Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 22 maggio 2008
Pagine: 216 p., Brossura
  • EAN: 9788815125286
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 7,02

€ 13,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    vitaliano bacchi

    21/09/2009 16:39:40

    Ottimo saggio di metafisica che fa sperare nel reiterarsi di una scuola di ontologia classica anche in Italia, almeno di livello tedesco, dove l'analisi metafisica è di casa anche se poi deve convivere con un tradizione ermeneutica che ne devasta il campo. Cafagna appartiene alla scuola ontologica fondamentale della analisi filosofica di grande prestigio. Un manualetto da rendere obbligatorio nelle scuole a indirizzo filosofico e non solo per la enorme classe della trattazione ontologica fondamentale, ma anche per la capacità logicista di derivare dall'assiomatizzazione del concetto di ragione l'ontologia essenziale di variabili non solo filosofiche (intelligenza, adattività,diritto)ma di plesso diverso e che qui vengono ontologizzate ad cognitionem, con una efficacia incomparabile.Appartiene alla scuola razionalistica più avanzata l'idea della inderogabilità della trattazione filosofica del sapere, in quanto l'ontologizzazione di discipline estranee, come l'economia o la sociologia o il management, si è dimostrata il mezzo più efficace di apprendimento, tanto che negli autori più fortemente metafisici la filosofia è"salvata" e rivendicata necessaria come la "funzione intelligente" e cioè il piano logico-ontologico di trattazione di fenomeni e scibili tecnici che diventano intelligibili con economia (machiana)di apprendimento. Che la filosofia costituisca il piano di intelligibilità di nozioni o eventi altrimenti non intelligibili in ambito specialistico non è una idea nuova, perchè Platone ed Hegel la intuirono. Ma è con opere come quella di Cafagna che i teorici attuali dell'intelligenza anche computazionale oltre che cognitiva possono disporre di una idea gnoseologica a tal punto prevalente nella formazione delle categorie fondamentali delle classi di sussunzione, da escludere ogni altra preliminare formazione di campo sperimentale per la declinazione fondamentale delle categorie prime della intelligenza in rapporto alla sua condizione di evento e cioè l'apprendimento dell'Ordine, sicut Cafagna dicit.

Scrivi una recensione