Editore: Feltrinelli
Edizione: 3
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
In commercio dal: 17 luglio 2006
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788807815799
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 3,78
Descrizione
Un killer "per bisogno" disadattato e nostalgico, la vita da clandestino nella Parigi degli anni Ottanta, un semplice omicidio su commissione che si trasforma in una trama complessa e carica di reminescenze del passato, un'amicizia che è complicità, una fuga in Messico: la storia di Andrea Durante. Un racconto un po' nero, un po' giallo, che non si prende troppo sul serio mentre sciorina un sfilza di morti ammazzati, in un mondo popolato di personaggi squinternati, moderni, vinti e nuovi emarginati che si improvvisano assassini perché non hanno altro da fare.

€ 5,95

€ 7,00

Risparmi € 1,05 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nicola

    13/12/2014 19:36:49

    Bel libro, scritto bene. Scorre via velocemente e ti prende. Lo consiglio

  • User Icon

    Mario

    24/12/2013 13:16:36

    Sarebbe stato un bel libro, e lo è stato, almenfo fino a metà.. poi si sente una mancanza di idee su come proseguire, cosa che poi si riflette su un finale pessimo.

  • User Icon

    Giulio Pianese, ovvero Zu

    25/09/2002 15:26:33

    Qui abbiamo a che fare con un sicario italiano calato nella realtà parigina (un “killer per bisogno”, come dice l’autore nell’imperdibile <i>Postfazione</i>).<br> Si percepisce fisicamente la concretezza dell’ambientazione, i personaggi hanno un passato di uno spessore che si fa sentire anche nei velati e vaghi accenni, le vicende e le problematiche coinvolte hanno un sapore vero. <br>La scrittura si appiccica alla pelle e talvolta riesce anche a scavare dentro. È come un film girato in soggettiva, ma con una cinepresa in grado di captare e trasmettere anche odori e umori, sensazioni tattili e interiori, raccontando di vite dalle fioche speranze e dai molti tremori.

Scrivi una recensione