Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe PDP Libri IT
Romeo e Giulietta. Testo inglese a fronte - William Shakespeare - copertina
Salvato in 38 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Romeo e Giulietta. Testo inglese a fronte
7,04 €
LIBRO USATO
Venditore: LETTORILETTO
7,04 €
disp. immediata disp. immediata (Solo una copia)
+ 5,50 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
LETTORILETTO
7,04 € + 5,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
LETTORILETTO
7,04 € + 5,50 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Romeo e Giulietta. Testo inglese a fronte - William Shakespeare - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


"Romeo e Giulietta" intreccia numerosi elementi nella vicenda dei due innamorati "nati sotto contraria stella". Dalla "morte viva" al drammatico scontro tra due generazioni - la lotta tra le ragioni dell'odio e le ragioni dell'amore - il dramma si arricchisce di temi la cui complessità va oltre la vicenda d'amore. Tuttavia è questa a fare di "Romeo e Giulietta" l'opera forse più celebre e più amata di Shakespeare e nel contrasto tra la purezza, l'appassionata consapevolezza dell'amore e l'inesorabile concatenarsi delle circostanze funeste va cercata la grandezza del dramma, la chiave della sua autentica dimensione tragica annunciata nel Prologo grazie alla contrapposizione dei due termini amore e contraria stella.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2
2001
Tascabile
251 p.
9788804499398

Valutazioni e recensioni

4,46/5
Recensioni: 4/5
(24)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(16)
4
(4)
3
(3)
2
(1)
1
(0)
Lady Libro
Recensioni: 3/5

Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare, almeno una volta nella vita, di Romeo e Giulietta, i più famosi e sfortunati amanti della storia. Proprio perché ne conoscevo già la storia (che non mi aveva mai invogliato alla lettura), leggere l'opera per me non è stato il massimo della piacevolezza. Riconosco, tuttavia, che ha indubbiamente il suo valore e i suoi pregi. In primis lo stile, le metafore, il linguaggio poetico di Shakespeare. Sebbene tutti questi elementi si trovino in situazioni fuori luogo, ma proprio per un intento rivolto alla contemplazione pura e semplice di un'espansione di bellezza fine a se stessa, non credo di aver mai letto parole così soavi e raffinate, capaci di parlare direttamente al lettore, alla sua anima e al suo cuore. E mi viene una grande tristezza quando penso che questo modo di scrivere che incanta è ormai quasi del tutto estinto. L'altra cosa che ho amato sono i due protagonisti: sono due ragazzini, ma parlano, vivono e amano come adulti, mica come i ragazzini d'oggi con le loro relazioni effimere e tante belle parolone buttate al vento. Romeo e Giulietta s'innamorano a prima vista, si vedono poche volte, ma in quei rari momenti lo splendore delle loro parole e dei loro sentimenti raggiunge il culmine. Essi sono perfettamente consapevoli che la loro relazione avrà conseguenze terribili, che si muoverà in eterno fra vita e morte, che non troverà subito la pace, ma, nonostante ciò, non smetteranno mai di amarsi. "Romeo e Giulietta" è l'amore per antonomasia. Un amore ideale, surreale, ma proprio per questo immortale e sempre vivo nella storia. D'altronde, è proprio la fantasia che fa sognare molti di noi, no?

Leggi di più Leggi di meno
sandro landonio
Recensioni: 4/5

Romeo e Giulietta parla al cuore delle persone e pertanto può essere giudicato solo attraverso un filtro che non ecceda in intellettualità. L’analisi delle fonti, l’approfondimento del testo, il rispetto delle tre unità vengono in secondo piano rispetto alle emozioni che la tragedia è in grado (o meno) di suscitarti. Il contrappunto razionale di Madama Capuleti (“un dolore moderato è indice di molto affetto, ma un dolore esagerato è indizio di poco senno”), lascivo dei servi (“mi sentiranno finché sto ritto, e lo sanno tutte che sono un bel boccone di carne”) , scherzoso di Mercuzio (“se l’amore è villano con te, sii villano con lui. Bucalo se ti buca e buttalo giù”) non fanno che esaltare l’estremo romanticismo di Giulietta (“vieni amorosa e accigliata notte, dammi il mio Romeo; e quando morirà prendilo e ritaglialo in tante stelline, perché allora il cielo diverrà così lucente che tutti s’innamoreranno della notte e non adoreranno più lo sfacciato sole”). Lo stesso Romeo, che, innamorato di Rosalina all’inizio della tragedia, se la scorda un attimo dopo, non riesce ad avvicinarsi alla profondità delle immagini d’amore che esprime Giulietta: è lei l’unica protagonista attorno a cui ruota il destino di tutti: una spirale che avvolge i due amanti, trascina nella sua rotazione d’amore i Capuleti ed i Montecchi, influenza il pur potente Scaligero ed è tuttora da noi celebrata.

Leggi di più Leggi di meno
Laron
Recensioni: 4/5

Da perfetto profano di quello che è il mondo della tragedia o la letteratura inglese dico solo che la storia (Che bene o male tutti conoscono) è scritta in modo semplice ma non banale, chiara ma non accecante... Alcune frasi ti colpiscono... da leggere. Voto reale 4.5

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,46/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(16)
4
(4)
3
(3)
2
(1)
1
(0)

Conosci l'autore

William Shakespeare

1564, Stratford upon Avon

Nacque da John, guantaio e piccolo proprietario terriero e da Mary Arden, di famiglia socialmente più elevata di quella del marito. Terzo di otto fratelli, studiò nella scuola di Stratford, che dovette forse abbandonare per sopravvenute ristrettezze economiche. A 18 anni si sposò con la venticinquenne Anne Hathaway da cui ebbe subito la prima figlia Susan, causa delle affrettate nozze, e nel 1585 i due gemelli Judith e Hamnet, morto poi nel 1596. Fino al 1592 non ci sono notizie attendibili; certo è che a questa data aveva ormai lasciato famiglia e paese natio per trasferirsi a Londra, dove era in contatto con l’ambiente degli University Wits. Nel periodo della peste (1593-94) scrisse due opere poetiche dedicate al duca di Southampton:...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore