un resoconto giornalistico del processo e una relazione psicologica. Le descrizioni della comunità contadina che cerca di tirar fuori da un terreno arido quel poco che permetta la sopravvivenza, in balia dei proprietari terrieri, della chiesa e del tempo, sono affascinati. Il motore che spinge la vicenda è uno stoicismo che attribuisce ogni inconveniente ad una provvidenza avversa. E come non pensare un po’ anche a Franz Kafka e a Flann O'Brien e alla Legge e alla Giustizia? Nella sua cella in prigione, Roderick continua a riflettere sull'assurdità del fatto che è stato proprio l’omicidio a farlo diventare un gentiluomo agli occhi della gente. La simulazione della veridicità, sottile gioco psicologico letterario, mette a fuoco un periodo storico straordinario, e le molteplici prospettive non affidabili da cui è portata avanti la narrazione costringono il lettore a porsi domande per tutto il libro: la verità raramente si palesa univoca, ancor più se la si affronta con un paio di secoli di ritardo, quando le premesse di giudizio sono radicalmente cambiate

Scrivi una recensione