Quartetti per archi vol.3

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Franz Schubert
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 6 ottobre 2014
  • EAN: 5028421944630

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quartetto in Sol minore per archi D.18; Cinque Minuetti e cinque Danze tedesche per quartetto d’archi D.89 (prima e seconda versione); Quartetto in Si bemolle per archi D.68
Questo volume dell’integrale dei quartetti per archi di Franz Schubert portata avanti dal Diogenes Quartet, considerato tra le formazioni cameristiche di punta dell’attuale panorama musicale tedesco, presenta i quartetti giovanili D.18 e D.68 accanto ai cinque minuetti e alle cinque danze tedesche D.89, scritti in origine per quartetto d’archi. I precedenti volumi sono stati accolti con grande favore dalla stampa specializzata, che non ha mancato di sottolineare l’intensità dell’interpretazione e il suono perfettamente coeso della formazione tedesca. Il booklet contiene ampie note di copertina sulle opere eseguite e la biografia del Diogenes Quartet.

Considerato uno degli ensemble cameristici più ispirati della nuova generazione, il Diogenes Quartet porta avanti una intensa attività concertistica e si dedica a un repertorio estremamente ampio, che da Haydn si spinge fino agli autori contemporanei.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Franz Schubert Cover

    Compositore austriaco.Gli anni di formazione e i primi lavori. Figlio di un maestro originario della Slesia, trascorse tutta la sua esistenza, tranne qualche giro turistico e due brevi periodi di insegnamento in Ungheria, a Vienna e nei suoi immediati dintorni. Nel 1808, grazie al suo talento musicale, poté entrare a far parte del coro della cappella della corte imperiale. Come fanciullo cantore frequentò anche il seminario imperiale, dove ricevette una buona istruzione. Nel 1813, respinta l'offerta di un'altra borsa di studio, lasciò la scuola per far pratica come insegnante, studiando nel frattempo la composizione con Antonio Salieri, che già aveva notato il suo talento. Durante i tre anni successivi S. visse con la famiglia e insegnò nella scuola del padre, componendo intanto i suoi primi... Approfondisci
Note legali