Quartetti per archi - CD Audio di Pietro Nardini

Quartetti per archi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Pietro Nardini
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 23 gennaio 2013
  • EAN: 5028421944388
Salvato in 1 lista dei desideri
Quartetto n.1 in La maggiore, Quartetto n.2 in Do maggiore, Quartetto n.3 in Si bemolle maggiore, Quartetto n.4 in Fa maggiore, Quartetto n.5 in Sol maggiore, Quartetto n.6
La Brilliant Classics presenta in prima registrazione mondiale i sei quartetti per archi di Pietro Nardini, uno dei più autorevoli e rispettati violinisti italiani del XVIII secolo, passato alla storia per aver fatto parte di uno dei primi quartetti per archi di cui ci sia pervenuta memoria, al fianco di Filippo Manfredi, di Giuseppe Cambini e di Luigi Boccherini. Strutturati in un elegante stile classico, i quartetti di Nardini sono opere molto affascinanti, pervase da una meravigliosa vena melodica e con una netta predominanza del primo violino e l’ormai totale assenza del basso continuo. Protagonista assoluto di questa nuova straordinaria registrazione della Brilliant Classics è il Quartetto Eleusi, una formazione di strumenti originali italiana, che esegue questi splendidi lavori di Nardini con un approccio rigorosamente filologico.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Pietro Nardini Cover

    Violinista e compositore. Studiò forse con P. Tartini; operò a Vienna, a Dresda, alla corte di Stoccarda (dove divenne nel 1763 primo violino dell'orchestra diretta da N. Jommelli), a Braunschweig e, dal 1769, a Firenze come direttore della cappella granducale. Fu ritenuto il maggiore violinista italiano del tempo. Tranne che nei 6 Quartetti (1782 ca), in cui affiorano caratteri mozartiani, come compositore N. si attenne ai modelli formali del primo Settecento: suddivisione in tre movimenti (adagio, allegro, allegro) e uso del basso continuo nelle sonate per violino; netta separazione fra parti del «tutti» e parti del «solo» nei 6 concerti con violino principale (op. 1, 1770 ca). Dal punto di vista espressivo, invece, egli aderì pienamente alla poetica dell'illuminismo, che vedeva nella melodia... Approfondisci
Note legali