Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Romeo e Giulietta. Testo inglese a fronte - William Shakespeare - copertina

Romeo e Giulietta. Testo inglese a fronte

William Shakespeare

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Salvatore Quasimodo
Curatore: Anna Luisa Zazo
Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Edizione: 2
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
Pagine: 251 p.
  • EAN: 9788804499398
Salvato in 33 liste dei desideri

€ 6,99

Venduto e spedito da LETTORILETTO

spinner

Disponibilità immediata

Solo una copia disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Romeo e Giulietta" intreccia numerosi elementi nella vicenda dei due innamorati "nati sotto contraria stella". Dalla "morte viva" al drammatico scontro tra due generazioni - la lotta tra le ragioni dell'odio e le ragioni dell'amore - il dramma si arricchisce di temi la cui complessità va oltre la vicenda d'amore. Tuttavia è questa a fare di "Romeo e Giulietta" l'opera forse più celebre e più amata di Shakespeare e nel contrasto tra la purezza, l'appassionata consapevolezza dell'amore e l'inesorabile concatenarsi delle circostanze funeste va cercata la grandezza del dramma, la chiave della sua autentica dimensione tragica annunciata nel Prologo grazie alla contrapposizione dei due termini amore e contraria stella.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,46
di 5
Totale 24
5
16
4
4
3
3
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Lady Libro

    19/01/2013 15:47:17

    Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare, almeno una volta nella vita, di Romeo e Giulietta, i più famosi e sfortunati amanti della storia. Proprio perché ne conoscevo già la storia (che non mi aveva mai invogliato alla lettura), leggere l'opera per me non è stato il massimo della piacevolezza. Riconosco, tuttavia, che ha indubbiamente il suo valore e i suoi pregi. In primis lo stile, le metafore, il linguaggio poetico di Shakespeare. Sebbene tutti questi elementi si trovino in situazioni fuori luogo, ma proprio per un intento rivolto alla contemplazione pura e semplice di un'espansione di bellezza fine a se stessa, non credo di aver mai letto parole così soavi e raffinate, capaci di parlare direttamente al lettore, alla sua anima e al suo cuore. E mi viene una grande tristezza quando penso che questo modo di scrivere che incanta è ormai quasi del tutto estinto. L'altra cosa che ho amato sono i due protagonisti: sono due ragazzini, ma parlano, vivono e amano come adulti, mica come i ragazzini d'oggi con le loro relazioni effimere e tante belle parolone buttate al vento. Romeo e Giulietta s'innamorano a prima vista, si vedono poche volte, ma in quei rari momenti lo splendore delle loro parole e dei loro sentimenti raggiunge il culmine. Essi sono perfettamente consapevoli che la loro relazione avrà conseguenze terribili, che si muoverà in eterno fra vita e morte, che non troverà subito la pace, ma, nonostante ciò, non smetteranno mai di amarsi. "Romeo e Giulietta" è l'amore per antonomasia. Un amore ideale, surreale, ma proprio per questo immortale e sempre vivo nella storia. D'altronde, è proprio la fantasia che fa sognare molti di noi, no?

  • User Icon

    sandro landonio

    14/07/2010 10:25:23

    Romeo e Giulietta parla al cuore delle persone e pertanto può essere giudicato solo attraverso un filtro che non ecceda in intellettualità. L’analisi delle fonti, l’approfondimento del testo, il rispetto delle tre unità vengono in secondo piano rispetto alle emozioni che la tragedia è in grado (o meno) di suscitarti. Il contrappunto razionale di Madama Capuleti (“un dolore moderato è indice di molto affetto, ma un dolore esagerato è indizio di poco senno”), lascivo dei servi (“mi sentiranno finché sto ritto, e lo sanno tutte che sono un bel boccone di carne”) , scherzoso di Mercuzio (“se l’amore è villano con te, sii villano con lui. Bucalo se ti buca e buttalo giù”) non fanno che esaltare l’estremo romanticismo di Giulietta (“vieni amorosa e accigliata notte, dammi il mio Romeo; e quando morirà prendilo e ritaglialo in tante stelline, perché allora il cielo diverrà così lucente che tutti s’innamoreranno della notte e non adoreranno più lo sfacciato sole”). Lo stesso Romeo, che, innamorato di Rosalina all’inizio della tragedia, se la scorda un attimo dopo, non riesce ad avvicinarsi alla profondità delle immagini d’amore che esprime Giulietta: è lei l’unica protagonista attorno a cui ruota il destino di tutti: una spirale che avvolge i due amanti, trascina nella sua rotazione d’amore i Capuleti ed i Montecchi, influenza il pur potente Scaligero ed è tuttora da noi celebrata.

  • User Icon

    Laron

    06/04/2010 16:32:01

    Da perfetto profano di quello che è il mondo della tragedia o la letteratura inglese dico solo che la storia (Che bene o male tutti conoscono) è scritta in modo semplice ma non banale, chiara ma non accecante... Alcune frasi ti colpiscono... da leggere. Voto reale 4.5

  • User Icon

    Angela

    08/04/2008 13:24:15

    E' di certo un capolavoro,ma non è la mia opera preferita di Shakespeare...se di romanticismo vogliamo parlare a me sembra assurdo che due si conoscono e già si amano e il giorno dopo si sposano!!...entra nel patetico e ridicolo ma ciò nulla toglie ad un linguaggio direi sublime e che ha saputo oltrepassare la barriera del tempo.

  • User Icon

    bambolina

    09/01/2008 21:59:18

    già...io romeo e giulietta lo faccio a teatro, e vi posso assicurare, ke è un testo stupendamente stratosferico!!!!!! è uno dei testi + belli ke abbia mai letto!

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    08/11/2007 13:06:58

    si S. è un genio ma sinceramente non è roba x me...mi sono annoiato parecchio...in definitiva è bene che dalle commedie teatrali io stia lontano...

  • User Icon

    Dioniso91

    28/09/2007 18:48:19

    "Lassù è l'Oriente, e Giulietta è il sole! Sorgi, bel sole e uccidi l'invidiosa luna già pallida..." Che si può dire? Nulla: Shakespeare non ha bisogno delle nostre parole. Dobbiamo lasciare che sia lui a parlare per noi. Ma un apprezzamento bisogna farlo. Teatro. Questo testo è nato per il teatro, eppure più vai avanti nella lettura, più ti sembra un romanzo, un film, un racconto. Romeo e Giulietta è una summa di tutti i generi letterari che coesistevano nell'Inghilterra di allora fino ad arrivare alla splendida maestosità delle scene finali. Credetemi, non sarete mai completi se non avrete mai letto questa tragedia, che vi consiglio assolutamente. Ciao!

  • User Icon

    °°veronica°°

    04/09/2007 12:52:31

    sono stata costretta a leggere qst libro durante le vacanze estive...inizialmente nn mi piaceva l'idea di doverlo leggere lo credevo noiso con un linguaggio ormai superato invece più andavo avanti con la lettura e più mi appassionavo alla vicenda ...è un libro avvero FANTASTICO!!!!!!!! lo consiglio a tutti veramente ....leggetelo!!!

  • User Icon

    Jessica

    01/05/2007 19:54:27

    Ho letto anche io da pochi giorni questo libro bellissimo, Romeo e Giulietta.Questo amore diffcile e travagliato che la vita ha oscurato e la morte ha riunito. La maestria di Shakespeare nella minuziosa descirizione dei personaggi, dei luoghi e dei caratteri dei personaggi stessi.. Lo consiglio a chi, come me, è amante di Shakespeare e amante dei sogni e desideri d'amore..nonostante ho 20 anni!!!

  • User Icon

    Ramona

    30/11/2006 15:08:18

    BELLISSIMO...

  • User Icon

    Laura

    10/11/2006 13:59:50

    Sicuramente non una delle migliori opere di shackespeare, ma rimane comunque un capolavoro...shackespeare è riuscito scrivere della nascita,la vita e la morte di un amore facendogli vedere la luce solo 7 giorni,a dispetto della storia originale che durava circa un anno. Con grande sapienza e maestria ha caratterizzato i personaggi, e con una padronanza dei tempi teatrali, li ha fatti comparire al momento giusto. La padronanza della lingua è sconvolgente, e lo porta a creare frasi romantiche e indimenticabili e raffinati versi spinti celati dietro a parole comuni come "maschera" o "germoglio" che mai ci sogneremo di usare per descrivere certe cose. Consigliato a tutti!

  • User Icon

    Eugenio

    08/06/2006 08:49:03

    mah, sarà che nel 2000 è troppo difficile apprezzare quei gironzolii di parole, fatto sta che non mi ha entusiasmato, cmq ci son un paio di perle di saggezza. son 80 paginette, almeno non perdi troppo tempo, in un pomeriggio te lo leggi tutto. spettacolare la profezia finale.

  • User Icon

    Antonello di Alghero

    22/02/2006 20:24:48

    Cosa dire userò pocche parole che si un capolavoro o il capolavoro è troppo faccile dirlo io vi dico solo ch'è l'unico libro che mi abbia mai commosso se volete un consiglio leggete e poi ditemi se ne è valsa la pena

  • User Icon

    KETTY

    23/11/2005 13:51:54

    Romeo e Giulietta di William Shakespeare...che dire un vero e proprio capolavoro!io ho letto tanti libri ma questo è il mio preferito in assoluto.il modo in cui Shakespeare descrive la storia è intenso,profondo e unico.per me William Shakespeare è un genio e consiglio a tutti di leggere questo libro e nn solo,ma tutti gli altri suoi scritti.

  • User Icon

    Erika

    01/10/2005 14:25:25

    Lo consiglio a tutti indistintamente. Mi ha fatto piangere, ma anche riflettere sulla differenza di pensiero dei due innamorati, del padre di Giulietta, della balia e di Paride. Per il vecchio Capuleti l'amore è solo una questione di tornaconti; per la balia è solo compiacimento fisico e per Paride si tratta unicamente di un dovere per essere considerato beneducato.

  • User Icon

    Elena

    30/07/2005 14:17:10

    Romeo e Giulietta, il valore di un'opea eterna ed universale...non lo si può descrivere a parole, per questo mi permetto solo di consigliarne la lettura. Shakespeare era veramente un poeta, un attento conoscitore dell'animo umano e della vita.

  • User Icon

    paola

    26/07/2005 16:21:11

    ragazze...è bellissimo e lo consiglio a tutte ma soprattutto lo consiglio ai ragazzi...perchè qualche lezione di romanticismo non fa mai male...

  • User Icon

    ERIN

    19/03/2005 18:41:52

    shakespeare con questo libro non mi è piaciuto, l'ho trovato molto noioso, nonchè privo di senso...ho capito meglio la storia guardando il film con un grande leonardo di caprio...cmq non do il voto più basso perchè non è da butar via...e in fin de conti non sono una scrittrice...

  • User Icon

    letizia

    01/03/2005 13:46:56

    Appena ho incominciato ha leggere la storia di Romeo e Giulietta mi ha fatto capire quanto sia grande l'amore anche se le propie famiglie lottano fra di loro. Mi sono appassionata moltissimo perche ha notato che è un racconto da more ma nello stesso tempo drammatico morire per amore come hanno fatto Romeo e Giulietta. Vi consiglio di leggere ma nello stesso tempo di sentire quello che dice il vostro cuore ciao.

  • User Icon

    Rosita

    21/02/2005 18:45:44

    posso confermare e consigliare questo libro a tutte le persone che amano.. io l'ho letto in lingua inglese è stata dura ma mi sono appassionata enormemente... un consiglio che posso dare a chi lo legge: fate della loro storia d'amore il vostro baglio affichè quello che è successo a loro non capiti più a nessuno.. perchè bisogna ricordare ad alcune persone che siamo nel 2005 e l'amore è sempre più cieco!

  • User Icon

    stella

    30/12/2004 12:00:57

    io credo che questo libro sia importantissimo per tutti , ma soprattutto per quelli che non hanno ancora capito cosa vuol dire l'amore. Un mio consiglio per tutti quelli che hanno letto questo libro e che sono innamorati. Se siete innamorati , non permettete a nessuno di portarvi via la vostra amata , ma lottate fino in fondo per ottenere quello che volete. Fate cosììììììììììì Un bacio Stella

  • User Icon

    dark_lady

    31/10/2004 16:54:52

    Un capolavoro. Shakespeare è da molti considerato l'inventore dell'uomo moderno. E lo è a ragione.

  • User Icon

    Mariachiara

    20/06/2004 19:40:22

    ...E' un libro di estrema profondità, passionalità, mistero...AMORE. Una storia che attira i cuori, e persino le anime di ogni lettore! Un'appassionante vicenda tra il surreale ed il reale, narrazione d'amicizia, di odio e d'amore... "O' sonno, che sonno non è; quello che tiene gli occhi aperti...questo è l'amore che io provo per te!" Storia che (certamente)non accade ogni giorno, ma storia che (sicuramente) fa sognare e volare i pensieri, i sentimenti e le emozioni di ogni persona...

  • User Icon

    Marty

    19/02/2002 19:22:25

    Questa è una emozionante tregedia. Narra di un amore impossibile tra due Veronesi, Romeo e Giulietta. Visto che la storia di questi due giovani è talmente famosa che tutti ne sono al corrente,o quasi, ho deciso di non raccontarvi la trama, ma di citare due o tre frasi che mi hanno particolarmente fatto sognare. Parla Romeo: " L'amore è un fumo fatto col vapore dei sospiri;purificato. E' un fuoco ardente che splende negli occhi degli amanti. Se avversato, è un mare che si nutre delle loro lacrime. Che altro? Una pazzia discreta, una amarezza soffocante, una dolcezza che lenisce...." e questa non è una delle frasi più belle! leggetelo...vi scongiuro...non ve ne pentirete!!! FIDATEVI

Vedi tutte le 24 recensioni cliente
  • William Shakespeare Cover

    Nacque da John, guantaio e piccolo proprietario terriero e da Mary Arden, di famiglia socialmente più elevata di quella del marito. Terzo di otto fratelli, studiò nella scuola di Stratford, che dovette forse abbandonare per sopravvenute ristrettezze economiche. A 18 anni si sposò con la venticinquenne Anne Hathaway da cui ebbe subito la prima figlia Susan, causa delle affrettate nozze, e nel 1585 i due gemelli Judith e Hamnet, morto poi nel 1596. Fino al 1592 non ci sono notizie attendibili; certo è che a questa data aveva ormai lasciato famiglia e paese natio per trasferirsi a Londra, dove era in contatto con l’ambiente degli University Wits. Nel periodo della peste (1593-94) scrisse due opere poetiche dedicate al duca di Southampton:... Approfondisci
Note legali
Chiudi