Categorie
Artisti: Paolo Conte
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Platinum
Data di pubblicazione: 19 settembre 2008
  • EAN: 3259130001235
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Il nuovo album di Paolo Conte “Psiche” prodotto da Platinum e per la prima volta distribuito in tuttoil mondo da Universal.L’album contiene 15 canzoni inedite; si tratta di un disco fuori ordinanza,uno dei piu’ importanti in assoluto della storia di Paolo Conte. Tra amore epsiche il maestro sceglie psiche perchè più terrena ma soprattutto perchèha più storie da raccontare.Le canzoni contenute nel disco sembrano nate per essere contemplate,come accade davanti ad un bel quadro; ricordandoci di un’altra grandepassione di paolo conte e cioè la pittura, potremmo parlare nel caso dipsiche di canzoni pittoriche.

Disco 1
  • 1 Psiche
  • 2 Il quadrato e il cerchio
  • 3 Intimità
  • 4 Big Bill
  • 5 L’amore che
  • 6 Silvery Fox
  • 7 Bella di giorno
  • 8 Velocità silenziosa
  • 9 Omicron
  • 10 Ludmilla
  • 11 Leggenda e popolo
  • 12 Danza della vanità
  • 13 Coup de Théàtre
  • 14 Così o non così
  • 15 Berlino

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    nickdamone75

    11/10/2008 10:54:21

    Un disco pieno di profumi e di riflessioni. Meno vivave e ironico, certo, ma riuscito proprio perché spiazzante, capace di guardare altrove, intenso sul piano tecnico-compositivo. "Psiche" è un paesaggio sospeso, "Ludmilla" supera di gran lunga il modello di riferimento (Capossela), "L'amore che" è la sintesi tra "Parigi" e "Gioco d'azzardo", mentre "Big Bill" è epica e libertà. Solo i grandi artisti sanno cambiare pelle mantenendo intatte classe e stile (Dylan, Waits), e fregarsene delle regole del mercato a fronte della propria sensibilità artistica. "Psiche" è un disco importante perché è una matura riflessione - artistica e personale - di un grande "vecchio indiano" della musica italiana. E quanto stile, merce oggi assai rara.

  • User Icon

    Paolo Mazzetti

    04/10/2008 09:42:36

    Disco bellissimo, per certi aspetti "minimal". L'elettronica usata con intelligenza, l'eleganza degli arrangiamenti, i testi ellittici e poetici ne fanno una delle opere più interessanti dell'avvocato di Asti.

  • User Icon

    gianluca galletti

    03/10/2008 17:31:41

    L'ho trovato di primo acchito un album ispirato, intimo, dove il carisma di Conte continua a modellare lo stile interpretativo e compositivo... Come in Elegia, si sente aria di gioco di stile, di tanto in tanto sforando dal solito,rinforzando la propria poetica. Conte verrà sicuramente ricordato per altro, ma c'è brezza fresca in queste canzoni... Ha molto da passare Conte, molto ancora da dire, soprattutto a chi scrive e compone... Se non avesse più niente da dire, se ne starebbe zitto... Da prendere e ascoltare.

  • User Icon

    Alessandro

    03/10/2008 14:23:19

    un disco colto, elegante, originale: Conte è ai massimi livelli. Raro di questi tempi trovare un album così rotondo e interamente coinvolgente.

  • User Icon

    antonio

    01/10/2008 10:59:00

    Un album in cui si aspetta sempre qualche slancio che però non arriva mai... monocorde!

  • User Icon

    gianni43

    29/09/2008 11:19:40

    La musica è poco originale e priva di slanci. La voce "canta" sempre meno. In definitiva un disco poco riuscito (salvo tre o quattro canzoni), privo di ispirazione e francamente noioso.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione