Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe PDP Libri IT
Salvato in 130 liste dei desideri
Attualmente non disponibile Attualmente non disponibile
Info
Revolutionary Road
11,88 € 12,50 €
LIBRO
Venditore: IBS
+120 punti Effe
-5% 12,50 € 11,88 €
Attualmente non disp. Attualmente non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,88 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,88 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Revolutionary Road - Richard Yates - copertina

Descrizione


È il 1955; i Wheeler sono una coppia middle class dei sobborghi benestanti di New York, che coltiva il proprio anticonformismo con velleità ingenua, quasi ignara della sua stessa ipocrisia: la loro esistenza scorre fra il treno dei pendolari, le cenette alcoliche con i vicini, le recite della filodrammatica locale, ma Frank e April si sentono destinati a una vita creativa e di successo, possibilmente in Europa. Nella storia della giovane famiglia in apparenza felice la tensione è nascosta ma crescente, il lieto fine impossibile, e l'inevitabile esplosione arriva con una potenza da dramma shakespeariano.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2009
12 gennaio 2009
457 p., Rilegato
9788875212025

Valutazioni e recensioni

4,19/5
Recensioni: 4/5
(43)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(22)
4
(13)
3
(4)
2
(2)
1
(2)
Patrizia franchina
Recensioni: 4/5

RICHARD YATES è l’autore del romanzo REVOLUTIONARY ROAD, un’opera scorrevole, scritta con buon ritmo; ambientato nei sobborghi di New York negli anni 50, narra la storia di una giovane coppia benestante che aspira a entrare definitivamente nel giro dei ricchi e per questo, l’esistenza di April e Frank scorre nell’ipocrisia, nell’adulazione, nella necessità estenuante di apparire; nella narrazione si alternano cenette in famiglia e con gli amici, si raccontano gelosie e rivalità nascoste, discussioni sterili e per compiacere , si consumano fiumi di alcol, sigarette...e qualche tradimento di tanto in tanto! Tutto è sacrificato nel disperato tentativo di dimostrare di essere una famiglia felice, perfetta, tutti sorrisi e armonia. Il malessere sociale però si insinua nella relazione di coppia e tra i pochi amici , così, la mancanza di sincerità, l’incapacità di essere se stessi, il mancato riconoscimento proprie debolezze, la non condivisione dei propri desideri, aumentano la tensione e allontanano i due giovani e creano un senso di vuoto che non potrà non tramutarsi in tragedia. E’ il quadro delle contraddizioni all’interno della società americana in cui il legittimo desiderio di riuscire nella vita, di raggiungere la ricchezza, diventa obiettivo primario a cui sacrificare ogni altro bene.

Leggi di più Leggi di meno
Gabriele
Recensioni: 4/5

Bellissimo libro, ben scritto e gradevole alla lettura. Non sconvolgente, non rivoluzionario, non turba l'animo. Semplicemente gradevole e graziosa lettura e letteratura. Storie comuni, vita reale, poca fantasia. Ottimo passatempo per qualche ora di relax. Cioè il lettore perfetto di questo romanzo in definitiva è proprio il personaggio tipico di questo romanzo, il borghese americano del Novecento.

Leggi di più Leggi di meno
Alessandro
Recensioni: 3/5

Una giovane coppia americana improntata a vivere su luoghi comuni ,circondati dalle illusioni che crescono giorno dopo giorno,arrivando al punto fermo dove non si può tornare indietro.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,19/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(22)
4
(13)
3
(4)
2
(2)
1
(2)

La recensione di IBS

È come un dramma recitato in uno squallido teatro parrocchiale, la storia dei Wheeler. è la storia di due trentenni americani che negli anni Cinquanta vivono alla periferia di New York. Una coppia che ha vissuto soltanto l'eco dei ruggenti anni Venti e che ne porta addosso i graffi: l'ambizione frustrata e il fallimento traspaiono da ogni gesto, colano dagli specchi deformati della loro casa piccolo borghese.
è Richard Yates, nel 1961, a dare il via alla disillusione americana, pubblicando un romanzo che presto diventò un cult per un'intera generazione di scrittori, Carver in testa. Pubblicato per la prima volta in Italia da Garzanti nel 1964, con il titolo I non conformisti, nel 2003 è stato riproposto da Minimum fax e ora la casa editrice romana lo ristampa in una nuova veste editoriale e con la prefazione di Richard Ford. Ed è proprio scorrendo le righe scritte da Ford che si comprende il motivo per cui anche Hollywood, a distanza di quasi sessant'anni, abbia riscoperto il talento letterario di Richard Yates, lanciando un film, intitolato appunto Revolutionary Road, che si annuncia come un successo clamoroso.
Una contemporaneità disarmante, quella di Yates, uno scrittore capace di cogliere le nevrosi di una società che si compiace della propria immagine, pur essendo perfettamente cosciente dalla propria ipocrisia. Frank e April, i giovani protagonisti del romanzo, sanno perfettamente di essere stati risucchiati all'interno delle dinamiche perverse della middle class americana, e sanno anche che i fasti e gli slanci de Il grande Gatsby sono lontani dagli insulsi aperitivi che trangugiano in compagnia dei vicini. Sono l'ombra dell'immagine del mito americano di quegli anni, della famiglia bianca, mononucleare, che cerca la propria affermazione all'interno del nascente capitalismo avanzato, ma che trova soltanto la violenza delle aspirazioni represse.
Il lavoro, in un vecchio stanzone male illuminato in cui cento impiegati sono separati da sottili pareti divisorie; il viaggio in treno verso casa, insieme a frotte di pendolari; il vialetto di una casa bianca, plastificata, igienizzata, il tutto accompagnato da un sorriso blando, vari bicchieri di Martini e una quantità imprecisata di sigarette. La loro più grande ambizione, quella di mollare tutto per andare a vivere a Parigi con i loro due figli, si infrange di fronte all'inettitudine della vita quotidiana, all'incapacità cronica di affrontare tutto, la passione come la noia, lo slancio e l'apatia.Attraverso una serie di immagini sovraesposte, in cui l'attenzione per i movimenti impercettibili, le smorfie, i riflessi incondizionati esprime un uso quasi pornografico della penna, Richard Yates trasmette tutto il disagio dell'Occidente. Lo fa in tempi non sospetti, cioè quando il modello americano iniziava ad essere esportato in tutto il mondo, ma ritorna prepotentemente attuale in questi giorni, quando nessuno dubita degli effetti virali di quel modello, quando neanche la scrittura sontuosa di Yates, è capace di riscattarlo.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Richard Yates

1906, Yonkers

Richard Yates nasce da Vincent, aspirante tenore diventato rappresentante della General Electric, e da Ruth, detta Dookie, scultrice sempre sul punto di sfiorare il successo. Dopo l'abbandono del marito, pur senza un soldo Dookie cerca di far frequentare ai figli scuole e ambienti che li rendano persone raffinate.Nel 1944, subito dopo il diploma, Richard viene arruolato e spedito in Francia. Comincia a leggere scoprendo Wolfe, Hemingway, Eliot e soprattutto Il grande Gatsby, che riterrà sempre, con Madame Bovary, il libro-chiave della tecnica narrativa.Congedatosi nel 1946, si sposa a New York; nel 1951 grazie a una piccola pensione assegnatagli per la lieve forma di tubercolosi contratta in servizio può tornare in Europa e dedicarsi per due anni e mezzo alla scrittura a tempo...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore