Racconti - Anton Cechov - copertina

Racconti

Anton Cechov

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: Fausto Malcovati
Editore: Garzanti
Collana: I grandi libri
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
In commercio dal: 23 febbraio 2004
Pagine: 2 voll., XXX-1186 p., Brossura
  • EAN: 9788811370154

45° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Racconti

Salvato in 103 liste dei desideri

€ 19,20

€ 24,00
(-20%)

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Racconti

Anton Cechov

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Racconti

Anton Cechov

€ 24,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Racconti

Anton Cechov

€ 24,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 24,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dalle novelle d'esordio, di timbro prevalentemente comico e grottesco, in cui è ancora presente l'influsso di Gogol', ai capolavori della maturità, dominati da una vena malinconica e pessimistica - La steppa (1888), Il duello (1892), La corsia n. 6 (1892), Il monaco nero (1894), La signora col cagnolino (1899) - i racconti di ?Cechov evocano una drammaticità esistenziale trattenuta e sommessa. Poveri d'azione e quasi privi di intreccio, ma attenti alle più piccole incrinature dell'anima, hanno come protagonisti individui incompresi, umiliati, sconfitti dalla vita, vittime di equivoci e di autoinganni: un campionario di frustrazioni e mediocrità, dove trionfano l'impotenza ad agire e l'incapacità di comunicare. L'intera parabola narrativa di ?Cechov testimonia uno degli aspetti fondamentali della sua arte: quella sorta di dolente distacco dalle vicende descritte che riecheggia lo smarrimento di un'epoca e l'inerzia spirituale della società russa di fronte ai sintomi della propria decadenza morale e intellettuale.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 5
5
5
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Diana

    16/05/2020 19:57:26

    Sarà che amo la letteratura russa, ma ho letto questi racconti con vero piacere. Occorre leggerli con calma, magari in un'intima serata invernale, lasciandosi trasportare nelle atmosfere nevose di San Pietroburgo, per entrare a poco a poco nell'autentica quotidianità di questa vasta varietà di esseri umani, dipinti sempre con un magistrale tocco di delicatezza ed ironia. Ma davvero ci sarà di che spaziare, scoprendo ad ogni angolo uno scorcio diverso: personaggi a volte più dettagliati, altre volte semplicemente schizzati con pennellate da impressionista, sempre e comunque creature in balia degli eventi, su cui mai l'autore eleva un giudizio morale. Fra tutti, mi è rimasto nel cuore "Angoscia": "Ma la gente corre, senza accorgersi né di lui né della sua angoscia...E' un'angoscia immensa, che non conosce confini. Se scoppiasse il petto di Iona, e se ne riversasse fuori l'angoscia, essa, gli pare, inonderebbe tutto il mondo, ma nondimeno non la si vede. Essa ha saputo trovar posto in così minuscolo guscio che anche alla luce del giorno non riesci a vederla..."

  • User Icon

    Filippo Giordano

    02/08/2018 15:00:48

    Nel racconto “Il monaco nero” un giovane intellettuale stressato in cerca di nuova vigoria, accetta l’invito di amici a trascorrere un periodo di riposo in campagna. Nel mentre ritempra il proprio spirito passeggiando in mezzo alla natura va in estasi colmando la propria eccitazione sdoppiando da sé il proprio alter ego e raffigurandoselo come un monaco col quale intrattiene solitari e gratificanti colloqui. Per qualche tempo riesce a non fare trapelare le sue visioni e nel frattempo colma la propria estasi sposandosi. Ma la moglie una notte lo sorprende durante uno dei suoi solitari colloqui e lo induce a farsi curare questa strana pazzia che lo esalta facendogli credere di essere un “eletto di Dio”. Ridiventato normale dopo la cura, recrimina di avere perso la gioia della vita incolpando moglie e suocero di averlo indotto ad abbracciare le ovvie consuetudini . Si può interpretare come una riflessione sulla sensazione di disadattamento sociale sofferta dai precursori delle scienze a causa delle “visioni” solitarie di cui godono in anteprima, visioni che li isolano e li distaccano dagli altri comuni mortali. Ma questo è solo uno dei tanti bei racconti dell'opera.

  • User Icon

    Cristiano Cant

    25/05/2018 06:12:30

    Cialtroni orrendi riveriti come autorità quasi divine, burocrati turpi, funzionari inguardabili al centro di meschinità che finiscono per scoprirli nel ridicolo più vergognoso, quel confronto fra ceti che pesa e misura tutto nelle storie fra popoli e carriere. Un affresco di destini e caratteri che ondeggia dal dissoluto al patetico, dal commovente all'assurdo, e che incanta in ogni prova come una sinfonia dalle mille tonalità, dai movimenti cangianti, sotto lo sguardo e la mano di un creatore maiuscolo. Si può solo tremare leggendo "Sosta durante un viaggio" o "Nemici", due febbri di impareggiabile bellezza: "Quella delicata e inafferrabile bellezza del dolore umano che non si arriverà tanto presto a comprendere e a descrivere e che solo la musica, a quanto pare, sa esprimere". Alcuni racconti finiscono di colpo, senza una chiusa chiara, così, in una specie di buffa sospensione che è come se lasciasse al lettore la libertà di interpretarli, in altri le deviazioni dal tremendo alla macchietta diventano come un solo corpo, nell'idea che quella, né più né meno, è la natura umana, coi suoi sogni infranti, le sue codardie di fondo, sottomissioni e vanità da niente. Capolavoro pazzesco su questo tema è "Il vendicatore", l'uomo che entra nell'armeria deciso a comprare una pistola per uccidere la moglie traditrice. L'esito si alza da solo sulle navate dell'arte novellistica come incenso di somma preziosità. Ma spezza il cuore anche "L'album", un quadretto familiare di crudeltà infinita, o "La saltabecca", dove solo la morte scuote fin nelle viscere più aperte la verità di un matrimonio. Si potrebbe andare avanti in richiami continui, fra solitudini impaurite che la vita tenta e annienta (L'uomo nell'astuccio), o confessioni di potente onestà morale (Una storia noiosa): "C'è un nuovo alcaloide estratto dal cervello dell'uomo: l'idiotina". Vite scialbe che dispensano vera luce, titoli sontuosi che presto vengono a noia. E' Cechov, uno dei cuori più belli mai esistiti.

  • User Icon

    Vito Colotti

    16/01/2010 09:12:04

    Racconti,diretti,semplici,profondi.L'autore è molto geniale non a caso uno dei preferiti da Bukowski insieme agli intramontabili altri suoi preferiti. D<a leggere soprattutto la stanza numero 6 e la mia vita.Interessante il monaco nero e gli altri

  • User Icon

    Franco

    12/01/2008 18:14:41

    Un grandissimo. I racconti, nella loro essenzialità, sono più avvincenti dei suoi testi teatrali, ma la qualità e le atmosfere sono le stesse. Da non perdere "La corsia n.6" e "Il monaco nero", inquietanti.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Anton Cechov Cover

    Scrittore e drammaturgo russo. Cresciuto in una famiglia economicamente disagiata, si trasferì nel 1879 a Mosca dove si iscrisse alla facoltà di Medicina. Laureatosi nel 1884, esercitò solo saltuariamente, dedicandosi esclusivamente all'attività letteraria. Nel 1890 raggiunse attraverso la Siberia l'isola di Sachalin, sede di una colonia penale, e sulle condizioni disumane in cui vivevano i forzati scrisse L'isola di Sachalin. Minato dalla tubercolosi, passò vari anni nella piccola tenuta di Melichovo, nei pressi di Mosca. Nel 1895 conobbe Tolstoj, cui rimase legato da amicizia per tutta la vita. Nel 1900 venne eletto membro onorario dell'Accademia russa delle scienze, ma si dimise due anni dopo per protesta contro l'espulsione di Gor'kij. Nel 1901 si sposò.... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali