Quartetti per archi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Deutsche Grammophon
Data di pubblicazione: 1 ottobre 2013
  • EAN: 0028947919247
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 12,90

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
1. Allegro
2
2. Andantino
3
3. Prestissimo
4
4. Scherzo Fuga (Allegro assai mosso)
5
1. Moderato e semplice
6
2. Andante cantabile
7
3. Scherzo: Allegro non tanto - Trio
8
4. Finale: Allegro giusto - Allegro vivace
9
1. Allegro vivo appassionato
10
2. Allegro moderato alla Polka
11
3. Largo sostenuto
12
4. Vivace
  • Bedrich Smetana Cover

    Compositore, pianista e direttore d'orchestra boemo. La giovinezza e gli anni di insegnamento a praga. Il padre, birraio, era dilettante di violino, e di sera suonava con gli amici quartetti di Haydn e di Mozart. Bedich, a quattro anni, era già in grado di sostituirlo, e a sei si esibì al pianoforte in una festa. Presto cominciò pure a comporre: al 1842 risale un galop che testimonia la sua innata inventiva. Nei nove anni di studio (1834-43) S. conobbe altre città ceche (i suoi si erano trasferiti a Jindichuv-Hradec, nell'alta Moldava, da dove egli fu inviato al collegio di Nêmecky-Brod, poi al ginnasio di Praga, dove ebbe come collega E. Hanslick, e infine a quello di Pilsen), entrando in vivo contatto con le tradizioni storico-culturali della sua gente. Continuava intanto a studiare pianoforte... Approfondisci
  • Giuseppe Verdi Cover

    Compositore.La giovinezza e i primi successi. Le origini assai modeste gli resero difficile l'accesso a studi regolari. Iniziò sotto la guida di Pietro Baistrocchi, organista di Roncole, ed esercitandosi su una spinetta acquistatagli dai genitori. Poi Antonio Barezzi, mercante di Busseto e suo futuro suocero, si interessò perché potesse seguire i corsi del locale ginnasio e avesse lezioni da Ferdinando Provesi, organista di Busseto. Intanto, ormai quindicenne, V. aveva cominciato a scrivere musica, profana e sacra, ad uso della locale Società filarmonica e di privati di Busseto; ma il suo desiderio di completare gli studi al di fuori dell'ambiente provinciale urtò contro numerose difficoltà: non ebbe il posto di organista nella chiesa di Soragna, non riuscì a ottenere sovvenzioni finanziarie,... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali