Ritratti del desiderio - Massimo Recalcati - copertina

Ritratti del desiderio

Massimo Recalcati

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Collana: I fili
Anno edizione: 2012
Pagine: 190 p., Brossura
  • EAN: 9788860304445
Salvato in 86 liste dei desideri

€ 14,00

Solo una copia disponibile

+ 7,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'Occidente capitalista ha prodotto una nuova forma di schiavitù: l'uomo senza desideri, condannato a conseguire un godimento schiacciato sul consumo compulsivo e perennemente insoddisfatto. Era la tesi di "L'uomo senza inconscio": nel nostro tempo il desiderio rischia l'estinzione. Ma quando diciamo "desiderio" che genere di esperienza evochiamo? Qual è il significato di questa "parola" così fondamentale per la realtà umana? Massimo Recalcati indaga qui un tema chiave della dottrina di Lacan: il desiderio e i suoi enigmi. Come in una galleria di ritratti vengono raffigurati i diversi volti del desiderio umano: il desiderio invidioso, il desiderio di riconoscimento, il desiderio di "niente", il desiderio angosciante, il desiderio sessuale, il desiderio d'amore, il desiderio di morte, il desiderio dell'analista... Ne scaturisce una sintesi semplice e avvincente, che può essere considerata l'introduzione più efficace e più leggibile al pensiero di Lacan.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Cristiana

    30/08/2016 23:52:23

    Saggio stupendo: interessante e direi persino avvincente. Niente affatto banale eppure sorprendente per la luminosa chiarezza. Avevo ascoltato la conferenza di cui il saggio è un'estensione e sono molto molto felice di essermi fatta tentare dall'acquisto

  • User Icon

    Egome

    16/02/2013 11:42:29

    Dare un voto a un testo di psicanalisi e filosofia è certamente riduttivo. Il libro è piccolo, ma di gande contenuto. Gli argomenti sono seri, fanno molto meditare e ti arricchiscono di un viaggio introspettivo senza precedenti (non tutti conoscono Lacan, e Recalcati te lo propone in maniera solida, ma assolutamente fruibile anche per i non addetti ai lavori). Possiamo certamente riconoscerci in alcuni degli schemi di 'desiderio' proposti. Un tuffo nell'abisso dell'animo umano, dove ti appaiono creature finora sconosciute o al massimo ipotizzate e che ora puoi toccare con mano... La risalita in superficie rimane però problematica e purtoppo mancano indicazioni su come realizzarla. Bello però, e scritto da uno che in conferenza sa affascinare il pubblico, coinvolgendolo.

Massimo Recalcati, tra i più noti psicoanalisti italiani, indaga un tema chiave della dottrina di Lacan: il desiderio e i suoi enigmi. Come in una galleria di ritratti vengono raffigurati i diversi volti del desiderio umano: il desiderio invidioso, il desiderio di riconoscimento, il desiderio di desiderio, il desiderio angosciante, il desiderio sessuale, il desiderio di morte, il desiderio d’amore. Ne scaturisce una sintesi semplice e avvincente, che può essere considerata l’introduzione più efficace e più leggibile al pensiero di Lacan.

  • Massimo Recalcati Cover

    Massimo Recalcati è uno psicoanalista lacaniano e autore. Si è formato alla psicoanalisi a Parigi con Jacques-Alain Miller. Tra i più noti psicoanalisti in Italia, è membro analista dell’Associazione lacaniana italiana di psicoanalisi e direttore dell’IRPA (Istituto di ricerca di psicoanalisi applicata). È stato direttore scientifico nazionale dell'ABA (Associazione per lo studio e la ricerca dell'anoressia e della bulimia) dal 1994 al 2002. Ha insegnato nelle Università di Milano, Padova, Urbino e Losanna. Oggi insegna Psicopatologia del comportamento alimentare presso l’Università degli Studi di Pavia e Psicoanalisi e scienze umane presso il Dipartimento di Scienze Umane dell'Università degli Studi di Verona.Nel 2003... Approfondisci
Note legali