Quartetto per Archi N.2 - Quintetto Con Clarinetto

Compositore: Johannes Brahms
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Chandos
Data di pubblicazione: 1 maggio 2014
  • EAN: 0095115181720

€ 21,90

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Il Brodsky Quartet presenta il primo dei due dischi in cui si articolerà la sua nuova integrale dei quartetti per archi di Johannes Brahms, comprendente il Quartetto op. 51 n. 2 e il Quintetto in si minore per archi e clarinetto. Questo quartetto venne composto nello stesso periodo in cui vide la luce il Quartetto op. 51 n. 1, un’opera caratterizzata da toni e atmosfere profondamente contrastanti. I due quartetti furono pubblicati nel 1873, dopo essere rimasti confinati nel limbo delle incertezze di Brahms, fino a quando vennero portati ai suoi consueti livelli di perfezione. Tra i due, quello proposto in questo disco è l’opera più toccante, affermativa e rilassata, grazie a una scrittura estremamente omogenea sotto l’aspetto dei tempi e delle atmosfere. Sotto l’aspetto stilistico, quest’opera sembra guardare spesso al passato, come si può facilmente notare dalle citazioni barocche che si inseriscono armoniosamente nel suo meraviglioso lirismo. Il Quintetto in si minore per clarinetto e archi è l’ultima opera di ampio respiro scritta da Brahms, che la portò a termine dopo avere annunciato per la prima volta il suo ritiro dalla composizione. Brahms fu convinto a tornare sulla sua decisione dall’arte del grande clarinettista Richard Mühlfeld, per il quale scrisse le sue ultime quattro opere da camera, tra le quali spicca questo quintetto, pervaso da un’aura elegiaca e profondamente nostalgica, che rispecchia con grande efficacia la sua rassegnazione per essere ormai arrivato nell’autunno della sua esistenza. Il clarinetto non viene usato in veste solistica, ma appare sempre integrato con gli archi in una scrittura intensa e trasognata. Dopo aver eseguito questo quintetto più volte in concerto, oggi i componenti del Brodsky Quartet e il clarinettista Michael Collins ne propongono una splendida versione, destinata a collocarsi ai vertici assoluti della pur vasta discografia del capolavoro di Brahms.