Editore: Einaudi
Collana: Nuovi Coralli
Anno edizione: 1996
In commercio dal: 1 gennaio 1997
Pagine: 132 p.
  • EAN: 9788806139995
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione

Raskolnikov e Arianna si incontrano per caso su un treno. Lui è un geniale pianista e musicologo con una concezione estetizzante dell'arte e della vita; lei una intellettuale romantica che ha una concezione morale di entrambe, ed è affascinata-ossessionata dai libri di Primo Levi. Raskolnikov ha i tratti del dandy: si esibisce con parsimonia al pianoforte, preferibilmente in antiche ville affrescate dai suoi pittori preferiti. La coscienza del proprio valore di interprete lo rende ironicamente distaccato. Nella vita pratica si perde un po' e spesso viene salvato dalla concreta Arianna. Il sogno di Arianna è realizzare un grande spettacolo su Primo Levi, in cui le musiche di Mozart siano suonate da Raskolnikov...

€ 5,57

€ 10,33

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 8,78

€ 10,33

Risparmi € 1,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 


recensione di Bianchini, A., L'Indice 1996, n. 6

Questo libro singolare, in apparenza assai semplice, dà, a momenti, un'impressione di estrema compattezza, e, in altri, addirittura si slabbra.Lo sfondo:Torino, città-mistero, città magica che, nella narrativa italiana contemporanea, sembra assumere il ruolo incantatorio che ricopre Lisbona nel panorama europeo.Una Torino che, al di là delle sue ombre e delle sue luci, e, in parte, anche in funzione di queste, ha soprattutto valore come città di Primo Levi. Dunque,Torino come coscienza e memoria.
I protagonisti, nella controcopertina definiti come single, sono in realtà due persone sole, poco legate a obblighi familiari (all'uomo viene però attribuita una madre), ma provviste di amici, altrettanto sciolti dei protagonisti, molto disponibili, e quasi altrettanto vaghi nelle azioni e nelle decisioni.Pasticcioni, gli amici, e un po' goffi, così come sono i due protagonisti: non tanto lei quanto lui, Raskolnikov, il pianista, davvero incapace di affrontare le situazioni più semplici, il tipo di persona che attira su di sé tutti gli incidenti e tutti i disguidi.E tuttavia più di lei vicino al regno della magia, delle possibilità segrete, soprattutto per il dono della musica che lo mette al di sopra degli altri.
Sergej Raskolnikov e Arianna si incontrano in treno, e ci viene detto fin dall'inizio che i due nomi non sono veri.Vere e semplici, invece, le circostanze della loro vita: ambedue diretti in Riviera, in uno scorcio di stagione, fine settembre, lei che legge "Se questo è un uomo" di Primo Levi, lui che sbircia il titolo e la conversazione, il legame, ci è dato intendere, nasce da lì e rimarrà come filo conduttore attraverso tutta la storia.
L'intreccio è fatto di brevissimi incontri che, francamente, non definirei mondani (come ci indicano nuovamente in sede editoriale), ma soprattutto conviviali e in generale falliti, sempre per l'improntitudine di lui. Un'aria di tenerezza e di mistero riscatta i riti quotidiani: tutt'uno con il sentimento che la più pratica Arianna prova nei riguardi di Raskolnikov e del quale sappiamo in realtà pochissimo. Lo ama o non lo ama, incontri casti oppure no?
È chiaro che tutto questo all'autrice non importa. Importa il resto, e cioè quell'insegnamento di PrimoLevi sul dolore, sugli uomini, sulla solidarietà, sulla memoria che sottende alla vita di Arianna e che la donna vuole trasmettere non solo a Raskolnikov ma al mondo di oggi, così indifferente, così dimentico, così diverso. E, alla fine, ci riesce, ed è questa la parte più significativa e chiara di un romanzo che è quasi un apologo.La commemorazione di Primo Levi, in un teatro di Asti, si presenta, all'inizio, quasi come un fallimento: per l'assenza e l'incomprensione del pubblico. E poi, misteriosamente, prende le ali e coinvolge e commuove. E su tutto, quasi a risolverla, le note dell'Adagio di Mozart suonato da Raskolnikov. Un successo? Sì, certo, e tuttavia segna il divario fra il passato e il presente, l'impossibilità dell'identificazione completa con il passato, e sottolinea la banalità del nostro presente.