Quartetti per archi vol.16

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Louis Spohr
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Marco Polo
Data di pubblicazione: 30 aprile 2014
  • EAN: 0636943598320

€ 16,90

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quartetto per archi n.23 op.82 n.1; Quartetto per archi n.26 op.83; Variazioni per quartetto d’archi op.8
Il grande virtuoso e compositore francese Louis Spohr continuò a scrivere quartetti per archi per tutta la durata della sua vita. Influenzato sia dal Classicismo viennese sia dalla scuola violinistica francese, Spohr compose opere traendo spunto da entrambe le tradizioni, un fatto che gli consentì di diventare uno degli autori di musica cameristica più affermati della prima metà del XIX secolo. I due quartetti presentati in questo disco riflettono entrambi questi diversi elementi del suo stile, spaziando dall’elegante raffinatezza e dal delicato lirismo del Quartetto n.23 all’incedere incalzante e alla scrittura brillantemente virtuosistica dell’impegnativo Quartetto n.26. Questo disco rappresenta il penultimo volume dell’integrale dei quartetti per archi di Spohr avviata anni fa dalla Marco Polo. Il Moscow Philharmonic Concertino String Quartet ha fatto il suo debutto nel 1994 al Festival di Calamar, dove eseguì uno dei tre quartetti del compositore spagnolo Juan Crisóstomo Arriaga. In seguito i suoi componenti si sono dedicati all’esecuzione e alla registrazione di opere relativamente poco note e all’arrangiamento per quartetto d’archi di miniature e di grandi classici del jazz.

  • Louis Spohr Cover

    Compositore, violinista e direttore d'orchestra tedesco. Al servizio della corte di Gotha dal 1805 al '12, direttore dell'orchestra del Theater an der Wien di Vienna dal 1812 e dell'Opera di Francoforte dal 1817, nel 1822 si stabilì definitivamente a Kassel. Concertista infaticabile, fu il fondatore d'una autentica scuola violinistica tedesca e uno dei primi direttori d'orchestra nel senso moderno. Ammiratore, sin dai primi tempi, del genio di Wagner e tenace divulgatore delle musiche di Bach, fu un compositore fecondissimo, romantico nello spirito ma classico nella forma. Dei suoi dieci lavori teatrali, due (Faust, 1816 e Jessonda, 1823) occupano un posto di rilievo nella storia dell'opera tedesca. In campo sinfonico, hanno un certo valore le 9 sinfonie (alcune delle quali quasi a programma)... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali