Categorie

Jostein Gaarder

Traduttore: L. Barni
Editore: TEA
Collana: TEA biblioteca
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 193 p. , Brossura
  • EAN: 9788850237821
Disponibile anche in altri formati:


“Avrei scelto di vivere una vita sulla terra ben sapendo che all’improvviso mi sarebbe stata strappata via, forse proprio nel bel mezzo dell’ebbrezza della felicità? Oppure già in punto di partenza avrei rifiutato tutto questo gioco azzardato del ‘dai e togli’”?

Come sempre nei romanzi di Jostein Gaarder, il lettore si trova di fronte a un gioco di scatole cinesi oppure, per attualizzare la metafora, alle finestre di un gioco elettronico che procede per livelli successivi. La prima storia è quella del quindicenne Georg, che trova una lettera di suo padre Jan Olaf, defunto dodici anni prima, scritta prima di morire perché il figlio la leggesse in età adulta e potesse conoscere meglio chi gli aveva dato la vita. Si apre così la seconda storia, che è quella dell’amore di Jan Olaf per “la ragazza delle arance”, incontrata casualmente e diventata oggetto di una ricerca che si snoda come una rivisitazione degli antichi romanzi cavallereschi. Ogni successivo incontro aggiunge una tessera al puzzle, ma soltanto quando sarà completato si vedrà che il giuoco dei ruoli era diverso da quanto appariva. Ma il padre non si limita a raccontare a Georg la propria storia d’amore, vuole costruire un dialogo con lui, e fargli condividere la sua passione per il mistero dell’universo: alla fine gli porrà una domanda che può dare un significato non solo alla vita del figlio, ma retrospettivamente anche a quella del padre. Pensa che valga la pena di essere nato, pur sapendo di poter restare al mondo per un periodo che comunque sarà molto limitato? Per facilitargli la risposta, vorrebbe offrirgli la certezza di una sopravvivenza nell’al di là, ma su questo argomento ha soltanto delle ipotesi: “Se c’è il mondo, allora le frontiere dell’improbabile sono già state scavalcate. Sono già così pieno di stupore per il fatto che esista un mondo, che non avrei spazio per altro stupore se dovesse rivelarsi che esiste anche un altro mondo dopo questo.”

La risposta di Georg coinvolge anche il lettore che ha partecipato al gioco: “La vita è una lotteria gigante dove si vedono solo i biglietti vincenti. Tu che stai leggendo sei uno di questi biglietti. Lucky you!”

A cura di Wuz.it


Le prime frasi del romanzo:

Mio padre morì undici anni fa. Quando se ne andò, io avevo solo quattro anni. Non credevo che avrei più avuto sue notizie, ma adesso stiamo scrivendo un libro insieme.
Queste sono le primissime righe di quel libro, e le sto scrivendo io, ma a poco a poco sarà lui a parlare. È lui che ha una storia da raccontare.
Non sono sicuro di ricordarmelo bene. Probabilmente mi sembra soltanto di ricordarlo perché ho guardato tante volte le sue foto.
Solo una cosa sono convinto di ricordare veramente, ed è ciò che accadde una sera mentre guardavamo insieme le stelle dal terrazzo.

Su una delle foto ci siamo mio padre e io seduti sul divano di pelle giallo in soggiorno. Sembra che mi stia raccontando una bella storia. Il divano l'abbiamo ancora, ma lui non è più seduto lì.
In un'altra foto siamo sulla sedia a dondolo verde nella veranda. Quella foto è appesa alla parete fin da quando mio padre morì. Anche ora sono seduto su quella sedia, ma non mi dondolo perché sto scrivendo su un grosso quaderno. Più tardi inserirò tutto nel vecchio computer di mio padre.
Ci sono cose da raccontare anche sul computer, ma ci ritornerò in seguito.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Chiara

    03/01/2017 15.31.37

    Consigliatomi da un'amica... devo chiederle come mai le fosse piaciuto tanto perchè a me è sembrato noiosissimo e banale

  • User Icon

    Alberto

    04/03/2016 09.25.40

    Letto per caso, solo oggi, su suggerimento di un amico frequentatore del gruppo di lettura. Poesia e filosofia a braccetto in perfetto stile J.G. Pur con qualche pausa la lettura è piacevole, il tema posto al centro dell'opera non è banale e decolla nel finale commovente che fa riflettere, in specie se sei oltre i settanta. Da leggere.

  • User Icon

    A.M.

    02/01/2016 00.22.19

    Piccola delusione per una favoletta che promette di rivelare qualcosa di importante. Il racconto del primo vero amore narrato da un padre deceduto al figlio attraverso un lunga lettera nascosta in soffitta e ritrovata undici anni dopo affinché quanto aveva da raccontare potesse essere compreso appieno da suo figlio ormai adolescente. La ragazza delle arance era la madre del piccolo e adesso lui poteva sapere anche ciò che il padre non aveva mai scoperto, ad esempio chi ci fosse dentro la Toyota bianca? Resoconto prolisso che avrebbe avuto maggiore impatto emotivo sul lettore se solo fosse stato più diretto e meno dispersivo nella parte centrale. Per il resto chiunque, con un minimo di introspezione, può arrivare alle medesime risposte del giovane protagonista. Idea comunque apprezzabile.

  • User Icon

    spaggio

    15/08/2015 17.23.27

    Una storia che pareva promettere (ma le promesse non possono essere tirate per le lunghe, in termini di pagine) per poi scadere nel melenso.

  • User Icon

    Romina

    05/08/2015 07.30.05

    Ho acquistato per caso questo libro...non ne avevo mai sentito parlare prima ma me ne sono innamorata fin dalle prime pagine. E' bello il modo in cui è narrato, è bella l'idea della lettera del padre deceduto ad un figlio che è ancora troppo piccolo per capire come va la vita, mi ha lasciato davvero tante belle cose dentro. Non credevo potesse piacermi così...una sorpresa davvero gradita!!!

  • User Icon

    mauro

    28/06/2015 18.15.39

    Ho letto la ragazza delle arance in un periodo di tristezza, che volevo assecondare e capire. Quello che non mi aspettavo è la consolazione che il libro mi ha offerto. A volte sembra un po' banale, ma ha il gusto di una favola semplice e anche questo mi ha conquistato, forse perchè parla al bambino che è in noi. Un libro del genere è il regalo giusto da fare a se stessi quando si ha bisogno di dolcezza. Consigliato.

  • User Icon

    mitla

    07/04/2014 08.51.46

    Libro caldamente consigliatomi da una persona molto vicina all'età ideale per leggerlo... che non è la mia. A 15-20 ani è sicuramente una storia misteriosa e affascinante che può offrire "rivelazioni", passata l'età del papà di Georg tante cose lem sappiamo anche noi lettori e il senso del "magico" non si crea più tanto facilmente. Sicuramente un libro per giovani adulti anche se è riuscito a toccare persino le mie corde di "vecchietta" con la splendida giornata descritta a Siviglia, città che è nel mio cuore da anni. Ritengo tuttavia che pur essendo un libro gradevole e scorrevole si sia perso un po' troppo nella narrazione per tirare le somme nel finale senza approfondire veramente, cosa che mi aspettavo sinceramente da un filosofo come Gaarder. Per chi ha da un pezzo superato i 30 consiglierei ben altro sul "senso della vita".

  • User Icon

    elda

    28/03/2011 15.10.50

    Romanzo tenero e commovente, costituisce una lettura piacevole e poco impegnativa.

  • User Icon

    Maria Assunta

    05/09/2010 08.54.44

    Libro bellissimo...una riflessione profonda sul senso della vita e della morte...struggente ed emozionante...leggetelo!!!

  • User Icon

    pdepmcp

    01/07/2010 10.22.15

    Bellissimo. Purtroppo la tira un po' per le lunghe e verso metà diventa noiosetto. Poi riprende alla grande.

  • User Icon

    regina

    03/12/2009 19.44.19

    è un bel libro dolce e commovente ma nel complesso l'ho trovato un po' lento, non dico noioso ma lento, la storia è comunque interessante ,è scritto molto bene, vale la pena leggerlo

  • User Icon

    Flavio

    01/09/2009 13.51.39

    Incantevole. Ci aiuta a non aver paura della morte.

  • User Icon

    Giovanni

    29/07/2009 09.50.08

    Ritengo che questo "tocchi" l'animo

  • User Icon

    anonimo

    15/07/2009 18.41.00

    la "ragazza delle arance" è un libro veramente indimenticabile, che narra una storia d'amore dolcissima e quasi magica una di quelleche tutti noi voremmo vivere un giorno.è un libro allegro e al tempo stesso triste, perchè il padre, anche sapendo che forse sarebbe morto, decide di dedicare i suoi ultimi giorni al figlio inviandoli una lettera nel futuro per raccontargli la storia d'amore tra lui e sua madre,la cosa più bella che gli sia accaduta, ma anche per "aprirgli gli occhi" per vedere e rendersi conto della bellezza della vita e del mondo che ci circonda,e infine per mandargli il messaggio di non sprecareneanche un giorno della sua vita,perchè non sappiamo quando durerà questa favola dato che tutte le cose belle, come quelle brutte, prima o poi finiscono.

  • User Icon

    marco

    07/07/2009 14.19.47

    Un libro bellissimo, non raggiunge i livelli aulici de "Il mondo di Sofia", ma è solo per l'argomento diverso; l'autore è sempre grandissimo!!! Un consiglio a tutti quelli cui è piaciuto molto questo romanzo leggete dello stesso autore "In uno specchio, in un enigma" è favolosamente triste ma bellissimo, pura poesia nel senso migliore del termine!

  • User Icon

    Eleonora

    17/01/2009 14.00.33

    Dai! E' un bel libro, indirizzato certo ad un pubblico di adolescenti, non di scafati intellettuali, ma e' dolce. Ed e' bella l'idea che un genitore, vivo o morto che sia, possa trasmettere a suo figlio le emozioni di quando aveva poco piu' della sua eta'. Ed e' bello che un figlio le ascolti (forse perche' il genitore e ' morto). Ho tentato di sottoporlo a mia figlia adolescente, ma piu' che Harry Potter, Twylight e Moccia, questi ragazzi non sanno che leggere! Vuoi mettere?

  • User Icon

    maurizio

    15/12/2008 08.29.56

    Una lettera di un padre (morto) al figlio che e' una poesia e al tempo stesso la storia romantica di un amore meraviglioso ed eterno. Il libro e' leggero, scorrevole, e da spunti di riflessione sul senso della vita. Una domanda che il padre pone a suo figlio e che in fondo siamo chiamati a rispondere tutti...prima o poi!

  • User Icon

    Albert

    10/09/2008 12.56.13

    Lessi questo libro più di un anno fa, in seguito alla meravigliosa della lettura del "Mondo di Sofia". Certo nessuno degli altri romanzi di Gaarder può eguagliare il capolavoro del Mondo di Sofia, questo è stato il top. Questo altro racconto all'inizio mi è piaciuto, una bella storia d'amore, inteso nel vero senso della parola. Però la seconda del racconto veramente la trovo triste, soprattutto quando il padre del ragazzo parla della propria malattia, sa che sta per morire. Inoltre ciò che mi mette più angoscia è che il protagonista non crede a vita ultra-terrena.

  • User Icon

    Claudia

    29/07/2008 18.06.20

    Propio stamattina ho letto tutto il libro!!!non mi capitava da tanto di leggere un bel libro,ho cominciato a leggere e ogni volta mi intrigava di piu e di piu...veramente un bel libro,faccio i miei complimenti all scrittore perche mi ha regalato una bella emozione...mi ha commosso tanto,una bella storia d'amore e di come sapere fare fronte a tutte le difficoltà nella vita...e lo piu importante è:sapere accetarle...

  • User Icon

    FRANCESCA83

    08/07/2008 22.47.11

    Mi ero avvicinata a questo libro in modo scettico, ma dopo qualche pagina mi ha incuriosita... Scritto bene, scorrevole! A Veronika invidio soltanto il modo in cui è stata amata...

Vedi tutte le 129 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione